L'arte della guerra riassunto PDF Sun Tzu
 |  |  |  | 

L'arte della guerra riassunto PDF e audiolibro | Sun Tzu

L'arte della guerra riassunto PDF Sun Tzu

La vita si dà da fare. Ha L'arte della guerra ha preso polvere sul tuo scaffale? Raccogliete invece le idee chiave adesso.

Stiamo grattando la superficie del riassunto de L'arte della guerra. Se non avete ancora il libro, ordinate il libro libro o ottenere il audiolibro gratis per conoscere i dettagli succosi.

Sinossi

Venticinque secoli fa, Sun Tzu scrisse L'arte della guerra. Questo classico libro di strategia militare è basato sulla guerra cinese e sul pensiero militare. Da allora, tutti i livelli dell'esercito hanno usato l'insegnamento di Sun Tzu. Da allora, molti hanno adattato questi insegnamenti per l'uso in politica, negli affari e nella vita quotidiana.

Il fattore più critico per una strategia vincente è nella fase di pianificazione. Dovete calcolare i vostri punti di forza e di debolezza contro quelli del nemico. Solo allora si può decidere correttamente se è vantaggioso attaccare, rimanere fermi o fuggire.

La migliore mossa offensiva per la vittoria è distruggere psicologicamente il nemico prima che avvenga la guerra vera e propria e prenderlo in mano in pace senza bisogno di uccidere. Togli loro la mente e il cuore, e il nemico non ha alcuna possibilità.

Informazioni su Sun Tzu

Sun Tzu è nato all'incirca nel 540 a.C. Sappiamo relativamente poco di Sun Tzu, e alcuni si chiedono addirittura se fosse una sola persona o un gruppo di uomini notevoli. Nonostante ciò, la descrizione più comune della sua vita è che nacque Sun Wu e ottenne il titolo di Sun Tzu (Maestro Sole) dopo le sue performance come generale. Anche se Sun Tzu non fosse una sola persona, chiunque abbia scritto questo libro era vivo durante un periodo di successo in battaglia per queste parti della Cina.

"Se conosci il nemico e conosci te stesso, non devi temere il risultato di cento battaglie. Se conosci te stesso ma non il nemico, per ogni vittoria ottenuta subisci anche una sconfitta. Se non conosci né il nemico né te stesso, soccomberai in ogni battaglia".

- Sun Tzu

Capitolo 1: Disporre i piani

Sun Tzu riteneva estremamente importante che la guerra fosse studiata a fondo. Studiare la guerra era importante perché poteva significare la differenza tra la sopravvivenza o la morte di un paese. Sun Tzu usa questo capitolo per introdurre ciò che verrà nel resto del libro. Egli delinea i cinque fattori fondamentali associati alla guerra: influenza morale, tempo, terreno, comando e dottrina. Ognuno di questi è trattato in modo più dettagliato più avanti nel libro. Presi insieme, questi cinque fattori si combinano per aiutarvi a sviluppare un piano d'azione pre-conflitto. In altre parole, questi fattori sono cruciali per la vostra strategia.

Influenza morale 

Il primo fattore si riferisce al fatto che il popolo sotto un leader abbia o meno fiducia nel suo governante. Questa fiducia determina in ultima analisi la volontà del popolo di sostenere le sollecitazioni della guerra. Inoltre, questa disponibilità è direttamente associata alla probabilità di successo quando si fa la guerra. 

Tempo e terreno

Con questi due fattori, i leader devono considerare quanto sarà difficile o facile per le sue truppe marciare sul terreno. Come leader, devi fare questa stima per capire meglio in che condizioni arriveranno le tue truppe prima di ingaggiare il nemico. 

Comando e dottrina

La valutazione del comando di un leader si riferisce alle sue stesse qualità. In particolare, quanto è qualificato per dare ordini alle truppe ed essere sicuro che questi ordini saranno eseguiti accuratamente. Un leader deve mostrare il comando mostrando virtù essenziali, come la saggezza, la sincerità, l'umanità, il coraggio e la severità. Infine, la dottrina di un leader si riferisce alla sua organizzazione, al controllo, all'assegnazione dei ranghi appropriati, alla regolamentazione delle vie di rifornimento e alla fornitura di articoli utilizzati dall'esercito. 

Se riuscite a ottimizzare questi cinque fattori, allora avrete più probabilità di avere successo in guerra di un esercito significativamente più grande senza questi fattori. Pertanto, questa pianificazione pre-ingaggio è cruciale. 

Sun Tzu capovolge anche la sua idea di strategia. Egli afferma che si dovrebbe imparare tutto il possibile sul tuo avversario, rendendo il tuo avversario cieco al tuo vero stato. Se non possono valutare i tuoi punti di forza e le tue debolezze, è più difficile per loro avere successo in battaglia. 

"Chi li padroneggia vince; chi non lo fa viene sconfitto".

- Sun Tzu

Capitolo 2: Fare la guerra

Quando un esercito è stato mandato in battaglia, è necessario adottare velocità e risolutezza. Anche se questo capitolo è pieno di dettagli molto specifici, come il numero di cavalli e di truppe da portare in battaglia, il messaggio più importante è l'importanza di agire rapidamente. Inoltre, la vittoria non può essere raggiunta senza una solida preparazione e organizzazione in anticipo. Questo include la comprensione delle tue truppe e delle tue risorse in modo da non dover mai mandare a prendere delle seconde provviste. Facendo questo, ti astieni dall'alterare la tua strategia chiaramente pianificata. I leader di maggior successo capiscono e tengono traccia delle forze fisiche e dello stato d'animo di ciascuna delle loro truppe. Ci sono diversi fattori che i generali devono assicurarsi di tenere in considerazione prima del combattimento. Altrimenti, il fallimento è garantito a causa della mancanza di velocità decisiva:

  • Fame
  • Sete
  • Attacco al bottino accumulato
  • Indignazione per un'ingiustizia

Oltre a garantire che questi fattori siano stati presi in considerazione, i leader devono anche ricordare che sono in gioco vite umane e denaro quando si fa la guerra. Pertanto, non dovresti mai essere avventato nelle tue azioni. La sconsideratezza avrà un impatto psicologico sul tuo esercito, che lo lascerà esausto e le tue scorte diminuiranno. Sfrutta al massimo ciò che hai durante la guerra. Non distruggere i rifornimenti che puoi usare, non bruciare il cibo che puoi mangiare e non uccidere i soldati che possono darti informazioni o unirsi ai tuoi ranghi.

Capitolo 3: Attacco per strategia

"Se conosci il nemico e conosci te stesso, non devi temere il risultato di cento battaglie. Se conosci te stesso ma non il nemico, per ogni vittoria ottenuta subisci anche una sconfitta. Se non conosci né il nemico né te stesso, soccomberai in ogni battaglia".

- Sun Tzu

La vittoria in guerra non riguarda il grado di distruzione che hai creato. Invece, l'obiettivo della guerra è quello di sottomettere e sussumere il nemico. Questo tipo di vittoria può essere raggiunto solo attraverso un'attenta pianificazione.

Sun Tzu fornisce un elenco di tattiche che possono essere adottate durante la guerra in ordine di preferenza:

  1. Attaccare la strategia o i piani del nemico
  2. Separare il nemico dai suoi alleati
  3. Attaccare l'esercito

Si dovrebbe attaccare l'esercito avversario solo quando non ci sono alternative. Quindi, Sun Tzu sottolinea l'importanza di controllare le azioni impazienti durante una situazione di assedio. Per sostenere questo punto, fornisce un esempio dell'imperatore T'ai Wu. T'ai Wu comandava 100.000 truppe. Secondo l'usanza, T'ai Wu, un imperatore, chiese al generale Sung, Tsang Chih, del vino. Tuttavia, gli fu mandata una pentola di urina. T'ai Wu era così arrabbiato che attaccò immediatamente la città. 30 giorni dopo, più della metà dell'esercito di T'ai Wu era morto. Il ruolo del leader è quello di rimanere calmo anche quando ha emozioni travolgenti. Il leader dovrebbe controllare sia le proprie emozioni che quelle delle sue truppe.

Sun Tzu fornisce anche cinque circostanze in cui si può prevedere la vittoria:

  1. Supponiamo che il leader conosca le truppe dell'avversario tanto quanto conosce se stesso e le sue truppe. Questa conoscenza permetterà al leader di sapere quando avanzare e quando ritirarsi.
  2. Se il leader conosce l'uso corretto delle forze piccole e grandi.
  3. Se il leader sa forgiare dei ranghi unificati nello scopo.
  4. Se il leader sa essere paziente quando l'opposizione fa fatica ad esserlo. 
  5. Se il leader sa che la sua sovranità non deve mai interferire con le decisioni che sta prendendo. 

Altri consigli forniti da Sun Tzu:

  • Circonda il nemico se le tue forze sono nettamente superiori a quelle del nemico.
  • Se hai cinque volte più truppe del tuo nemico, dovresti attaccarlo. Se ne hai due volte di più, allora dovresti dividere il nemico e combatterlo in questo modo.
  • Se il tuo nemico ti supera in numero, allora dovresti nasconderti. Inoltre, se ti superano significativamente in numero, allora dovresti fuggire.
  • Avete bisogno di un generale che possa prendere le sue decisioni senza che la gente al di sopra di lui interferisca.

Capitolo 4: Disposizioni tattiche

"Gli esperti nella difesa si nascondono... quelli abili nell'attacco si muovono come dall'alto. ... Così sono capaci di ... proteggersi e ... ottenere ... la vittoria".

- Sun Tzu

Sun Tzu traccia una chiara distinzione tra difesa e attacco. In particolare, la differenza più cruciale sta in ciò che il generale può controllare (se stesso e le sue truppe) e ciò che è fuori dal suo controllo (il generale avversario e le sue truppe).

Come leader, devi anche tenere sotto controllo l'ego del tuo gruppo. Supponiamo che la tua squadra abbia ottenuto una vittoria comoda e prevedibile su una forza chiaramente inferiore. In questo caso, devi ricordare a te stesso che questa vittoria non è un segno di abilità. Inoltre, le vere ragioni dietro una vittoria non sono sempre chiare. Per esempio, le vittorie ottenute prima del primo scontro tra le truppe sono a volte realtà nascoste visibili solo quando segue una battaglia. Il comandante saggio si prepara bene a sfruttare le opportunità di vittoria quando si presentano. Non danno nulla per scontato. 

Sun Tzu introdusse il taoismo come indicatore di come forgiare le proprie forze in un'unità capace di agire come una forza inevitabile della natura. Ha anche presentato elementi di guerra:

  1. Misura dello spazio
  2. Stima delle quantità
  3. Calcoli
  4. Confronti
  5. Possibilità di vittoria

"Un esercito vittorioso vince le sue vittorie prima di cercare la battaglia; un esercito destinato alla sconfitta combatte nella speranza di vincere".

- Sun Tzu

Capitolo 5: Uso dell'energia

Come leader, dovresti puntare a creare unità ben organizzate dalle tue truppe. Se fatto correttamente, puoi gestire abilmente le tue singole truppe in un'unica forza. Questa unità può essere il fattore che ti aiuta a superare un avversario gestito in modo più approssimativo. 

Sun Tzu raccomanda di adottare una piramide di comando. Costruisci la tua squadra dalla base in basso, che dovrebbe includere singoli soldati. Poi, sali su ogni livello creando unità sempre più grandi. Per esempio, coppia, trio, squadra, sezione, plotone, compagnia, battaglione, reggimento, gruppo, brigata ed esercito. Ad ogni livello, si dovrebbe incorporare un comandante per obbedire ai suoi superiori e controllare i suoi inferiori. Una corretta organizzazione può permettere alle vostre truppe di capire ancora quando dovrebbero avanzare e ritirarsi, anche quando sono sparpagliate e incapaci di comunicare.

Sun Tzu sostiene che la gestione di una forza straordinaria può essere raggiunta realizzando che i suoi componenti - come la struttura ben organizzata e sistematica di un esercito - sono pochi, ma le possibili combinazioni sono illimitate. Per fornire un esempio di queste variazioni illimitate, Sun Tzu descrive come si possono creare accordi illimitati da sole cinque note musicali o cinque colori primari. 

Quando il nemico può essere invogliato o attirato in un attacco rischioso, si può ottenere un vantaggio. In questo modo, un generale abile controlla i movimenti del suo nemico invece di essere controllato dal nemico. 

Capitolo 6: Punti deboli e forti

"Mostrati debole quando sei forte, e forte quando sei debole".

- Sun Tzu

Sun Tzu credeva che i leader di successo potessero creare situazioni in cui il nemico è costretto a impegnarsi. Fanno questo attirando i leader dell'opposizione con l'illusione di un facile successo. A causa dell'eccessiva fiducia, questo spingerà l'opposizione in una posizione in cui non potrà ritirarsi. Inoltre, molto probabilmente saranno in una cattiva posizione per difendersi. 

Il modo migliore per condurre gli avversari in una trappola è lasciare aperta quella che sembra una via di fuga. Tuttavia, in realtà, avrete controllato questa via come un modo per catturare prigionieri e provviste. 

Il primo esercito che arriva sul campo di battaglia ha il vantaggio del tempo per riposare e per valutare appieno le migliori posizioni per i propri battaglioni. Un generale che tiene il suo avversario all'oscuro dei dettagli dei suoi piani può indurre l'avversario a tentare di rafforzare una zona a costo di lasciarne un'altra vulnerabile. Un modo per garantire il successo è quello di far tentare al nemico di fortificare in ogni direzione. Così facendo, le risorse del nemico si disperderanno a tal punto che nessuna singola posizione sarà abbastanza forte da resistere a un attacco.

Capitolo 7: Manovra

"Niente è più difficile dell'arte della manovra".

- Sun Tzu

La manovra è la strategia di fare comandi e ordini di un esercito fisico. Se costringi il tuo esercito a marciare per 30 miglia, perderai uomini per i motivi più disparati. C'è un equilibrio tra spingerli a guadagnare un vantaggio e poi spingerli troppo lontano.

Sun Tzu suggerisce una tattica complicata di fingere di essere su una rotta senza meta quando, in realtà, si è su un percorso diretto e mirato. Questo approccio mira a confondere il nemico e allo stesso tempo a insegnare ai membri dell'esercito di rango inferiore come obbedire a comandi complessi e mutevoli. Anche se potenzialmente molto efficace, questa tattica dovrebbe essere usata solo da leader molto esperti.

C'è una storia su Sun Tzu in cui viene sfidato a formare un esercito di concubine. Per ovvie ragioni, questo era apparentemente impossibile. Lui dava un ordine, poi loro ridevano e continuavano. Per creare ordine, giustiziò due delle concubine preferite del re. Ora, tutti ascoltavano e manovravano esattamente come indicato. Questa storia dimostra che far manovrare il proprio esercito può essere uno dei compiti più difficili per un leader. Quindi, potrebbe essere necessario prendere alcune decisioni difficili per incoraggiare la manovra.

Sun Tzu fornisce anche una guida specifica sulla manovra. In primo luogo, dovresti incoraggiare il tuo esercito a dividersi solo quando è assolutamente necessario. È meglio assicurarsi che tutte le truppe arrivino sul campo di battaglia in buone condizioni e contemporaneamente. Inoltre, vuoi che il tuo esercito arrivi prima dell'esercito avversario. Sun Tzu ha descritto questa tempestività e l'unione come una posizione vantaggiosa. 

Capitolo 8: Variazione delle tattiche

Le circostanze a volte richiedono tattiche diverse e scelte diverse. Ci sono città che non si dovrebbero attaccare. Ci sono strade che non dovresti prendere.

Nella vostra preparazione, vedete che alcune scelte saranno catastrofiche. Queste tattiche provengono tutte dal generale, e ci sono cinque modi principali in cui un generale può fallire nel decidere le tattiche.

  1. Essere sconsiderati e impazienti porta alla distruzione.
  2. La codardia e la paura portano alla fine alla cattura.
  3. Un temperamento frettoloso significa che si può essere adescati e provocati.
  4. Un alto livello di onore significa che uno potrebbe essere suscettibile e sensibile alla vergogna.
  5. Un'eccessiva compassione per le truppe potrebbe far sì che un generale ripensi alle sue decisioni e si preoccupi per loro invece di concentrarsi solo sulla vittoria.

Sun Tzu sostiene che ogni volta che un esercito viene sconfitto, o un leader viene ucciso, la colpa è di uno di questi cinque difetti.

Capitolo 9: L'esercito in marcia

Sun Tzu considera l'importanza di marce ben disciplinate e la disposizione delle truppe quando si affronta un nemico in avvicinamento. Prende anche in considerazione le condizioni del tempo e del terreno quando delinea i migliori approcci. Per esempio, raccomanda di approfittare delle posizioni della luce del sole rispetto all'ora del giorno, ma anche dei fiumi, delle montagne, delle paludi salate e dei terreni pianeggianti. Sun Tzu raccomanda questo a causa di un esempio del suo tempo. L'Imperatore Giallo aveva conquistato quattro sovrani perché era disposto a trarre vantaggio da specifici accampamenti. 

Sun Tzu raccomanda anche di usare il cattivo tempo o le condizioni del terreno a proprio vantaggio. Per esempio, supponiamo che ci sia un tempo piovoso e diversi fiumi di fronte a voi. In questo caso, dovresti puntare a spingere l'esercito avversario indietro, in modo che debba combattere all'interno di questa zona. 

Capitolo 10: Classificazione del terreno

Sun Tzu fornisce ai leader una guida su come leggere il loro terreno e i vantaggi di combattere su terreni diversi. 

  • Terreno accessibile - Terreno che chiunque può attraversare facilmente.
  • Supponiamo che tu riesca ad assicurarti un'altura prima dell'arrivo dell'avversario, con provviste sufficienti per durare. In questo caso, siete in una posizione molto vantaggiosa. Se l'avversario ha l'altura, allora dovresti ritirarti e costringerlo a lasciare questi vantaggi se vuole perseguirlo.
  • Terreno ingarbugliato - Facile andare avanti e assicurarsi nuovi terreni. Tuttavia, sarà difficile fare marcia indietro o ritirarsi. Assicurati che il tuo nemico sia vulnerabile prima di avanzare in questa terra.
  • Deadlock - Non si vede alcun vantaggio per entrambe le parti. In questo caso, Sun Tzu raccomanda di tirarsi indietro e far avanzare il nemico in questo terreno. Si può quindi colpire con un vantaggio. 
  • Chiuso - Un passaggio stretto con poche opzioni. Se arrivi per primo in questo spazio, puoi bloccarlo o tendere un'imboscata. Se l'avversario ha uno spazio come questo, dovresti avanzare solo se sei sicuro che lo stanno proteggendo male.

Inoltre, i pericoli inerenti alla debolezza o all'indecisione di un generale hanno la stessa influenza sulla disponibilità delle truppe a combattere delle condizioni del terreno su cui si svolge una battaglia. Questo vale per tutti i sottocomandanti e gli ufficiali rispetto alle unità che comandano. 

Capitolo 11: Le nove situazioni

Sun Tzu passa rapidamente attraverso le descrizioni di nove diverse varietà di terreno su cui una battaglia può avere luogo, che vanno dal più facile al più disperato, con tattiche su come gestire ciascuno. 

Sun Tzu raccomanda di non ingaggiare mai il nemico su queste varietà di terreno, perché si può guadagnare molto poco facendolo:

  1. Terreno dispersivo - All'interno del proprio territorio
  2. Terreno di frontiera - Fare una penetrazione poco profonda nel terreno nemico
  3. Chiave di terra - Neutro o reciprocamente vantaggioso

Se un leader riesce a tenere insieme le sue formazioni, allora può essere vantaggioso continuare a combattere:

  1. Terreno di comunicazione - ampliato e livellato per ospitare le fortificazioni

Come leader, puoi guadagnare alleati o risorse se ti impegni:

  1. Terreno focale - Quando si è circondati da altri tre stati. Tuttavia, c'è il rischio che gli alleati non siano affidabili.
  2. Terreno serio - Implica un movimento profondo nel territorio nemico. Pertanto, una significativa opportunità di ottenere prigionieri e risorse. Tuttavia, è anche difficile ritirarsi. Quindi, è necessario garantire un flusso continuo di provviste.

Allora, dovreste evitare questi tipi di terreno:

  1. Terreno difficile - Questi terreni non sono quelli in cui si vuole combattere. Includono montagne, scogliere, paludi e fiumi che scorrono veloci.
  2. Terreno circondato - Questo tipo di terreno comporta l'essere pressati da forze avversarie e da un terreno accidentato.
  3. Terreno della morte - L'esercito sopravviverà solo combattendo per disperazione. Questo terreno è la prova più severa della disciplina e dell'ordine interno di un esercito.

Capitolo 12: L'attacco del fuoco

Sun Tzu tratta diverse armi di guerra. Tuttavia, una delle armi più efficaci è il fuoco. Egli fornisce uno schema di cinque modi in cui si può usare il fuoco durante la guerra:

1. Bruciare i soldati nemici

2. Distruggere le forniture che sono statiche

3. Distruggendo le loro forniture ancora in transito

4. Distruggere le loro armi e munizioni

5. Distruggere le linee di comunicazione e causare il caos

Questi metodi dipendono dalle condizioni atmosferiche, dall'umidità, dalla direzione e dalla forza dei venti. Essi consigliano che ogni tipo di equipaggiamento per questo tipo di attacco dovrebbe essere attentamente pianificato e organizzato con largo anticipo in modo che si possano fare aggiustamenti per adattarsi alle condizioni fluttuanti. Per esempio, se riesci ad attaccare con successo con il fuoco, segui immediatamente con un attacco fisico per capitalizzare. Attacca quando il fuoco raggiunge il suo picco. Non aspettare che il fuoco si spenga. Inoltre, assicurati di essere sopravento quando accendi il fuoco e ricorda che gli incendi notturni probabilmente muoiono più velocemente di quelli diurni.

Capitolo 13: L'uso delle spie

Gli agenti "nativi" sono quelli provenienti dal paese del nemico, mentre gli agenti "interni" sono quelli già all'interno della struttura dell'esercito avversario. Con questi due tipi di agenti, chiunque nutra del rancore può essere suscettibile di adulazione, corruzione generosa o persuasione tramite un appello emotivo o logico. Tali agenti possono passare informazioni significative.

Gli agenti "doppiati" sono spie che il nemico ha inviato e che possono essere corrotte, quindi utilizzate per trasmettere false informazioni al nemico. La conoscenza approfondita del tipo di persona che è un agente doppiato indicherà il tipo di adescamento a cui sarà più probabilmente suscettibile. All'altra estremità dello spettro, gli agenti "sacrificabili" sono quelli incaricati di fornire al nemico informazioni trapelate deliberatamente false. Tali agenti sono sacrificabili perché, se sorpresi nell'inganno, saranno uccisi. Gli agenti "vivi", d'altra parte, sono quelli che tornano con informazioni solo per le orecchie del generale. Queste informazioni possono essere utilizzate per ottenere un vantaggio sul nemico. 

Sun Tzu dice che questi raccoglitori di informazioni dovrebbero essere i meglio pagati e meglio trattati, poiché questa saggezza è la chiave per ottenere una vittoria, specialmente una vittoria incruenta. Ogni mossa che un generale fa è basata su questa intelligenza.


Se hai un feedback su questo riassunto o vuoi condividere ciò che hai imparato, commenta qui sotto.

Nuovo su StoryShots? Ottieni le versioni audio e animate di questo riassunto e centinaia di altri libri di saggistica bestseller nel nostro app gratuita di alto livello. È stato descritto da Apple, The Guardian, The UN, e Google come una delle migliori app di lettura e apprendimento al mondo.

Per immergersi nei dettagli, ordinate il libro o ottenere l'audiolibro gratis.

Riassunti di libri correlati

Le 33 strategie di guerra

Tao Te Ching

Proprietà estrema

Strategia e tattica di leadership

Da buono a grande

La grande influenza

Blitzscaling

Strategia competitiva

L'arte della guerra riassunto PDF Sun Tzu capitoli
  • Risparmiare
  • Risparmiare

Articoli simili

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.