Diventare Sintesi
 |  |  | 

Becoming - Riassunto e recensione - Libro di Michelle Obama

La vita si dà da fare. Ha Diventare ha preso polvere sul tuo scaffale? Raccogliete invece le idee chiave adesso.

Qui stiamo grattando la superficie. Se non avete già il libro, ordinatelo qui o ottenere il audiolibro gratis su Amazon per conoscere i dettagli succosi.

Ecco le intuizioni chiave e la recensione del libro Becoming:

Su Michelle Obama

Michelle Obama è un avvocato e autore americano. Cresciuta a Chicago, Michelle si è laureata alla Princeton University e alla Harvard Law School. Dopo aver lavorato per diversi studi legali e non-profit, il ruolo più influente di Michelle è stato quello di First Lady degli Stati Uniti dal 2009 al 2017. Durante la sua permanenza alla Casa Bianca, è stata una sostenitrice della consapevolezza della povertà, dell'educazione, della nutrizione, dell'attività fisica e dell'alimentazione sana.

Introduzione

Diventare è il libro di memorie di Michelle Obama, ex First Lady degli Stati Uniti. Il libro è stato pubblicato nel 2018. Approfondisce la sua educazione e il suo impatto sulla sua vita futura. Il libro spiega come Michelle ha trovato la sua voce. Becoming dà ai suoi lettori una visione della Casa Bianca e di come è stato gestire una campagna di salute pubblica di grande impatto mentre era una madre. Coprendo una diversità di esperienze di Michelle Obama, Michelle ha descritto la stesura di questo libro come un'esperienza "profondamente personale".

Un libro molto influente, Becoming ha venduto più copie di qualsiasi altro libro negli Stati Uniti nel 2018. Più notevolmente, Becoming è stato rilasciato solo 15 giorni prima della fine del 2018. Ha venduto più libri in quel breve lasso di tempo di quanto qualsiasi altro libro del 2018 abbia fatto nell'intero anno. Il libro è suddiviso in 24 capitoli, ma alla fine è separato in tre sezioni. La prima sezione è intitolata Becoming Me e si concentra sulla prima vita di Michelle. Becoming Us approfondisce la sua educazione, l'incontro con Barack Obama e l'inizio della carriera politica di Barack. Infine, Becoming More si conclude con riflessioni sulla presidenza di Barack, la campagna Let's Move di Michelle e il suo ruolo di "mamma capo". Quindi, anche questo riassunto del libro sarà suddiviso in queste tre sezioni. Ogni sezione sarà riempita con le esperienze, i pensieri e le conclusioni di maggior impatto formate da Michelle Obama. 

StoryShot #1: I primi anni di Michelle a Chicago

Michelle Robinson è nata nel 1968 nel South Side di Chicago. È cresciuta in un bungalow di mattoni che apparteneva alla zia di sua madre. Michelle ricorda le rivolte nazionali in risposta all'assassinio di Martin Luther King Jr. Era così giovane. 

La sua famiglia è stata molto importante per Michelle Obama quando stava crescendo a Chicago. Sua madre le ha insegnato a leggere fin dalla più tenera età. Accompagnava Michelle alla biblioteca pubblica mentre suo padre lavorava come operaio in città. Suo padre si assicurava che lei e suo fratello fossero esposti all'arte e al jazz. Questa esposizione alla musica incoraggiò Michelle ad imparare il pianoforte all'età di quattro anni. 

La musica era di famiglia per Michelle, per cui le era sempre stato facile suonare il pianoforte. La sua prozia, Robbie, le ha insegnato. Questo periodo fu uno dei primi esempi del carattere forte di Michelle. Lei e Robbie si scontravano spesso durante le lezioni. Aveva anche pensato di diventare un giorno una musicista, ma alla fine decise di perseguire le opportunità dell'avvocatura. Nel libro, Michelle descrive un ricordo di come si era abituata al pianoforte della prozia. Si era esercitata perfettamente su una canzone che doveva eseguire alla Roosevelt University. Ma l'aspetto unico del pianoforte della sua prozia è il suo do centrale che ha un chip. Sul palco, la giovane Michelle si bloccò perché non riusciva a trovare il Do centrale su questo nuovo pianoforte. La sua prozia è salita sul palco e glielo ha indicato. Michelle ha poi eseguito la sua canzone come aveva inizialmente sperato. Questa è solo un'istantanea di quanto Michelle fosse vicina alla sua famiglia.

StoryShot #2: la transizione razziale di Chicago

Una delle caratteristiche notevoli dell'educazione di Michelle è che la sua zona era 96% bianca nel 1950 e poi 96% nera nel 1981. È cresciuta nel mezzo di questa transizione. Quindi era circondata da un misto di famiglie bianche e nere. Ma sempre più famiglie decisero di trasferirsi nei sobborghi. Questo movimento significò meno fondi, e la zona fu considerata un "ghetto". Michelle e la sua famiglia consideravano ancora questa zona come la loro casa. 

StoryShot #3: Michelle's Schooling

La madre di Michelle era una donna molto influente nella comunità locale. Era anche molto influente nell'educazione di Michelle mentre cresceva. In seconda elementare, Michelle disse a sua madre che odiava la sua classe perché era piena di bambini caotici. Gli insegnanti non riuscivano a tenere la classe sotto controllo e Michelle perdeva l'opportunità di imparare. La madre di Michelle si assicurò anche che la scuola testasse le sue capacità. Michelle è stata spostata in una classe con altri bambini ad alto rendimento che volevano imparare. Questa decisione è potenzialmente la più cruciale nella sua vita. Era stata messa sulla strada giusta per eccellere a scuola.

I suoi migliori risultati scolastici la portarono a frequentare la Whitney M. Young High School di Chicago. Una scuola magnetica, gli insegnanti erano progressisti e i suoi compagni erano tutti ragazzi di alto livello. Michelle ha dimostrato un impegno significativo per frequentare questa scuola. Ci volevano due autobus e 90 minuti per arrivare a scuola ogni giorno. Alcuni dei suoi compagni di scuola vivevano in appartamenti di lusso proprio vicino alla scuola e indossavano borse di marca. Michelle spiega nel libro come tutto sembrasse loro così facile. Nonostante i dubbi sul suo inserimento, ha abbassato la testa e ha ricevuto ottimi voti. 

StoryShot #4: Università di Princeton e trovare un grande mentore

Durante la sua permanenza a scuola, Michelle eccelleva accademicamente, ma si impegnava anche nelle società della scuola. È stata eletta tesoriere di classe. Michelle era anche nella National Honor Society, ed era sulla buona strada per finire tra i primi 10% della sua classe. Nonostante questo, il suo consulente universitario le ha detto che potrebbe non essere "materiale per Princeton". In precedenza, era stata eccitata dalla prospettiva di Princeton. Suo fratello, Craig, aveva frequentato Princeton, e lei pensava che avrebbe potuto raggiungerlo lì. Questo consulente avrebbe potuto distruggere la sua fiducia. Invece, l'hanno irritata e le hanno fatto venire ancora più voglia di fare domanda per Princeton. L'ha fatto ed è stata ammessa.

Al suo arrivo a Princeton, Michelle ricorda l'esperienza di essere una delle poche persone non bianche. Questo era scomodo. Per esempio, meno del 9% degli studenti della sua classe di matricole erano neri. Nonostante questo, si è divertita a Princeton. Ha trovato una comunità accogliente e un mentore fantastico.

Mentre era a Princeton, il mentore di Michelle era uno dei leader del Third World Centre. Questo centro da allora è stato rinominato Carl A. Fields Center for Equality and Cultural Understanding. Il suo nome era Czerny Brasuell, un'energica newyorkese che era una forte donna nera e una mamma lavoratrice. Durante il suo periodo a Princeton, Michelle divenne sia l'assistente di Czerny che la sua protetta. Czerny ha persino incoraggiato Michelle ad avviare un programma di doposcuola per i figli dei membri neri della facoltà e del personale. Il suo futuro fu influenzato da Czerny, che la ispirò a diventare in futuro una mamma lavoratrice. 

Dopo essersi specializzata in sociologia, Michelle ha iniziato a considerare la facoltà di legge di Harvard. 

StoryShot #5: Entrare alla Harvard Law School e incontrare Barack Obama

Michelle ha deciso di frequentare la Harvard Law School e successivamente ha fatto il test LSAT. Ammette di non essersi mai fermata a pensare a cosa le sarebbe piaciuto fare. Michelle passò direttamente da Princeton alla Harvard Law School. Le è piaciuto il suo periodo alla Harvard Law School, ma è il periodo successivo che ha plasmato la sua vita. 

Dopo la laurea ad Harvard nel 1988, Michelle tornò a Chicago per lavorare in uno studio legale chiamato Sidley & Austin. Qui incontrò un giovane studente di legge di nome Barack Obama. Trasudava immediatamente sicurezza e fiducia in se stesso. A differenza di Michelle, aveva preso un paio di anni tra la Columbia e la Harvard Law School per decidere cosa voleva essere. 

Michelle aveva sentito parlare di Barack prima ancora di averlo incontrato. Faceva un'impressione fantastica su tutti quelli con cui parlava. Inoltre, i professori di Harvard lo avevano definito lo studente più dotato che avessero mai visto. All'epoca, Michelle rimase scettica su quest'uomo, Barack. Secondo la sua esperienza, i professori sembravano "impazzire" per qualsiasi uomo nero mezzo intelligente con un bel vestito. 

Michelle ha finalmente incontrato Barack. Il suo ruolo alla Sidley & Austin era quello di incontrare promettenti studenti di legge e incoraggiarli ad entrare nello studio una volta laureati. Quando incontrò Barack, si rese conto di non avere molti consigli da dargli. Avendo preso tempo, Barack era più esperto e maturo degli studenti che Michelle consigliava di solito. Ricorda che la gente dello studio chiedeva a Barack consigli su questioni. 

I suoi amici sono rimasti enormemente colpiti quando lo hanno incontrato. L'hanno incoraggiata a trascurare il fumo di Barack e ad uscire con lui. Dopo il loro primo bacio, ogni dubbio sul suo futuro marito svanì. 

StoryShot #6: Il matrimonio di Michelle e Barack e lo sviluppo delle loro carriere

La relazione tra Michelle e Barack si sviluppò rapidamente. Il fratello di Michelle era molto complimentoso con Barack, soprattutto perché Barack era un discreto giocatore di basket. Il fratello di Michelle era un giocatore di basket al college e successivamente un allenatore di basket. Craig, il fratello di Michelle, ha avuto una grande influenza su di lei. La sua affermazione ha aiutato la relazione a continuare a fiorire. 

Barack divenne il primo editore nero per la Harvard Law Review, il che significava che dovettero vivere separati per un po'. Barack poté poi trasferirsi a Chicago per vivere con Michelle. Durante i loro primi anni a Chicago, a Barack furono offerti molti lavori. Ma lui rimase riflessivo e premuroso, scegliendo invece i laboratori comunitari piuttosto che studi legali ben pagati. Durante questo periodo, Michelle stava pensando di allontanarsi dal suo lavoro alla Sidley & Austin verso qualcosa che fosse faccia a faccia. Non voleva più lavorare per conto di società; voleva aiutare le persone. 

Nel 1991, Michelle ha incontrato Valerie Jarrett, una persona che l'ha aiutata nella transizione della sua carriera. Valerie sarebbe infine diventata un'amica di Michelle per tutta la vita. Anche Valerie era stata un avvocato insoddisfatto e voleva lavorare con le persone e aiutarle. Aveva lavorato per l'ufficio del sindaco. Valerie ha usato questa opportunità per aiutare Michelle ad ottenere un lavoro come assistente dell'allora sindaco in carica, Richard Daley, Jr. 

Nell'ottobre 1992, Michelle e Barack si sono sposati. L'anno seguente, Michelle ha lavorato a un'iniziativa chiamata Public Allies e ha usato questa esperienza per ottenere un ruolo di lavoro al Municipio. Poi, qualche anno dopo, è emerso il lavoro di direttore esecutivo per un'organizzazione non-profit. Questa organizzazione collegava giovani promettenti con mentori che lavoravano nel settore pubblico. Questo era un lavoro adatto a Michelle, poiché sentiva che i mentori di stampo civico l'avevano fortemente influenzata. 

StoryShot #7: Michelle non era inizialmente entusiasta della ricerca politica di Barack

Michelle ha capito che Barack poteva conquistare la gente. Ricorda che ha parlato nel seminterrato di una chiesa ad un piccolo pubblico di donne preoccupate per la loro comunità. Barack le incoraggia ad usare l'impegno politico attraverso il voto o il contatto con i rappresentanti locali. Alla fine, le donne stavano gridando, "Amen! Michelle non è stata l'unica a notare il suo potenziale politico, però. Il Chicago Magazine ha notato il fantastico lavoro di Barack nella campagna Project VOTE! e gli ha suggerito di candidarsi. All'epoca la cosa non lo entusiasmò, Barack voleva invece scrivere un libro intitolato Dreams From My Father. Questo libro fu pubblicato nel 1995 con recensioni decenti ma vendite insignificanti. Era basato sull'insolita storia di vita di Barack, cresciuto tra l'Indonesia e le Hawaii. 

Nel 1995, Barack stava insegnando una classe sul razzismo e la legge all'Università di Chicago. Quest'anno fu anche contattato per iniziare una carriera in politica. Un nuovo seggio stava per aprirsi nella zona di Michelle e Barack. Michelle non era entusiasta di questa prospettiva. Credeva che Barack potesse avere un impatto maggiore lavorando per un'organizzazione non-profit piuttosto che nel Senato dello Stato. Barack ha ascoltato queste idee, ma ha deciso di correre con esso. Barack credeva di poter avere un impatto positivo sulla politica. 

Riassunti di libri gratuiti correlati

La luce che portiamo con noi da Michelle Obama

L'audacia della speranza da Barack Obama

Una terra promessa da Barack Obama

Casta da Isabel Wilkerson

L'autobiografia di Martin Luther King da Martin Luther King Jr.

L'autobiografia di Malcolm X da Malcolm X

Come essere un antirazzista da Ibram X. Kendi

Lungo cammino verso la libertà da Nelson Mandela

Nato da un crimine da Trevor Noah

Quello che so per certo da Oprah Winfrey

Non può farmi male da David Goggins

Gandhi da Mahatma Gandhi

Fragilità bianca

Come essere un antirazzista

Blackout

diventando sintesi
  • Risparmiare

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.