Come essere un antirazzista

Riassunto e recensione di How to Be an Antiracist | Ibram X. Kendi

La vita si dà da fare. Ha Come essere un antirazzista ha preso polvere sul tuo scaffale? Raccogliete invece le idee chiave adesso.

Qui stiamo grattando la superficie. Se non avete già il libro, ordinate il libro o ottenere il audiolibro gratis per conoscere i dettagli succosi.


Come vi siete sentiti riguardo allo stato del razzismo negli Stati Uniti? Questa domanda seria avrebbe potuto suscitare risposte diverse a seconda della situazione.

Potreste aver sviluppato ansia o preoccupazione. Potreste pensare che la situazione stia migliorando dopo il movimento più recente, Black Lives Matter. Oppure potreste pensare che non sia mai stato un problema.

A prescindere dalla propria posizione, l'educazione è fondamentale. Il punto di vista di Ibram X. Kendi sulla storia del razzismo e sulla lotta al razzismo è una lettura essenziale in How to Be Antiracist.

Continuate a leggere per saperne di più sul libro e su come essere antirazzisti.

Profilo di Ibram X. Kendi

Ibram X. Kendi è un autore nero, professore, attivista per l'antirazzismo e storico. È specializzato in politiche razziali e discriminatorie negli Stati Uniti.

Dal luglio 2020 è direttore del Centro di ricerca antirazzista dell'Università di Boston. Nello stesso anno è apparso nella lista delle 100 persone più influenti stilata da Time.

Keni ha pubblicato diversi libri e riviste accademiche. Nel 2016 è stato il più giovane autore a vincere il National Book Award for Nonfiction. 

Come essere un antirazzista 

L'opera letteraria più famosa di Kendi è How to Be Antiracist. È stato un Best Seller del New York Times #1 nel 2020. Molti studiosi ne hanno cantato le lodi e l'hanno consigliata a persone di ogni colore ed etnia.

Il libro parla delle differenze tra essere non razzisti e antirazzisti. Le due cose non sono la stessa cosa.

Il razzismo palese danneggia le persone con la pelle più scura, soprattutto i neri.

Tuttavia, esiste un pericolo anche per gli individui non razzisti.

Si tratta di persone che non praticano apertamente il razzismo, ma che non si esprimono contro chi lo pratica. Il loro silenzio e la mancanza di attivismo creano un ambiente che permette e protegge i razzisti.

Kendi sottolinea che non basta essere non razzisti. Dobbiamo essere antirazzisti affinché il razzismo profondamente radicato non abbia più scuse per rimanere negli Stati Uniti.

Dobbiamo chiamare le persone quando si comportano in modo razzista o quando mettono in atto microaggressioni. A questo punto, è troppo tardi per rimanere ciechi di fronte al razzismo sistemico.

StoryShot #1: La definizione di razzismo è più ampia di quanto si pensi

Una delle argomentazioni più comuni che vengono sollevate a proposito del razzismo è la definizione di questa parola. Molti dicono che è qualcosa che non si può spiegare. Dicono invece che lo si riconosce quando lo si vede.

Ma sarebbe meglio non dover vedere il razzismo per sapere di cosa si tratta. 

Il problema di questo rifiuto è che permette a tutti di interpretare la parola a modo loro. L'auto-interpretazione porta a fraintendimenti, interpretazioni sbagliate e a un uso insufficiente della parola.

Se non siamo noi a ricevere il razzismo, è improbabile che pensiamo che sia razzista. Le persone tendono a spingere la definizione nel modo più favorevole per loro.

Definizione di razzismo di Merriam-Webster è la seguente: "la convinzione che la razza sia il principale determinante dei tratti e delle capacità umane e che le differenze razziali producano una superiorità intrinseca di una particolare razza".

Kendi affronta la definizione di razzismo ed esplora la storia del razzismo. Approfondisce l'argomento. Include che un razzista è "chi sostiene una politica razzista attraverso le proprie azioni o inazioni o esprimendo un'idea razzista".

Si noti l'inclusione di "inazione" nella definizione di Kendi.

Kendi ha scritto la seguente definizione di antirazzismo: "chi sostiene una politica antirazzista attraverso le proprie azioni o esprimendo un'idea antirazzista".

Le differenze in queste definizioni danno un quadro più chiaro di ciò che Kendi intende. Kendi prosegue discutendo le differenze tra individui non razzisti e antirazzisti.

Considerando queste definizioni, si dovrebbe presumere che negare il razzismo perpetui il razzismo. È più profondo di quanto si pensi e siamo tutti colpevoli di essere caduti nei costrutti sociali costruiti su basi razziste.

StoryShot #2: Il razzismo è ovunque

Spesso si parla del razzismo come di un cancro. Il razzismo è un comportamento pervasivo che penetra in tutti i settori della nostra società.

Le persone che ci hanno preceduto hanno fatto in modo che fosse così.

Kendi ha sviluppato un cancro al colon a 35 anni. Con la diagnosi, ha iniziato a notare molte analogie tra il cancro e il razzismo.

Il medico di Kendi gli ha detto che il suo cancro al colon al quarto stadio aveva un tasso di sopravvivenza del 12%. In risposta, Kendi ha detto che il razzismo potrebbe essere accompagnato dalla stessa devastante statistica.

Il razzismo è nelle scuole, negli ospedali e nei distretti. È nel negozio di alimentari, alla stazione di servizio e persino a casa.

Ci sono troppe persone che sono morte a causa del sistema sottostante fondato sul razzismo.

Il razzismo è più di un problema sociale. È un problema per la salute del mondo.

C'è però una differenza significativa tra il razzismo e il cancro. Poiché possiamo vedere e quantificare il cancro, siamo meno propensi a negarne l'esistenza.

Vediamo le scansioni e iniziamo a lavorare sui modi per fermare la progressione.

Per quanto riguarda il razzismo, vediamo i segnali e li ignoriamo. La società nega tutto e molti di noi non fanno nulla, anche se comprendono la presenza del problema.

Kendi ha sconfitto il cancro. E crede che anche noi possiamo sconfiggere il razzismo.

C'è speranza.

StoryShot #3: Smettere di fingere che il razzismo non sia un problema

Molti di noi si dicono: "Non sono razzista". Ma questo non basta.

Alcune persone che dicono questo praticano modi più occulti di razzismo, magari attraverso microaggressioni.

Possiamo cambiare la definizione di razzismo nella nostra mente a nostro piacimento. Un giorno, la persona A può pensare che i razzisti siano violenti, quindi gli atti di razzismo minori non contano. Un altro giorno, potrebbe credere che i razzisti debbano uccidere, quindi - di nuovo - gli atti minori non contano.

Piegare la definizione di razzismo è inefficace e spesso dannoso. Se ci si sottrae alla società in cui si è cresciuti, ci si chiude ai propri sentimenti, comportamenti e pensieri. 

Dobbiamo tutti riconoscere che siamo cresciuti con il razzismo intorno a noi. Per quanto possiamo pensare di essere contrari al razzismo, esso è radicato in ognuno di noi.

Ecco perché è importante fare il passaggio da non razzista ad antirazzista. 

Adottare un approccio non razzista può alleggerire la pressione su di noi. Ma non ci rende responsabili del sistema più ampio che perpetua il razzismo. In questo modo il razzismo dilaga anche se non lo pratichiamo.

L'antirazzismo si concentra su due idee. Primo: non pratichiamo il razzismo. In secondo luogo, ci assicuriamo di rendere noi stessi e gli altri responsabili di azioni, pensieri o idee razziste. Con l'educazione e l'illuminazione, una visione antirazzista può avere un impatto maggiore sulla società. 

StoryShot #4: Vale la pena di imparare ciò che non si conosce

Kendi parla del fatto che tutti avrebbero bisogno di una maggiore educazione sulla storia del razzismo e su come combattere il razzismo. Le idee razziste sono così profonde nella nostra società. È quindi importante riflettere su come sfidare queste idee e migliorare in futuro.

Non pensiamo le stesse cose che pensavamo dieci anni fa. Se alcuni di questi cambiamenti possono essere dovuti alla maturazione, la maggior parte è probabilmente dovuta all'educazione.

Prendetevi del tempo per imparare cos'è il razzismo, come si presenta e come combatterlo. Con l'istruzione, possiamo diventare antirazzisti e combattere il razzismo sistemico. In questo modo, non potremo più negarlo o ignorarlo.

L'istruzione ci dà anche il potere della comprensione. Dobbiamo imparare come i neri siano stati sfruttati attraverso la schiavitù, la servitù forzata, i test sanitari e altro ancora. Senza un'istruzione adeguata, non possiamo capire quanto il razzismo sia profondamente radicato.

Ad esempio, gli operatori sanitari tengono conto della razza quando si tratta di esami di laboratorio. L'esempio più comune è la velocità di filtrazione glomerulare (GFR).

La convinzione è che l'organismo dei neri abbia una maggiore tolleranza alla disfunzione renale. Tuttavia, le differenze tra il GFR nei pazienti neri e bianchi possono portare a sottodiagnosi e sottotrattamento.

Di conseguenza, i pazienti neri soffrono nel lungo periodo. Non ricevono l'aiuto di cui hanno bisogno. E i medici non sono propensi ad ascoltare i loro sintomi o le loro preoccupazioni.

I neri non ricevono abbastanza farmaci antidolorifici, cure adeguate o attenzione medica. I tassi di mortalità materna dei neri sono imperdonabili in questo Paese. E i tassi di cancro dei neri sono atroci per i nostri attuali progressi medici.

Dobbiamo istruirci su questi argomenti per arrivare alle questioni profonde. Rimanere in superficie non ci farà capire la vera storia.

StoryShot #5: Guardarsi allo specchio

È difficile ammettere di aver pensato o fatto cose razziste. Ma siamo tutti colpevoli, indipendentemente dal colore della nostra pelle.

Siamo cresciuti con la convinzione che certe cose si potessero dire o pensare. Ma con l'educazione possiamo riconoscere queste cose e stroncarle sul nascere.

Nella sua analisi antirazzista, Kendi vuole che guardiamo a come possiamo contribuire al razzismo nella nostra società. Sia passivamente che attivamente, ognuno di noi ha avuto un ruolo in un momento o nell'altro.

Potremmo aver bisogno di chiamare le persone che amiamo per aver pronunciato commenti razzisti. Oppure, potremmo doverci opporre ai nostri capi quando compiono azioni razziste.

Questi piccoli passi sono utili per eliminare il razzismo è le persone che lo praticano attivamente, che se ne rendano conto o meno. 

StoryShot #6: Separare le preferenze da ciò che è giusto e sbagliato

Tutti abbiamo le nostre opinioni e i nostri pensieri sul razzismo e su come sta influenzando il Paese. Tuttavia, molti di noi pensano che i loro pensieri siano corretti. Quindi, agiamo di conseguenza ignorando il razzismo o supponendo che si tratti di una bufala.

Smettetela.

Pur avendo diritto alle nostre opinioni e preferenze, non abbiamo il diritto di anteporre tali opinioni e preferenze ai fatti. 

Fatto: il razzismo esiste.

Fatto: il razzismo è diffuso nella nostra società.

Fatto: il razzismo sta uccidendo i neri americani a tassi allarmanti.

Una volta istruiti sugli effetti del razzismo, non possiamo ignorare i freddi e duri fatti che ricercatori e studiosi hanno denunciato più volte. Non possiamo sentirci feriti perché uno studio dimostra che più di un 74.000 neri americani muoiono ogni anno a causa dell'iniquità.

Possiamo sentirci a disagio nel discutere di razzismo e preferire ignorare l'argomento. Ma le nostre preferenze non cambiano i fatti.

StoryShot #7: è il momento di farsi avanti

È tempo di passare da un sentimento non razzista a uno antirazzista. Non è più sufficiente ignorare il razzismo o non praticarlo.

Dobbiamo tagliarla alla fonte.

Essere antirazzisti significa essere lotta contro il razzismo e di esporsi per gli altri anche quando può essere scomodo. 

Non pensate di non essere in grado di cambiare le cose. Indipendentemente dalla vostra professione o dal posto che occupate nella società, avete la possibilità di combattere il razzismo e di fermarne l'avanzata.

Se lavorate in una scuola, in un ospedale o in una chiesa, avete i mezzi necessari per fare la differenza.

Smettete di giustificare il vostro amico o collega razzista. Chiamateli fuori e chiedete loro di riflettere sul motivo per cui dicono quello che dicono. Prendetevi il tempo di educare voi stessi in modo da poter educare gli altri.

StoryShot #8: Essere antirazzisti, non non razzisti

Non possiamo diventare antirazzisti senza agire. Se non sapete da dove cominciare, Kendi suggerisce di sostenere le organizzazioni comunitarie della vostra zona. Con loro, potete combattere le politiche che favoriscono le disparità negli Stati Uniti.

Che abbiate i fondi per aiutare o il tempo per fare volontariato, avete il potere di cambiare le cose nel vostro governo locale, nelle scuole, nelle forze dell'ordine e altro ancora.

Kendi ritiene che sostenere le politiche antirazziste sia il modo principale per praticare l'antirazzismo. Perciò, informatevi sulle vostre organizzazioni locali e valutate come fare la differenza.

Indipendentemente dal colore della pelle o dal background, avete la possibilità di fare la differenza. Quindi, fatelo.

Come essere antirazzisti Riassunto

How to Be Antiracist di Ibram X. Kendi sostiene l'antirazzismo rispetto al non razzismo e ci insegna come essere antirazzisti. Kendi ci chiede di guardare a come possiamo apportare cambiamenti nella nostra società piuttosto che sederci nelle comodità del non-razzismo.

Vuole che lasciamo la nostra zona di comfort per istruirci e trovare la voce per fare la differenza a livello locale. Col tempo, taglieremo insieme il razzismo alla fonte.

Kendi immagina un mondo in cui il razzismo non esiste più. Lavoriamo per realizzarlo.

Come essere un antirazzista Citazioni

"Il contrario di razzista non è 'non razzista'. È "antirazzista". Qual è la differenza? Uno sostiene l'idea di una gerarchia razziale come razzista, o l'uguaglianza razziale come antirazzista. Uno crede che i problemi siano radicati in gruppi di persone, come razzista, o individua le radici dei problemi nel potere e nelle politiche, come antirazzista. O si permette alle disuguaglianze razziali di persistere, come razzisti, o si affrontano le disuguaglianze razziali, come antirazzisti. Non c'è una via di mezzo tra lo spazio sicuro del "non razzista".

- Ibram X. Kendi

"O si permette alle disuguaglianze razziali di persistere, come razzisti, o si affrontano le disuguaglianze razziali, come antirazzisti. Non c'è una via di mezzo tra lo spazio sicuro del "non razzista". La pretesa di neutralità "non razzista" è una maschera per il razzismo".

- Ibram X. Kendi


Cosa pensi di questo riassunto? Su cosa sei d'accordo o in disaccordo? Commentate qui sotto o twittateci @storyshots.

Immersione profonda in il libro o ottenere l'audiolibro GRATIS.

Nuovo su StoryShots? Ottenere l'audiolibro gratuito e riassunti video di How to Be an Antiracist e centinaia di altri bestseller nel nostro app gratuita di alto livello. È stato descritto #1 da Apple, The UN e The Guardian.


Riassunti di libri correlati

L'autobiografia di Martin Luther King di Martin Luther King Jr. (aperto nell'app)

L'autobiografia di Malcolm X di Malcolm X (aperto nell'app)

L'audacia della speranza da Barack Obama (aperto nell'app)

Lungo cammino verso la libertà di Nelson Mandela (aperto nell'app)

Nato da un crimine da Trevor Noah (aperto nell'app)

Quello che so per certo da Oprah Winfrey (aperto nell'app)

Troppo e mai abbastanza da Mary L. Trump

Non può farmi male da David Goggins (aperto nell'app)

Diventare da Michelle Obama (aperto nell'app)

Osare il comando di Brené Brown (aperto nell'app)

Osare grandemente di Brené Brown (aperto nell'app)

Gandhi da Mahatma Gandhi (aperto nell'app)

Come distruggere l'America in tre semplici passi da Ben Shapiro

Una terra promessa da Barack Obama

Blackout da Candace Owens

Casta da Isabel Wilkerson

Articoli simili

2 Commenti

  1. Mi chiedo se Ibram X. Kendi abbia letto qualche libro o avuto discussioni con altri autori neri come Jason L. Reily, Shelby Steele, Thomas Sowell e Walter E. Williams. Sarebbe interessante sapere dove sono d'accordo o in disaccordo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.