Riassunto di Gandhi
 |  |  | 

Gandhi di Mahatma Gandhi Riassunto e analisi

Un'autobiografia

La vita si dà da fare. Ha Gandhi ha preso polvere sul tuo scaffale? Raccogliete invece le idee chiave adesso.

Qui stiamo grattando la superficie. Se non avete già il libro, ordinate il libro o ottenere il audiolibro gratis per conoscere i dettagli succosi.

Sinossi 

The Story of My Experiments with Truth è l'autobiografia del Mahatma Gandhi. Il libro copre la prima vita di Gandhi fino al 1921, quando aveva circa 50 anni. Inizialmente, il libro fu scritto a puntate settimanali. Ogni settimana dal 1925 al 1929, la rivista Navjivan avrebbe pubblicato una nuova parte dell'autobiografia. Tuttavia, questo riassunto del libro coprirà l'opera finale, che fu pubblicata per la prima volta in Occidente nel 1948. 

Su Gandhi

Mahatma Gandhi è una delle persone più influenti del 19° e 20° secolo. Gandhi era un avvocato indiano e un anti-colonialista. Usò la resistenza non violenta per fare una campagna contro il dominio britannico sull'India. Questa resistenza alla fine ha portato all'indipendenza dell'India dalla Gran Bretagna. Inoltre, il suo approccio pacifico ha ispirato i movimenti per i diritti civili in tutto il mondo.

"Quando mi dispero, mi ricordo che in tutta la storia la via della verità e dell'amore ha sempre vinto. Ci sono stati tiranni e assassini, e per un certo tempo, possono sembrare invincibili, ma alla fine, cadono sempre. Pensateci, sempre". - Mahatma Gandhi

"Le tue convinzioni diventano i tuoi pensieri,

I tuoi pensieri diventano le tue parole,

Le tue parole diventano le tue azioni,

Le vostre azioni diventano le vostre abitudini,

Le tue abitudini diventano i tuoi valori,

I tuoi valori diventano il tuo destino". - Mahatma Gandhi

La gioventù di Gandhi

India colonizzata

Gandhi è nato il 2 ottobre 1869 a Porbander. Porbander è una piccola città costiera nel nord-ovest dell'India. È stato cresciuto da sua madre e suo padre. Suo padre era un politico locale che lavorava per i principi indiani locali. Entrambi i suoi genitori erano poco istruiti. Per esempio, sua madre era analfabeta e suo padre imparò a scrivere solo in età avanzata. Nonostante questo, i genitori di Gandhi erano relativamente ricchi per la zona. Quindi, Gandhi fu in grado di avere una buona educazione.

Gandhi è nato durante l'epoca vittoriana. Questo era un periodo in cui l'impero britannico era in pieno vigore. Uno dei luoghi che controllavano in gran parte era la nativa India di Gandhi. Gandhi descrive l'impero come una peculiare miscela di avidità commerciale e un tentativo di essere missionari. L'India era considerata il gioiello della corona dell'impero della regina Vittoria. Questo dominio britannico sull'India fu chiamato dagli inglesi Raj. Hanno colonizzato l'India per la prima volta nel 18° secolo attraverso la British East India Company. Alla fine del XIX secolo, era più importante che mai. Gli inglesi erano diventati i dominatori dell'India. 

Matrimonio giovane

"Non ho perso tempo per assumere l'autorità di un marito. . . (lei) non poteva uscire senza il mio permesso". - Mahatma Gandhi

Gandhi si sposò alla giovanissima età di tredici anni. Fu sposato con una ragazza locale della stessa età di nome Kasturbai. Più tardi nella vita, avrebbe sfidato la pratica disumana del matrimonio infantile. Tuttavia, in quel momento, era felice del suo matrimonio. Con il progredire della loro relazione, ebbero molti litigi. Alcuni erano così seri che non si parlavano per mesi.

"Di tutti i mali di cui l'uomo si è reso responsabile, nessuno è così degradante, così scioccante o così brutale come il suo abuso della metà migliore dell'umanità: il sesso femminile". - Mahatma Gandhi

Mediocrità accademica e religiosa

Gandhi era un bambino timido. Rifuggiva dallo sport e aveva difficoltà a scuola. Gandhi trovava le tabelle di moltiplicazione particolarmente impegnative. Allo stesso modo, non aveva una particolare affinità con la religione a questa età. La sua famiglia, crescendo, era religiosamente diversa. Sua madre era una devota indù, mentre suo padre e i suoi amici discutevano spesso di Islam. Inoltre, il giainismo era molto popolare nella sua zona. Quindi, fin dalla giovane età, Gandhi fu circondato da una vasta gamma di religioni. Anche se questa educazione ha probabilmente plasmato l'uomo che sarebbe diventato, non era interessato alla religione in giovane età. Infatti, lo annoiava. Descrive persino come "propendeva un po' verso l'ateismo".

Viaggiare a Londra

Il padre di Gandhi morì quando Gandhi era un giovane adulto. Gandhi fu scelto come successore come capo della famiglia. Pertanto, fu incoraggiato a viaggiare in Inghilterra e a studiare legge. La sua famiglia voleva che seguisse le orme del padre e diventasse un politico. La madre di Gandhi era davvero preoccupata prima che Gandhi partisse per l'Inghilterra. Era preoccupata che l'Inghilterra avrebbe corrotto la morale di Gandhi. Per calmare i suoi nervi, Gandhi promise di evitare vino e carne. 

Prima di partire, sorse un problema. Gli anziani della casta di Gandhi vennero a conoscenza della sua proposta di viaggio in Inghilterra. Si opposero perché nessun membro della loro casta era autorizzato a viaggiare in Inghilterra. L'Inghilterra era considerata impura. Gandhi però era determinato ad andare. Così decise di partire e di essere reso un "fuori casta". Gandhi salpò per l'Inghilterra. Tra le persone care che lasciò c'era il suo primo figlio di tre mesi, un bambino di nome Harilal.

Da Londra al Sudafrica

Gandhi ha faticato ad adattarsi quando è arrivato a Londra. Era un indiano esile con le orecchie sporgenti e una terribile timidezza. Anche se aveva imparato l'inglese a scuola, non riusciva a sostenere bene una conversazione. Infatti, era così imbarazzato durante il viaggio a Southampton che mangiava nella sua cabina per evitare l'imbarazzo. 

Dopo il suo arrivo a Londra, amici di famiglia lo presero sotto la loro ala. Tuttavia, aveva ancora degli ostacoli da superare. In primo luogo, il cibo vegetariano era molto difficile da trovare nella Londra vittoriana. Molti indù che vivevano a Londra decisero di abbandonare questa scrittura indù perché era difficile da seguire. Gandhi aveva però fatto una promessa. Gandhi non era il tipo d'uomo che rompe le promesse. Visse principalmente di porridge finché non trovò un ristorante adatto. 

Adattarsi alla cultura occidentale

Anche se inizialmente Gandhi fece fatica ad adattarsi, fece un tentativo cosciente di occidentalizzarsi in qualche modo. Prese lezioni di francese, di danza, di dizione e di violino. Gandhi non le tenne per molto tempo, ma erano un segno del suo intento. Poi iniziò a vestirsi alla moda inglese. Oltre a questo, Gandhi iniziò a leggere la Bibbia. Non ha mai accettato l'idea del peccato e della redenzione, ma questo ha dato il via alla sua passione per la religione. Inoltre, fu ispirato dal sermone di Gesù sul monte. Ha descritto questo sermone come pieno di umiltà.

Dopo aver letto la Bibbia, Gandhi iniziò a leggere uno dei più sacri libri indù: Bhagavad-Gita. Scoprì l'opera attraverso alcuni amici coinvolti nella teosofia, un mélange faddish di superstizione e orientale, allora di moda nella società vittoriana. La sua poesia e il suo messaggio lo affascinarono presto.

Gandhi diventa avvocato e torna a casa

"L'uomo diventa spesso ciò che crede di essere. Se continuo a dire a me stesso che non posso fare una certa cosa, è possibile che finisca per diventare davvero incapace di farla. Al contrario, se ho la convinzione di poterla fare, acquisirò sicuramente la capacità di farla anche se all'inizio non ce l'ho". - Mahatma Gandhi

Gandhi studiò molto duramente per passare l'esame di stato. Lo passò e fu iscritto come avvocato. Il giorno dopo salpò per tornare a Bombay. Era stato lontano dalla sua casa, dalla moglie e dal figlio per più di tre anni. Voleva disperatamente rivederli. 

Tuttavia, il suo ritorno a casa non fu il benvenuto che si aspettava. La madre di Gandhi era morta mentre lui era all'estero, e la famiglia aveva deciso di tenergli nascosta la notizia fino al suo ritorno a casa. Non volevano interrompere i suoi studi. 

Si aspettava anche di tornare con molte opportunità di lavoro. Questo non si è verificato. Ha lottato per ottenere un lavoro ben pagato e lui, e la sua famiglia in crescita, hanno lottato finanziariamente. La sua prima causa finì in un disastro quando la sua timidezza ebbe la meglio. Non fu in grado di interrogare un testimone. In seguito a questo fallimento, cercò di ottenere un posto da insegnante, ma non ebbe successo. Alla fine decise di accettare l'offerta di uno studio indiano musulmano di recarsi in Sudafrica per un anno e fare da consulente per una causa. 

Sudafrica

Il Sudafrica stava iniziando a mostrare tendenze razziste. Queste tendenze razziste sarebbero poi culminate nel regime di apartheid del 20° secolo. Sebbene la comunità nera fosse il gruppo più emarginato in Sudafrica, anche la popolazione indiana era trattata come cittadini di seconda classe.

Gandhi avrebbe sperimentato questa discriminazione in prima persona mentre viveva in Sudafrica. Mentre viaggiava su un treno, fu costretto ad aspettare durante la notte nella stazione di Transvaal perché si rifiutò di cedere il suo posto di prima classe ad un passeggero bianco. Questa esperienza lo indignò e lo portò a fare il suo primo discorso pubblico. Parlò all'assemblea degli indiani del Transvaal e li esortò a lavorare sodo e ad imparare l'inglese. Se avessero fatto questo, sarebbero stati in grado di raggiungere l'uguaglianza politica. 

Il giorno della festa d'addio di Gandhi in Sudafrica, fu messo al corrente di una legge sul franchising indiano. Questa legge era estremamente discriminatoria nei confronti degli indiani. La legge avrebbe privato gli indiani del diritto di voto. Era scioccato dal fatto che nessuno avesse creato un'opposizione alla legge. Quindi, gli amici di Gandhi lo pregarono di rimanere e di assisterli nell'affrontare questa legge. Egli accettò di restare. Tuttavia, disse che poteva rimanere solo per un mese. Quel mese sarebbe diventato due anni di campagna in Sudafrica. Quando Gandhi lasciò il Sudafrica, vi aveva lavorato per più di vent'anni. Molte persone associano Gandhi all'India. Tuttavia, egli fu anche enormemente influente in Sudafrica. Questo paese è dove gli fu dato per la prima volta il titolo di Mahatma, che significa grande anima. 

Tornò a casa in India per un breve periodo e fu accolto da fan entusiasti. Tuttavia, quando decise di tornare in Sudafrica, il suo benvenuto fu leggermente meno amichevole. Folle tumultuose di bianchi lo attendevano a Port Natal. Gandhi aveva sviluppato una cattiva reputazione, ed era visto come un ribelle e un piantagrane. Pertanto, questi bianchi erano determinati ad impedire il suo arrivo sulla terraferma. Ma non ci riuscirono. Anche se alcuni lo disprezzavano, aveva ancora degli alleati che erano disposti ad aiutarlo.

Mentre viveva in Sudafrica, Gandhi ha dovuto vivere la guerra boera. Anche se poche persone se ne rendono conto, Gandhi era fedele alla Gran Bretagna in quel periodo. Attraverso approcci pacifisti, Gandhi sostenne gli inglesi che combattevano i boeri. Per esempio, guidò un corpo medico indiano per aiutare a servire gli inglesi. Era un patriota britannico in questo periodo. Il suo punto di vista sull'impero sarebbe cambiato radicalmente nel corso della sua vita. Inizialmente credeva che l'impero fosse basato sui principi di uguaglianza e libertà. Questi principi gli erano cari.

La realizzazione di Gandhi

"Il ricercatore della verità dovrebbe essere più umile della polvere. Il mondo schiaccia la polvere sotto i suoi piedi, ma il ricercatore della verità dovrebbe essere così umile che persino la polvere potrebbe schiacciarlo. Solo allora, e non prima di allora, egli avrà un assaggio della verità". - Mahatma Gandhi

Diversi cambiamenti nella vita personale di Gandhi lo renderanno ancora più famoso. In primo luogo, ottenne la realizzazione personale del Brahmacharya. Il Brahmacharya è un'astensione volontaria dai rapporti sessuali. Molti uomini indù aderiscono al Brahmacharya più tardi nella vita, ma Gandhi lo fece a 30 anni. Questo era molto raro e mostrava il suo impegno verso la sua religione. Gandhi spiegò che la ragione dietro questa decisione era che da giovane soccombeva troppo facilmente alla lussuria. Fece l'esempio di come non riuscì a stare con suo padre quando morì mentre stava facendo l'amore con sua moglie. Gandhi non si perdonò mai.

Inoltre, Gandhi aggiunse alla sua filosofia un approccio specifico alla protesta politica. Questo tipo di protesta sarebbe stato presto chiamato Satyagraha. Satyagraha si traduce come forza della verità. Gandhi si impegnò a rifiutare di obbedire all'autorità ingiusta. Mise in atto ciò incoraggiando la comunità indiana a fare un voto di disobbedienza nel 1906. Questa disobbedienza fu una risposta al fatto che il governo del Transvaal aveva intenzione di registrare ogni indiano di età superiore agli otto anni. Tutti i presenti a quella riunione erano disposti a fare un voto, anche se minacciava la loro vita. Gandhi fu uno dei primi a comparire davanti a un magistrato per essersi rifiutato di registrarsi. Fu condannato a due mesi, ma in realtà chiese una pena più lunga. Questo tipo di azione faceva parte della pratica del Satyagraha. Gandhi dedicò il suo tempo in prigione alla lettura.

La ribellione e la dichiarazione d'indipendenza

"È l'azione, non il frutto dell'azione, che è importante. Devi fare la cosa giusta. Potrebbe non essere in tuo potere, potrebbe non essere in tuo tempo, che ci sia qualche frutto. Ma questo non significa che smetti di fare la cosa giusta. Potresti non sapere mai quali risultati arriveranno dalla tua azione. Ma se non fai nulla, non ci sarà alcun risultato". - Mahatma Gandhi

Un altro esempio di Satyagraha fu mostrato in risposta alla legge Rowlatt in India. Gandhi propose che l'intero paese si impegnasse in un hartal. Quindi, l'intero paese avrebbe trascorso un giorno di digiuno, pregando e astenendosi dal lavoro fisico. Queste pratiche sarebbero state una risposta alla nuova legge repressiva. La risposta fu travolgente. Milioni di indiani praticarono il Satyagraha. Tuttavia, questo approccio era potenzialmente troppo drastico in una fase troppo precoce. Gli inglesi lo arrestarono e folle inferocite riempirono le città indiane. La violenza si diffuse in tutto il paese. Invece di utilizzare questo supporto della folla, Gandhi disse alla folla di andare a casa. Non voleva il Satyagraha se questo significava violenza. 

Nel 1920, Gandhi iniziò a viaggiare per l'India, protestando contro i costumi britannici. Incoraggiò il popolo indiano a rinunciare ai vestiti occidentali e ai lavori britannici. Il suo impegno per la causa incoraggiò altri volontari a seguirlo. Nel 1922, Gandhi ritenne che fosse il momento giusto per passare dalla non cooperazione alla disobbedienza civile vera e propria. Tuttavia, durante questo periodo, accadde un evento orribile. Una folla colpì a morte un poliziotto locale a Chauri Chauri, una città dell'India. Gandhi era inorridito e si ritirò dal guidare il movimento di disobbedienza civile. Passò del tempo a meditare e a leggere per riprendersi. 

Gandhi sarebbe stato arrestato e avrebbe scontato nuovamente un periodo in prigione per tradimento. Durante la sua permanenza in prigione, il suo movimento perse slancio. Gli indiani tornarono alla deriva nei loro lavori. Tuttavia, cosa più preoccupante, gli indiani e i musulmani persero la loro unità. Gandhi era colui che univa queste due religioni, e senza di lui, la violenza ne sarebbe derivata. Gandhi continuò a lottare per l'indipendenza, e finalmente, nel gennaio del 1930, Gandhi aveva scritto una Dichiarazione di Indipendenza dell'India. 

Gli ultimi anni di Gandhi

"Sono contrario alla violenza perché quando sembra fare del bene, il bene è solo temporaneo; il male che fa è permanente". - Mahatma Gandhi

Durante gli ultimi anni di Gandhi, l'India ottenne l'indipendenza dalla Gran Bretagna. Churchill perse le elezioni britanniche contro un partito laburista di sinistra. I laburisti erano determinati ad aiutare a far passare l'indipendenza indiana.

I tre anni successivi alla morte della moglie furono una catastrofe. Oltre a perdere la moglie, vide il suo paese diviso in India e Pakistan. Gandhi si oppose alla partizione. Voleva l'unità. Sentiva che la partizione avrebbe portato anche alla violenza e alla migrazione forzata. Gandhi aveva ragione. Gli indù e i musulmani si uccisero l'un l'altro in numero spaventoso attraverso i nuovi confini creati. La gente doveva cercare sicurezza da una parte all'altra del confine per motivi religiosi. Centinaia di migliaia di persone morirono, forse anche milioni. Gandhi sentiva che l'India non aveva imparato dal suo insegnamento di non violenza e unità con gli altri.

Ha cercato di fermare questa violenza, ma senza successo. Condusse diversi digiuni fino alla morte o fino alla pace a Delhi. Un digiuno che iniziò durò cinque giorni finché i leader musulmani e indù promisero di fare la pace. Sperava di fare lo stesso per il Punjab dopo la guarigione. Tuttavia, non doveva essere così. Venerdì 30 gennaio 1948, un nazionalista indù di nome Nathuram Vinayak Godse fece irruzione nel giardino di Gandhi. Invece di essere arrabbiato o aggressivo con questo intruso, il Mahatma diede a quest'uomo una benedizione indù. Tuttavia, l'uomo prese una pistola dalla tasca e sparò a Gandhi quattro volte. Il fumo si alzò intorno a Gandhi, mentre le sue mani erano piegate in una posizione pacifica. Le sue ultime parole furono Hei Ra...ma, che significa 'Oh Dio'. La motivazione dell'assassino era che sentiva che Gandhi era stato troppo accomodante con i musulmani durante la divisione dell'India. Godse sperava che la morte di Gandhi avrebbe portato alla guerra tra India e Pakistan e all'eliminazione dello stato musulmano. Invece, portò alla pace, quando indù e musulmani si unirono nel lutto per il Mahatma ucciso. In effetti, il mondo intero era in lutto: le bandiere furono abbassate a mezz'asta, e re, papi e presidenti mandarono condoglianze all'India. 

Se hai un feedback su questo riassunto o vuoi condividere ciò che hai imparato, commenta qui sotto o inviaci un tweet @storyshots.

Nuovo su StoryShots? Ottieni l'audiolibro e le versioni animate di questo riassunto e centinaia di altri libri di saggistica bestseller nel nostro app gratuita di alto livello. È stato descritto #1 da Apple, The Guardian, The UN e Google in 175 paesi.

Ordina il libro o ottenere l'audiolibro gratis per immergersi nei dettagli.

L'autobiografia di Martin Luther King di Martin Luther King Jr. (aperto nell'app)

Lungo cammino verso la libertà di Nelson Mandela (aperto nell'app)

Ali di fuoco da Abdul Kamal

Comunicazione nonviolenta da Marshal Rosenberg

Casta da Isabel Wilkerson

L'audacia della speranza da Barack Obama (aperto nell'app)

Nato da un crimine da Trevor Noah (aperto nell'app)

Ingegneria interna da Sadhguru

Come essere un antirazzista da Ibram X. Kendi (aperto nell'app)

Quello che so per certo da Oprah Winfrey (aperto nell'app)

Non può farmi male da David Goggins (aperto nell'app)

Diventare da Michelle Obama (aperto nell'app)

L'autobiografia di Malcolm X

Autobiografia di uno Yogi

Come non morire

Io sono Malala

La ricerca di significato dell'uomo

Educato

Una terra promessa da Barack Obama

Riassunto gratuito di Gandhi
  • Risparmiare

Articoli simili

Un commento

  1. Discover the fascinating life of Mahatma Gandhi in his autobiography “The Story of My Experiments with Truth.” From his early years in colonial India to his role in India’s independence, Gandhi’s nonviolent resistance inspired the world. Great Work

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.