Riassunto sulla scrittura

On Writing Recensione sintetica dell'audiolibro | Stephen King

Memoria di un mestiere

La vita si dà da fare. Ha Sulla scrittura è stato nella vostra lista di lettura? Scoprite subito le intuizioni chiave.

Stiamo grattando la superficie. Se non avete ancora il famoso libro di Stephen King sulla produttività e sul superamento della procrastinazione, ordinatelo. qui o ottenere l'audiolibro per libero su Amazon per conoscere i dettagli succosi.


Introduzione 

Sulla scrittura è in parte un libro di memorie e in parte un manuale di istruzioni. Ci guida attraverso le parti essenziali della vita di Stephen King, offrendoci anche i consigli che ha imparato lungo il cammino. Il risultato è un libro che offre un'ampia gamma di indicazioni per chi è interessato a scrivere in qualsiasi veste. Dal superamento della dipendenza alla pubblicazione del suo primo libro, Stephen King offre la sua saggezza di vita agli scrittori di domani. 

Informazioni su Stephen King

Stephen King è uno scrittore bestseller del New York Times che si è fatto un nome nei generi horror e fantasy con libri come "Carrie", "Shining" e "IT". Molti dei suoi lavori sono stati adattati per il cinema e la televisione. I suoi libri hanno venduto più di 350 milioni di copie in tutto il mondo.

StoryShot #1: C.V.

Stephen era appassionato di scrittura fin dalla giovane età. La prima volta che ha guadagnato soldi con la sua scrittura è stato quando ha visto un film horror e ha venduto le sue trascrizioni alla gente a scuola. Successivamente, Stephen si è appassionato a scrivere le sue storie. Tuttavia, ricevette un rifiuto dopo l'altro quando inviò queste storie per la pubblicazione. Stephen appuntava ognuno di questi rifiuti sul muro della sua camera da letto. Tuttavia, il numero di rifiuti divenne così grande che il chiodo cadde sotto il peso. Questo periodo di rifiuti fu tra i 14 e i 16 anni. Tuttavia, all'età di 16 anni, riceveva almeno lettere di rifiuto scritte a mano piuttosto che generiche. Questo era un segno incoraggiante che aveva il potenziale per diventare grande.

Dopo aver ricevuto così tanti rifiuti, Stephen ha iniziato a studiare i mercati della scrittura sul Writer's Digest. Inoltre, ha iniziato a inviare sempre più storie a diverse riviste. Nonostante questo, Stephen continuava a ricevere rifiuti dalla gente. Scriveva storie particolarmente cruente e cercava di venderle a scuola. Tuttavia, la scuola lo punì a causa della natura delle sue storie. La scuola gli assegnò un consulente di orientamento che gli suggerì di diventare un giornalista sportivo. Non sorprende che Stephen non abbia preso bene questo suggerimento.

StoryShot #2: Il primo libro di King

Il primo libro completo di King si chiamava Carrie. Lo scrisse quando trovò un lavoro come insegnante di inglese. Tuttavia, odiava la prima bozza di questo libro. Gettò questa bozza nel cestino perché non credeva che avesse del potenziale. Tuttavia, sua moglie pescò il libro dal cestino e lo lesse lei stessa. Vide il potenziale del libro e incoraggiò Stephen a continuare a scrivere. Il libro finì per essere un fantastico successo, dato che Carrie fu pubblicato con i suoi diritti in brossura venduti per l'incredibile cifra di 400 mila dollari. Questa quantità è una grossa cifra oggi, ma era una somma enorme nel 1974. Inoltre, questo denaro aveva un valore aggiunto perché Stephen ne usò una parte per pagare le cure di sua madre, alla quale era stato recentemente diagnosticato un cancro all'utero. Anche con le cure, la madre di Stephen morì. Lei aveva cresciuto Stephen e suo fratello come madre single, dato che il padre di Stephen li aveva abbandonati quando lui era giovane.

StoryShot #3: Le dipendenze di Stephen

Per gran parte della sua vita, Stephen ha lottato sia con la droga che con l'alcol. Stephen ha descritto le sue dipendenze come equivalenti ad alcuni dei personaggi assassini inclusi nei suoi romanzi. Il suo uso di droghe ha avuto un impatto significativo su tutte le parti della sua vita. Ricorda che era presente quando sua madre morì. Tuttavia, aveva i postumi di una sbornia. Inoltre, non ricorda nemmeno di aver scritto alcuni dei suoi libri perché era così ubriaco.

StoryShot #4: Lavoro

Stephen descrive la migliore scrittura come intima. Questa intimità deve applicarsi sia al lavoro facile che a quello difficile. Pertanto, Stephen non raccomanda di fermare un lavoro solo perché lo si trova impegnativo, sia emotivamente che creativamente. Spingere attraverso questi blocchi emotivi e creativi fa parte del lavoro verso una grande opera di scrittura. Potrebbe sembrare che ciò che si sta scrivendo non sia perfetto, ma spesso ci si sorprende di quanto sia perfetta la scrittura che viene fuori da questi momenti. Stephen sapeva che suo fratello non sarebbe mai diventato un musicista professionista perché non era disposto a continuare a spingere attraverso i momenti difficili. Non si sarebbe mai accontentato di suonare il suo corno in tutti i momenti. Suo fratello suonava il suo corno quando ne aveva voglia, e poi tornava subito nella custodia. 

Stephen suggerisce di trovare qual è il tuo talento. Poi, una volta trovato questo talento, si dovrebbe praticare questo talento fino a quando le dita non sanguinano e gli occhi sono pronti a cadere dalla testa. Come creatore, fare qualcosa in cui hai talento ti aiuterà a portare gioia. Questa gioia aiuterà a far sentire ogni atto come una performance, anche se sei da solo. 

Per gli scrittori, scrivere non dovrebbe sembrare un vero lavoro. Invece, dovrebbe essere una specie di gioco ispirato. Scrivere significa arricchire la vita di coloro che leggeranno il tuo lavoro e arricchire la tua stessa vita. Scrivere significa alzarsi, stare bene e superare. 

 

StoryShot #5: Avverbi

Stephen vede gli avverbi come paurosi. Stephen spiega che usa gli avverbi per la stessa ragione che usa qualsiasi scrittore, cioè la paura che il lettore non capisca altrimenti. Tuttavia, Stephen sostiene che la paura è alla base di quasi tutta la cattiva scrittura. Pertanto, cerca di limitare il più possibile l'uso degli avverbi. Come dice Stephen, si vuole gettare una corda ad un uomo che sta annegando piuttosto che fargli perdere i sensi con novanta piedi di cavo d'acciaio. 

StoryShot #6: buona scrittura

La lingua non deve essere sempre elegante e cortese. La narrativa non consiste nell'essere grammaticalmente corretti. Invece, la narrativa consiste nel far sentire il lettore benvenuto. Poi, raccontare loro una storia che li aiuterà a dimenticare che stanno persino leggendo una storia. La scrittura nella sua forma più semplice è seduzione, e un buon discorso fa parte della seduzione. Perciò, usare qualcosa come un paragrafo di una sola frase è un modo efficace di sedurre i lettori. Un paragrafo di una sola frase è più simile al parlare che allo scrivere. 

La buona scrittura si basa sulla padronanza dei fondamenti da parte dello scrittore:

  • Vocabolario
  • Grammatica
  • Elementi di stile
  • Leggere molto
  • Scrivere molto

Stephen raccomanda alle persone di leggere la cattiva prosa. La cattiva prosa ci aiuta a capire gli errori da evitare quando scriviamo noi stessi. Per questo, Stephen spiega che un romanzo come I ponti di Madison County vale un semestre in una buona scuola di scrittura. Imparare da chi ha fallito nell'essere un buon scrittore. 

Inoltre, anche leggere buona scrittura vi aiuterà. Leggere molta buona scrittura vi insegnerà a scrivere con stile, a narrare con grazia, a sviluppare la trama, a creare personaggi credibili e a dire la verità.

Ecco alcuni consigli che Stephen ha fornito come modi per incoraggiare la buona scrittura:

  1. Lascia che gli altri ti lusinghino. Ogni buon scrittore è stato creato perché è stato lusingato. Dovete sperimentare di essere spazzati via dai vostri piedi per essere in grado di spazzare via qualcun altro con la sola forza della vostra scrittura.
  2. Scrivete quello che vi piace, poi impregnatelo di vita integrando le vostre conoscenze di vita, amicizia, relazioni, sesso e lavoro. È interessante notare che Stephen afferma che il lavoro è uno degli argomenti che la gente ama di più leggere
  3. Cercate di trovare una media felice di descrizione. Se la vostra descrizione è sottile, lascerete il lettore confuso. Al contrario, se descrivete troppo, lascerete i vostri lettori sepolti nei dettagli. I lettori si annoiano con un libro perché lo scrittore è diventato ossessionato dalle descrizioni e ha dimenticato di mantenere la palla in movimento
  4. Scegliete alcuni dettagli ben scelti per ogni descrizione che date

Quando si scrivono le backstories, Stephen raccomanda di ricordare sempre queste due cose importanti:

  1. Tutti hanno una storia
  2. La maggior parte della storia di una persona non è molto interessante

StoryShot #7: riscrittura

Scrivere significa raccontarsi la storia che si vuole raccontare. Pertanto, la riscrittura serve a togliere tutto ciò che non si adatta alla storia. Stephen suggerisce che dovresti essere perso nella tua scrittura quando viene scritta per la prima volta. Perciò, la vostra porta dovrebbe essere chiusa e non dovreste permettere a nessuno, tranne voi, di impegnarsi in questa scrittura. Tuttavia, una volta che avete scritto la storia per la prima volta, la vostra porta dovrebbe essere aperta. Dovreste aprirvi a ciò che gli altri pensano e riscrivere tenendo presente la loro idea di chiarezza. La vostra riscrittura deve includere i lettori. Anche se la scrittura inizia ad essere solo per voi, alla fine diventerà per tutti. Pertanto, accogliete chiunque voglia criticare il vostro lavoro. Non volete persone che leggano solo passivamente il vostro lavoro. Circondati di persone che faranno a pezzi il tuo lavoro per ricostruirlo con la tua riscrittura.

Ogni buon libro parla di qualcosa. Dopo aver scritto la prima bozza, dovete decidere di cosa parlerà il vostro libro. Poi, il vostro scopo per la seconda bozza è di rendere questo qualcosa ancora più chiaro nella vostra scrittura. Cercate di arricchire ciascuna delle vostre bozze con i vostri obiettivi generali.

Quando sei pronto per la revisione, leggilo in una sola seduta, prendi appunti e correggi gli elementi minori come gli errori di ortografia e le incongruenze. Stephen ha spiegato che la tua seconda bozza dovrebbe essere la tua prima bozza, meno 10%. Ognuno può mantenere il sapore primario della propria storia togliendo il 10%. Quindi, se state lottando per farlo, allora dovete impegnarvi di più. 

Riscrivere facilita la possibilità di scrivere liberamente per la prima stesura. Stephen raccomanda di scrivere rapidamente in modo da poter scrivere la storia esattamente come ti viene in mente. Guardare indietro solo per controllare che i nomi dei personaggi siano corretti e che le parti rilevanti delle storie dei personaggi siano state coperte. Stephen afferma che questo approccio alla scrittura ti aiuta a mantenere il tuo entusiasmo per la storia durante tutto il processo di scrittura. Inoltre, più velocemente scrivi la storia, meno tempo ti dai per iniziare a dubitare di te stesso. 

I temi emergono solo quando la storia è già completa. Allora, come scrittore, puoi rileggere la storia e identificare gli schemi sottostanti. Dopo aver notato questi schemi, dovresti poi farli emergere ancora di più durante la seconda stesura. La seconda stesura è quella che enfatizza il simbolismo. Una buona narrativa non inizierà mai con un tema e poi svilupperà una storia.

In termini di scala temporale, la prima bozza dei vostri libri non dovrebbe richiedere più di tre mesi per essere scritta. Se impieghi più di tre mesi per produrre la tua prima bozza, la tua storia comincerà a sembrarti estranea. Per mantenere questo obiettivo, Stephen personalmente scriverà circa dieci pagine al giorno. Dieci pagine si traducono in circa duemila parole. Se si mantiene a questo ritmo, dovrebbe essere in grado di scrivere 180 mila pagine in tre mesi. Questa è una buona lunghezza per un libro.

StoryShot #8: dove lavorare

Come scrittore, vuoi che il tuo ambiente ti incoraggi ad essere creativo. Pertanto, Stephen raccomanda di lavorare in un'atmosfera serena. Posiziona la tua scrivania in un angolo della stanza. Ogni volta che ti siedi a scrivere, dovresti ricordare a te stesso che questo è il tuo spazio di scrittura. Non è al centro della stanza perché il suo unico scopo è quello di essere uno spazio per la tua scrittura. 

È quasi impossibile anche per lo scrittore più naturalmente produttivo lavorare in un ambiente dove ci sono allarmi e persone che si muovono. Pertanto, viaggiare in posti tranquilli per scrivere dovrebbe essere una tua regola piuttosto che un evento raro. 

Il tuo spazio di scrittura dovrebbe essere umile. Tutto ciò di cui hai bisogno è una porta che puoi chiudere, così siete solo tu e il tuo strumento di scrittura. Chiudere la porta significa dire al mondo che fai sul serio. Ti sei impegnato in quel momento a chiudere fuori il resto del mondo e a concentrarti sulla tua scrittura. Nel momento in cui hai preso questo impegno, dovresti avere un obiettivo giornaliero di scrittura già stabilito. 

Durante il tuo periodo di scrittura, dovresti entrare in una routine. Quindi, assicurati di essere pronto ad andare a dormire alla stessa ora ogni sera. Inoltre, segui gli stessi rituali intorno all'ora di andare a letto. Scrivere e dormire sono simili. Entrambe le azioni richiedono di essere fisicamente fermi ma aperti alla nostra mente che sblocca la nostra immaginazione. Quindi, se si può costruire una struttura intorno al dormire con successo, si può costruire una struttura intorno allo scrivere con successo.

StoryShot #9: La cassetta degli attrezzi dello scrittore

Lo zio di Stephen, Oren, ha una cassetta degli attrezzi fatta a mano. Questa cassetta degli attrezzi aveva tre livelli, e i due superiori di questi tre livelli erano rimovibili. Inoltre, questa cassetta aveva molti piccoli cassetti. Suo zio portava questa cassetta degli attrezzi ovunque, anche se stava solo completando un lavoro molto semplice. Oren voleva sempre essere preparato e sapeva che la sua cassetta degli attrezzi lo copriva, qualunque fosse il problema. 

Stephen suggerisce che gli scrittori devono creare la propria cassetta degli attrezzi per scrivere. Tuttavia, bisogna anche costruire abbastanza muscoli per poi portarla con sé ovunque si vada. Gli strumenti nella tua cassetta degli attrezzi dovrebbero includere:

  1. Vocabolario - Il tuo vocabolario dovrebbe essere sul ripiano più alto della tua cassetta degli attrezzi e lasciato nella sua forma naturale. Stephen suggerisce di evitare di scegliere consapevolmente di migliorare il tuo vocabolario e di lasciarlo invece sviluppare organicamente
  2. Grammatica - Una cattiva grammatica produrrà sempre brutte frasi. Tuttavia, le persone o imparano naturalmente la grammatica nella loro lingua madre, attraverso la conversazione e la lettura, o non
  3. Elementi di stile - Il tuo stile dovrebbe essere unico per te. Anche se altri pezzi di scrittura potrebbero ispirarti, il tuo stile dovrebbe essere tuo

Il pensiero tematico è come la lente d'ingrandimento nella cassetta degli attrezzi dello scrittore. Chiediti perché stai passando il tempo a scrivere piuttosto che fare qualcos'altro - quando sei bloccato, o prima di iniziare la seconda stesura.

Cose da evitare:

  • Voce passiva
  • Avverbi
  • Attribuzioni di dialogo troppo fantasiose; invece, usate semplicemente 'said'.
  • Pensiero sciolto, perché questo produce una scrittura sciolta

StoryShot #10: I fondamenti di Stephen per essere uno scrittore

Paragrafi

Per la narrativa, vuoi che i tuoi paragrafi siano meno strutturati. Stephen descrive la narrativa come il ritmo piuttosto che la melodia. Nelle opere di narrativa, il paragrafo, non la frase, è l'unità di base della scrittura. I paragrafi permettono alle tue parole di iniziare a diventare più che semplici parole. 

Quando scrivere

Stephen scriverà ogni giorno quando lavora, comprese le vacanze. Poi, quando è in un periodo non lavorativo, eviterà del tutto di scrivere. Tuttavia, anche se la maggior parte della gente considererebbe il periodo non lavorativo come una vacanza, Stephen descrive il suo tempo libero come 'lavoro'. Stephen vede la scrittura come il suo tempo per divertirsi ed essere creativo nel suo parco giochi. 

Semplici segreti del successo

Stephen attribuisce il suo successo a due cose: Rimanere fisicamente sano e rimanere sposato. Questi due fattori hanno contribuito a rendere possibile il suo lavoro. Inoltre, sua moglie è stata quella che lo ha aiutato a migliorare la sua salute. In particolare, è stata lei a dirgli che doveva andare in riabilitazione. La riabilitazione ha contribuito a salvargli la vita, perché da lì ha rinunciato all'alcol. Oltre a questi semplici segreti, Stephen raccomanda anche di prendersi un giorno di riposo a settimana.

Come costruire una storia

Le storie sono costituite da 3 parti:

  • Narrazione - Questo muove la storia dal punto A alla Z
  • Descrizione - Si usa per creare una realtà sensoriale per il lettore
  • Dialogo - Questo porta i personaggi della storia alla vita attraverso le loro conversazioni

La storia è la parte più critica di qualsiasi libro. L'ambientazione è importante, ma non è la cosa più importante. 

StoryShot #11: Come farsi pubblicare

Per essere pubblicato, devi capire meglio il mercato della letteratura narrativa. Stephen suggerisce di leggere diverse riviste per scrittori, come Writer's Market. Se stai cercando di scrivere racconti, allora dovresti anche studiare il mercato delle riviste. Inoltre, abbonati a Writer's Digest e The Writer. Prova a farti pubblicare un po' qua e là. Costruire i tuoi crediti ti aiuterà a farti strada in pubblicazioni più grandi e migliori lentamente. Una volta raggiunto questo livello, si può iniziare a pensare di ottenere un agente. 

StoryShot #12: Suggerimenti finali

  • Le similitudini e le metafore sono molto efficaci per aiutarci a vedere una cosa vecchia in un modo nuovo e vivido
  • Evitare i cliché
  • Evitare paragoni senza senso
  • Usa il dialogo per aiutare a definire i tuoi personaggi e ciò che sono
  • Mostra i tuoi lettori piuttosto che dirlo ai tuoi lettori
  • Siate onesti e sinceri nei vostri scritti, anche se questo porta a delle critiche. Non potete accontentare tutti i lettori, ma cercate sempre di accontentare alcuni dei vostri lettori
  • Ascoltare gli altri che parlano come ispirazione per scrivere un dialogo

Raccomandazioni finali di libri

  • Bryson, Bill: Una passeggiata nel bosco
  • Buckley, Christopher: Thank You for Smoking
  • Dickens, Charles: Oliver Twist
  • Faulkner, William: As I Lay Dying
  • Gerritsen, Tess: Gravity
  • Golding, William: Il signore delle mosche
  • Hunter, Stephen: Dirty White Boys
  • Krakauer, Jon: Into Thin Air
  • Lee, Harper: Il buio oltre la siepe
  • Schwartz, John Burnham: Reservation Road
  • Smith, Dinitia: L'illusionista
  • Spencer, Scott: Men in Black
  • Vonnegut, Kurt: Hocus Pocus

Riassunto finale e recensione di On Writing

Sulla scrittura è diviso in tre parti: un memoriale delle esperienze personali di King con la scrittura e del suo percorso come scrittore, una guida alla scrittura e al miglioramento del proprio mestiere, e una critica della scrittura degli altri.

Nella sezione dedicata alle memorie, King parla della sua infanzia e delle prime esperienze di scrittura, delle sue lotte contro la dipendenza e della sua carriera di scrittore. Condivide anche i suoi pensieri sul processo di scrittura e sull'importanza della disciplina e del duro lavoro per diventare uno scrittore di successo.

Nella sezione dedicata alla scrittura, King offre consigli pratici su come migliorare le proprie capacità di scrittura, tra cui suggerimenti su come trovare l'ispirazione, sviluppare i personaggi e creare trame avvincenti. Discute inoltre dell'importanza dell'editing e della revisione del proprio lavoro e offre consigli su come farsi pubblicare e orientarsi nell'industria editoriale.

Nella sezione dedicata alla critica, King condivide i suoi pensieri sulla scrittura di altri autori, sia classici che contemporanei, e offre le sue intuizioni su ciò che rende una scrittura di successo.

Nel complesso, Sulla scrittura è un libro altamente informativo e coinvolgente, di sicuro valore sia per gli aspiranti scrittori che per quelli più esperti. È una lettura obbligata per chiunque voglia migliorare le proprie capacità di scrittura e acquisire una comprensione più profonda del processo di scrittura.

Valutazione

Valutiamo questo libro 4.4/5.

Come lo giudica?

Clicca per valutare questo libro!
[Totale: 2 Media: 4]

PDF, audiolibro gratuito, infografica e riassunto animato del libro

Questa era la punta dell'iceberg. Per immergersi nei dettagli e sostenere Stephen King, ordinate il libro qui o ottenere l'audiolibro per libero.

Vi è piaciuto quello che avete imparato qui? Condividete per dimostrare che vi interessa e fatecelo sapere contattando il nostro supporto.

Nuovo su StoryShots? Ottenete le versioni PDF, audiolibro e animate di questo riassunto di Sulla scrittura e centinaia di altri libri di saggistica bestseller nel nostro app gratuita di alto livello. È stata segnalata da Apple, The Guardian, The UN e Google come una delle migliori app di lettura e apprendimento al mondo.

Riassunti di libri correlati

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.