Sintesi della fragilità bianca
 |  | 

White Fragility di Robin DiAngelo Riassunto e analisi

Perché è così difficile per i bianchi parlare di razzismo

La vita si dà da fare. Ha Fragilità bianca: Perché è così difficile per i bianchi parlare di razzismo ha preso polvere sul tuo scaffale? Raccogliete invece le idee chiave adesso.

Qui stiamo grattando la superficie. Se non avete già il libro, ordinate il libro o ottenere il audiolibro gratis su Amazon per conoscere i dettagli succosi.

Sinossi

Fragilità bianca: Perché è così difficile per i bianchi parlare di razzismo è un libro del 2018 che scava in profondità nelle relazioni razziali degli Stati Uniti. Questo libro si rivolge principalmente ai bianchi. L'autore, Robin DiAngelo, descrive la fragilità bianca come il modo in cui i bianchi si mettono sulla difensiva quando si dice che traggono vantaggio dal razzismo. Il libro fornisce esempi del perché la fragilità bianca esiste. Inoltre, Robin DiAngelo spiega l'impatto negativo della fragilità bianca e come possiamo sfidarla. Il libro conclude che il modo migliore per affrontare il razzismo è sfidare i bianchi in modo proattivo. 

La prospettiva di Robin DiAngelo

L'autrice di questo libro, Robin DiAngelo, è un'accademica americana. Lavora da molti anni nell'ambito dell'analisi critica del discorso e degli studi sulla bianchezza. È stata un'educatrice su questioni di giustizia razziale e sociale per più di vent'anni. Inoltre, Robin ha lavorato come professore di educazione multiculturale alla Westfield State University. Attualmente è professore associato di educazione all'Università di Washington. DiAngelo ha coniato il termine "fragilità bianca" nel 2011, all'interno di uno dei suoi articoli accademici.

La DiAngelo basa gran parte di questo libro sulle sue esperienze come consulente professionale per la diversità. Durante questo periodo, ha condotto workshop sulla diversità per aziende e altre organizzazioni. In questi workshop ha notato per la prima volta quanto i bianchi siano sulla difensiva nel trarre vantaggio dal razzismo.

Capitolo 1 - Le sfide di parlare di razzismo ai bianchi

Questo capitolo offre un'introduzione alle due principali sfide del parlare di razzismo ai bianchi. DiAngelo le descrive come:

  1. Una comprensione limitata della socializzazione 
  2. Una comprensione semplicistica del razzismo

I bianchi sono stati socializzati a vedere che la razza conta. Tuttavia, non considerano la loro razza e il suo impatto. DiAngelo spiega come questa socializzazione sia avvenuta attraverso le ideologie occidentali dell'individualismo e dell'oggettività. Avere un'idea individualista del mondo significa che si vede solo la propria esperienza. Non ti vedi collettivamente con i bianchi. 

Tuttavia, la denominazione della razza è una componente critica della costruzione di abilità interrazziali. Quindi, è necessario impegnarsi criticamente con il tema della razza. Oltre a questo, i bianchi devono considerare l'impatto di essere membri del loro gruppo razziale. Questa comprensione è necessaria per superare la fragilità bianca, poiché aiuta a costruire la nostra resistenza razziale. 

Capitolo 2 - Razzismo e supremazia bianca 

Questo capitolo si concentra su come la razza sia semplicemente costruita socialmente. Dobbiamo capire la razza prima di poter affrontare il razzismo e la fragilità bianca. 

La società amplifica l'idea che la razza sia associata a grandi differenze genetiche. Contrariamente alla credenza popolare, la razza non è una realtà genetica. 

Le differenze nel nostro colore della pelle non sono correlate in modo affidabile con le variazioni genetiche sottostanti. Sono solo differenze superficiali che sono associate alle geografie in cui gli antenati delle persone si sono adattati. Pertanto, questo significa che la razza può essere vista come un costrutto sociale piuttosto che una verità biologica. O, detto più semplicemente, la razza è solo un insieme di idee create all'interno di una particolare cultura. Queste idee guidano i nostri pensieri e le nostre azioni. 

La nostra attuale comprensione sociale della razza è ancora basata sulle differenze genetiche. Questa comprensione significa che siamo condizionati a vedere e trattare certi gruppi di persone in modi specifici. DiAngelo usa gli Stati Uniti come esempio. Spiega come la razza sia storicamente servita a risolvere le contraddizioni alla base della fondazione del paese. Gli Stati Uniti sono stati creati sulla base dell'"uguaglianza", ma questa non è la realtà. Il paese è stato invece costruito su disuguaglianze estreme, con gli europei americani proprietari di schiavi che schiavizzavano gli afroamericani. 

Per giustificare questa mancanza di uguaglianza negli Stati Uniti, la scienza della razza fu introdotta nel 18° secolo dagli europei americani. La scienza della razza era una forma di pseudoscienza che sosteneva che gli afroamericani erano geneticamente inferiori agli europei. Sulla base di questa premessa, gli europei americani continuarono a fornire agli afroamericani meno diritti. Inoltre, agli europei americani venivano dati alcuni privilegi. Quindi, l'ineguaglianza tra afroamericani ed europei americani era giustificata dalla pseudoscienza. Questa disuguaglianza persiste ancora oggi. Fu anche l'inizio di ciò che oggi vediamo come denominazioni razziali di "nero" e "bianco".

Oggi, essere percepiti come bianchi comporta ancora privilegi legali, politici, economici e sociali. Avere questi privilegi porta alla negazione di questi stessi privilegi per gli altri. Prima dell'abolizione, i bianchi avevano il diritto di tenere gli schiavi. Dopo l'abolizione, i bianchi hanno mantenuto cose come il diritto di voto, mentre le persone non bianche non avevano questo diritto. Questi fatti storici incoraggiano la supremazia bianca, per cui la bianchezza o le esperienze bianche sono viste come l'ideale. 

La bianchezza è stata usata come un costrutto sociale per molti anni. Per esempio, il termine "bianco" era usato solo per certi gruppi etnici provenienti dall'Europa. Questo non includeva gli irlandesi e gli italoamericani fino alla fine del XIX secolo. Affinché questi gruppi fossero alla fine accettati come bianchi, dovevano assimilarsi ai costrutti sociali di bianchezza stabiliti. Per esempio, hanno dovuto imparare l'inglese e abbandonare le loro vecchie lingue. Questo cambiamento di comportamento dimostra che la razza non è una distinzione naturale tra due gruppi preesistenti di persone "bianche" e "nere". Invece, la razza riguarda la superiorità e l'inferiorità sociale. Pertanto, la disuguaglianza razziale è sistematica. Era ed è infiltrata nelle realtà sociali, culturali, politiche ed economiche del paese. 

Le disparità nell'America moderna esemplificano questa disuguaglianza sistematica. I bianchi costituiscono: 

  • 100% dei dieci americani più ricchi
  • 90% del Congresso degli Stati Uniti
  • 96% dei governatori degli Stati Uniti
  • 100% dei principali consiglieri militari statunitensi
  • 84% di professori universitari a tempo pieno
  • 90-95% delle persone che decidono quali programmi televisivi, album musicali e libri vengono prodotti e pubblicati

Capitolo 3 - Il razzismo dopo il movimento per i diritti civili

Supponiamo che adottiate una comprensione semplicistica del razzismo. In questo caso, crederete che il movimento per i diritti civili abbia messo fine alle pratiche razziste in America. Invece, il razzismo è sistematico e altamente adattabile. Il razzismo si infiltra nelle norme, nelle politiche e nelle pratiche moderne. Quindi, vediamo risultati razziali simili a quelli che avevamo prima del movimento per i diritti civili. 

Il razzismo moderno persiste attraverso l'ideologia del daltonismo. Il daltonismo può sembrare ben intenzionato. Tuttavia, affermare di non vedere la razza rende difficile affrontare le credenze razziste inconsce. Negare di vedere la razza può negare la realtà del razzismo. Adottare un linguaggio neutrale rispetto alla razza fa poco per sfidare il razzismo nel mondo moderno. 

Per esempio, la società americana non accetta più socialmente di esprimere apertamente i pregiudizi razziali. Tuttavia, il linguaggio neutro dal punto di vista razziale rende sempre più difficile individuare i pregiudizi razziali. Quindi, questo lascia i pregiudizi inconsci. Questi pregiudizi inconsci sono mostrati dai quartieri in America che sono segregati in gruppi razziali. La segregazione legalmente sancita può essere una cosa del passato, ma gli americani moderni sono ancora segregati da dove vivono. I bianchi americani stanno decidendo dove vivere e di vivere lontano dai neri americani. DiAngelo descrive il fenomeno della fuga dei bianchi. La fuga dei bianchi è quando i bianchi decidono di lasciare i quartieri quando il 7% o più dei residenti sono neri. 

I bianchi descrivono questi quartieri come "pericolosi" o "infestati dal crimine". Queste sono diventate parole in codice per i quartieri neri. In confronto, i quartieri bianchi vengono descritti come "sicuri" e "puliti". Questo significa che i bianchi possono essere razzisti senza nemmeno apparire o rendersi conto dei loro pregiudizi. 

L'impatto di questa segregazione è che i bianchi vengono istruiti in scuole bianche e sono circondati da bianchi sul lavoro e nei media che consumano. Questo isolamento offre un indizio del perché i bianchi non sono consapevoli dei problemi del razzismo. Non lo vedono e quindi non lo riconoscono. 

Capitolo 4 - Come la razza influenza la vita dei bianchi?

In questo capitolo, DiAngelo introduce otto aspetti fondamentali della fragilità bianca. Essi si basano sull'identificazione e sul rinforzo razziale:

  1. Un sentimento di appartenenza. Ovunque una persona bianca guardi in una cultura, può vedere altri bianchi. Vede leader, autori e celebrità. La cultura dominata dai bianchi manda un messaggio ai bianchi di "tu appartieni a questo posto" e un messaggio ai neri di "tu non appartieni a questo posto".
  2. Libertà dal peso della razza
  3. Libertà di movimento
  4. Essere giustificato con l'etichetta di essere 'giusto
  5. Etichettarsi come razzialmente innocenti. I bianchi spesso associano gli uomini neri e latini al crimine a causa delle rappresentazioni dei neri e dei latini nei media. Quindi, la percezione dei bianchi del livello di criminalità di un quartiere è direttamente correlata a quanti giovani di colore ci vivono. Questo si traduce anche nella giustizia penale. La polizia e i giudici arrestano, condannano e uccidono in modo sproporzionato uomini neri e latini
  6. Segregazione razziale
  7. Solidarietà bianca
  8. Essere ignari della storia razziale del paese

Questi aspetti fanno sì che i bianchi romanticizzino i bei vecchi tempi e proteggano il vantaggio dei bianchi. Inoltre, i neri non hanno tipicamente le stesse esperienze nella vita. DiAngelo sottolinea che il privilegio bianco non significa che tutti i bianchi abbiano vita facile. Anche i bianchi possono avere difficoltà. Invece, il privilegio bianco significa semplicemente che i bianchi godono di certi vantaggi a causa della loro bianchezza. 

Capitolo 5 - Il binario buono/cattivo

Un binario è emerso in seguito al movimento per i diritti civili. La gente credeva che gli atti malevoli di pregiudizio estremo fossero razzisti e che solo le persone cattive commettessero questi atti. Questa norma culturale è un binario buono/cattivo. I bianchi hanno iniziato ad associare azioni che assomigliavano agli attacchi dei suprematisti bianchi del Sud negli anni '50 e '60 come razzismo. Questo binario non è utile. Rende impossibile per la persona bianca media capire forme meno evidenti di razzismo. Una mancanza di comprensione significa una mancanza di azione nell'affrontare il razzismo.  

Fondamentalmente, ora abbiamo una comprensione fumettistica di cosa sia il razzismo. Gli esempi estremi di razzismo che hanno portato a cambiamenti nella legge sono ora ciò che i bianchi vedono come razzismo. La maggior parte dei bianchi vuole vedersi come individui gentili e morali. Poiché il razzismo è ora quasi esclusivamente associato a questi atti estremi, reagiscono male quando vengono chiamati in causa i comportamenti razzisti. I bianchi possono credere di essere ingiustamente insultati, giudicati o attaccati. 

Questi sentimenti di ingiustizia sono il fondamento della fragilità bianca. Sentirsi ingiustamente insultati porta a comportamenti difensivi.

Capitolo 6 - Anti-nero

Anche se la supremazia bianca ha un impatto su tutte le persone di colore, le persone di colore sono quasi sempre rappresentate come l'ultimo "altro" razziale. Quindi, c'è un sentimento unicamente anti-nero integrale all'identità bianca. 

DiAngelo spiega come l'anti-nero sia radicato nella disinformazione, nelle favole, nelle perversioni, nelle proiezioni e nelle bugie sugli afroamericani. Pertanto, ci sono sentimenti contrastanti verso le persone di colore tra la popolazione bianca. Alcune di queste emozioni sono la benevolenza, il risentimento, la superiorità, l'odio e, più fondamentale di tutte, il senso di colpa. I bianchi si sentono in colpa per le trasgressioni sistematiche passate e presenti contro i neri.

DiAngelo sottolinea in modo importante che questo anti-nero è in tutti i bianchi. Questo è dovuto alle società in cui cresciamo. Tutti i bianchi beneficiano del razzismo. I benefici del razzismo non hanno nulla a che fare con l'impegnarsi in atti di palese discriminazione razziale. I bianchi beneficiano del razzismo, che gli piaccia o no. 

Non c'è modo che una persona bianca possa crescere e beneficiare della nostra società senza avere pregiudizi razziali. Questo perché la società è sistematicamente razzista. Come tutti gli esseri umani, i bianchi sono socializzati. La nostra società attuale socializza i bianchi ad adottare una narrativa anti-nero.

Capitolo 7 - I fattori scatenanti razziali per i bianchi 

Questo capitolo inizia a considerare ed esplorare gli effetti e gli esiti delle occasioni in cui i bianchi sono coinvolti in conversazioni su razza e razzismo. Generalmente, i bianchi vivono in uno stato di comfort razziale in quanto vivono in ambienti isolati di privilegio razziale. Sono circondati da persone bianche e non hanno bisogno di affrontare le disuguaglianze razziali della società. 

Tuttavia, lo stress razziale può verificarsi quando ai bianchi vengono ricordati e sfidati sul daltonismo, la meritocrazia e l'individualismo. Quando le sfide a queste cose li innescano, sono poi incapaci di rispondere in modo costruttivo. Questi sono alcuni esempi comuni di reazioni a queste sfide:

  • Rabbia
  • Ritiro
  • Inabilità emotiva
  • Senso di colpa
  • Argomentazione
  • Dissonanza cognitiva

La differenza tra pregiudizio/discriminazione razziale e razzismo

DiAngelo distingue tra pregiudizio razziale e razzismo nel suo lavoro. Il pregiudizio basato su motivi razziali è il pregiudizio di una persona puramente basato sul suo gruppo razziale. Questo pregiudizio diventa poi discriminazione se si agisce su di esso. Pertanto, una persona di qualsiasi gruppo razziale può avere pregiudizi razziali e discriminare razzialmente un altro gruppo razziale. 

Tuttavia, il razzismo è fondamentalmente diverso. Il razzismo può verificarsi solo quando un gruppo razziale ha più potere di un altro gruppo e lo usa sistematicamente contro i suoi membri. I pregiudizi sono incorporati nelle leggi, istituzioni, politiche e norme della società. Questi costrutti sono poi usati per discriminare un gruppo, piuttosto che a livello individuale. Pertanto, le persone di colore non possono essere razziste contro i bianchi a causa dello squilibrio di potere tra loro.

La fragilità bianca implica l'incomprensione e la negazione della distinzione tra pregiudizio e razzismo.

Capitolo 8 - Il risultato: Fragilità bianca

La ricerca suggerisce che le idee sulla razza sono costruite fin dalla scuola materna. Nonostante questo, gli adulti bianchi spesso negano l'esistenza di privilegi basati sulla razza. Quando vengono sfidati, ricorrono all'autodifesa. Nelle conversazioni sulla razza e il razzismo, i bianchi spesso si caratterizzano come vittime o "attaccati". Queste affermazioni che riguardano il trattamento ingiusto sono loro che incolpano gli altri per il loro disagio con il razzismo. DiAngelo sottolinea che la fragilità bianca non è in realtà fragile, ma può invece essere una forma di bullismo che permette ai bianchi di riprendere il controllo. Pertanto, le componenti della fragilità bianca forniscono ai bianchi un meccanismo di difesa confortante e inconsistente. 

Quindi, la fragilità bianca serve a negare l'esistenza del razzismo. Aiuta i bianchi a sentirsi a proprio agio sulla posizione privilegiata che occupano nella società. Questi due punti sono interconnessi. Negare il razzismo permette ai bianchi di vedere la loro posizione privilegiata come un risultato naturale. Pertanto, si sentono a loro agio con quella posizione "naturale". 

La fragilità nella fragilità bianca deriva dai componenti di questo aggeggio. In primo luogo, le supposizioni dei bianchi sul razzismo non sono sostenute dalla logica. Inoltre, i pregiudizi delle persone possono non essere rappresentati coscientemente. Tuttavia, se pressati sull'argomento, i bianchi ammetteranno cose come la paura dei giovani neri. A causa di questa fragilità, non ci vuole molto a disturbare la loro presunta stabilità. Di conseguenza, nascono emozioni e azioni negative.

Capitolo 9 - Fragilità bianca in azione

Partendo dai punti dell'ultimo capitolo, questo capitolo descrive alcuni dei sentimenti e dei comportamenti associati alla fragilità bianca:

  • Evitare
  • Negare
  • Piangere
  • Discutere

Ognuna di queste risposte non è produttiva. Queste reazioni emotive bloccano qualsiasi punto di ingresso per la riflessione e l'impegno con il contenuto.

Capitolo 10 - La fragilità bianca e le regole d'ingaggio 

DiAngelo fornisce al lettore anche consigli su come avvicinarsi ai bianchi quando si parla di razza. Da decenni di esperienza, DiAngelo ha identificato le regole non dette per dare un feedback su presupposti e modelli razzisti. La regola fondamentale era quella di non dare alcun feedback. La fragilità bianca punirà sempre la persona che dà un feedback e chiederà il suo silenzio. Nonostante questo, il feedback è fondamentale per poter affrontare e smantellare il razzismo. 

Concentrarsi sul feedback, invece che sulla consegna o sul messaggero, è la chiave per costruire la resistenza necessaria per un impegno continuo. 

La DiAngelo fornisce l'esempio di un workshop antirazzista che ha co-diretto. Ha incontrato una donna che è cresciuta in Germania prima di trasferirsi negli Stati Uniti. Nella città tedesca in cui è cresciuta, ha affermato che non c'erano persone di colore. Pertanto, le idee di razza e razzismo non le erano state insegnate. DiAngelo ha poi chiesto alla donna se crede che guardare film americani o aver vissuto negli Stati Uniti per più di 20 anni possa aver incoraggiato idee razziste. L'autore ha semplicemente fatto una domanda sulla possibilità che lei sia stata esposta a idee razziste. La risposta della donna è stata furiosa, e ha detto che non avrebbe mai più partecipato ad un workshop tenuto da DiAngelo. Questo è solo un esempio di Fragilità Bianca che DiAngelo ha sperimentato durante i suoi workshop. Ogni esperienza ha lo stesso schema: una semplice domanda sul razzismo, una forte reazione emotiva e successivi comportamenti negativi. 

Il risultato più importante, però, è che questi sfoghi e comportamenti chiudono la conversazione. Impedisce anche che molte discussioni, nella società, inizino in primo luogo. Molte persone di colore evitano queste conversazioni con i bianchi perché temono le reazioni potenzialmente negative. Di conseguenza, la fragilità bianca gioca un ruolo enorme nel rinforzare il razzismo. 

Se non riuscite nemmeno a parlarne, allora di certo non vi muoverete per sradicarlo.

Capitolo 11 - Le lacrime delle donne bianche

Un altro punto critico da prendere da questo libro è stato sollevato nel capitolo 11. DiAngelo delinea l'impatto storico delle lacrime delle donne bianche sulla gente nera e sugli uomini bianchi. Le emozioni sentite sono essenziali per tutti, ma quando piangiamo, è politico. Le emozioni sono plasmate dai nostri pregiudizi, credenze e quadri culturali. Inoltre, le nostre emozioni guidano il nostro comportamento. Quando una donna bianca piange sul razzismo, l'attenzione va a lei. Per la gente di colore, questa è solo un'altra dimostrazione del privilegio bianco. Invece di concentrarsi sul razzismo, l'attenzione va alla donna bianca. 

Capitolo 12 - Dove andiamo da qui?

"La chiave per andare avanti è ciò che facciamo con il nostro disagio. Possiamo usarlo come una porta d'uscita: incolpare il messaggero e ignorare il messaggio. Oppure possiamo usarlo come una porta per entrare chiedendo: "Perché questo mi sconvolge? Cosa significherebbe per me se questo fosse vero?". - Robin DiAngelo

Questo libro si conclude con il punto in cui dobbiamo andare avanti. Dobbiamo considerare i pregiudizi inerenti al modo in cui i bianchi affrontano il razzismo. Dobbiamo cercare di sviluppare sentimenti diversi che accelerino i nostri viaggi di tutta la vita nell'affrontare i pregiudizi razziali inconsci. Certe emozioni possono rafforzare la fragilità bianca, e dobbiamo sfidarle. Invece, dovremmo rispondere alle domande sulla razza con:

  • Gratitudine
  • Motivazione
  • Umiltà

Sulla base di queste risposte emotive, i comportamenti che potrebbero successivamente essere prodotti sono:

  • Riflessione
  • Fidanzamento
  • Capire

Quindi, dobbiamo tutti cercare più informazioni ed esigere che la fragilità bianca sia insegnata nelle scuole. Dobbiamo anche costruire autentiche relazioni interrazziali. 

Infine, non dobbiamo rimanere a nostro agio. Non affronteremo mai il razzismo restando passivi; ci vuole coraggio e intenzionalità, ma dobbiamo farlo.

Valutazione

Valutiamo questo libro 4.2/5.


PDF, audiolibro gratuito e riassunto animato di White Fragility

Se hai un feedback su questo riassunto o vuoi condividere ciò che hai imparato, commenta qui sotto o inviaci un tweet @storyshots.

Nuovo su StoryShots? Ottieni le versioni audio e animate di questo riassunto e centinaia di altri libri di saggistica bestseller nel nostro app gratuita di alto livello. È stato descritto #1 da Apple, The Guardian, The UN e Google in 175 paesi.

Ordina il libro o ottenere l'audiolibro gratis su Amazon per immergersi nei dettagli.


Riassunti di libri correlati

Come essere un antirazzista

L'autobiografia di Martin Luther King

Diventare

Casta

Nato da un crimine

Conversazioni cruciali

Una terra promessa

Parlare con gli estranei

Come vincere gli amici e influenzare le persone

L'audacia della speranza

Conversazioni difficili

Gandhi

L'autobiografia di Malcolm X

L'autobiografia di Martin Luther King

Sulla tirannia

Lungo cammino verso la libertà

Intelligenza emotiva

Intelligenza emotiva 2.0

Come distruggere l'America in tre semplici passi

Riassunto della fragilità bianca
  • Risparmiare

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.