Lezioni per il XXI secolo Sintesi
 |  |  | 

21 lezioni per il 21° secolo Riassunto e recensione | Yuval Noah Harari

La vita si dà da fare. Ha 21 lezioni per il 21° secolo ha preso polvere sul tuo scaffale? Raccogliete invece le idee chiave adesso.
Qui stiamo grattando la superficie. Se non avete già il libro, ordinate il libro o ottenere il audiolibro gratis su Amazon per conoscere i dettagli succosi.

La prospettiva di Yuval Noah Harari

Yuval Noah Harari è un intellettuale pubblico e storico israeliano. Attualmente è professore presso il Dipartimento di Storia dell'Università Ebraica di Gerusalemme. Ha conseguito un dottorato al Jesus College di Oxford. Sapiens è stato il lavoro di svolta di Yuval. Da allora ha pubblicato altri due libri: Homo Deus e 21 lezioni per il 21° secolo.

Introduzione

21 lezioni per il 21° secolo è una panoramica delle domande più pressanti del mondo moderno. Il problema è che la maggior parte delle persone non ha il lusso del tempo per indagare su queste domande. Detto questo, tutti coloro che non si prendono il tempo di considerare questi dilemmi saranno lasciati indietro quando ci travolgeranno. Quindi, Yuval Noah Harari sostiene che questo libro può aiutare a livellare il campo di gioco globale offrendo conoscenza. Egli mira ad aiutare più persone ad unirsi al dibattito sul futuro della specie umana. Questo futuro includerà un'intelligenza artificiale avanzata e una civiltà globale. La chiave è capire come possiamo risolvere questi problemi insieme all'AI.

Capitolo Uno - Disillusione

Yuval Noah Harari inizia il libro parlando della disillusione visibile nella società moderna. Per esempio, la disillusione politica vista in molti paesi europei. Egli sostiene che uno dei fattori trainanti di questa disillusione è il sovraccarico di informazioni. Il nostro cervello non elabora facilmente fatti, numeri ed equazioni. Gli esseri umani pensano in storie, ed è così che la disillusione politica può diffondersi, portando a ideologie come il fascismo e il comunismo. La lezione da imparare da questo è che dovreste utilizzare le storie nei vostri sforzi di business. Dovreste anche assicurarvi che queste storie siano semplici. 

Il futuro offre opportunità per nuovi tipi di storie che includono umani, superuomini e intelligenza artificiale. Harari crede che l'IA diventerà sempre più sofisticata. Crede anche che presto saranno creati superuomini che combinano l'IA e gli umani. Nonostante un cambiamento nei personaggi delle nostre storie, Harari crede ancora che la storia liberale che vediamo oggi prevarrà.

Capitolo Due - Lavoro

Il futuro del posto di lavoro includerà molti più computer di quelli che vediamo oggi. Man mano che sviluppiamo una migliore comprensione delle emozioni, dei desideri e delle scelte umane, i computer diventeranno più versatili nei posti di lavoro. Harari usa l'esempio dei veicoli a guida autonoma. Cita uno studio della US National Highway Traffic Safety Administration del 2012. Questo studio ha scoperto che il 31% degli incidenti mortali ha coinvolto l'abuso di alcol, 30% l'eccesso di velocità e 20% i conducenti distratti. Nessuno di questi incidenti sarebbe possibile con un'auto a guida autonoma.

Spesso le persone si preoccupano della possibilità che l'IA ci sostituisca completamente sul posto di lavoro, lasciandoci senza lavoro. Harari non crede che questo sia vero, però. Crede che l'IA aiuterà effettivamente a creare nuovi posti di lavoro per gli esseri umani. Coloro che sono disposti a collaborare con l'IA saranno quelli che prospereranno nei futuri posti di lavoro. Harari crede anche che l'IA migliorerà non solo l'automazione ma anche la nostra creatività. Per esempio, i giudici dei tornei di scacchi sono continuamente alla ricerca di indizi che un concorrente sta ricevendo aiuto dai computer. Il modo più semplice per identificare se qualcuno sta barando usando un aiuto informatico è quando gioca mosse particolarmente creative. Quindi, poiché la creatività è un segno dell'influenza dell'IA, possiamo anche aspettarci che l'IA giochi un ruolo importante nelle arti creative.

La lezione da imparare da tutto questo è che il futuro è luminoso. Non dovremmo essere preoccupati per il potenziale dell'IA sul posto di lavoro e, invece, vederlo come un'opportunità. Questi strumenti possono aiutarci ad allontanarci dai compiti banali che le persone non vogliono fare e permetterci di dedicare più tempo al miglioramento della società.

Capitolo Tre - Libertà

Harari ritiene che le elezioni non riguardano ciò che pensiamo ma ciò che sentiamo. Nonostante gli evidenti difetti della democrazia, la maggior parte crede che sia ancora meglio di tutte le sue alternative. Harari sostiene che i grandi dati e l'IA hanno il potenziale per gestire il mondo in futuro. Se possiamo prendere decisioni sull'educazione, il lavoro e la società basandoci sui dati, non ci sarà bisogno di elezioni democratiche. Ci affidiamo già ai big data per la finanza personale, i grandi affari e la guerra. Quindi, sembra probabile che le decisioni politiche siano il prossimo passo. Harari fornisce l'esempio di come i dati sono stati utilizzati in guerra per rafforzare questo argomento. Egli afferma che ogni volta che i palestinesi fanno una telefonata o pubblicano qualcosa sui social media, sono monitorati da microfoni, telecamere, droni e software israeliani. Poi, questi dati vengono analizzati da algoritmi. Questi algoritmi dicono alle forze di sicurezza israeliane dove potrebbero sorgere potenziali minacce. Senza questi big data, i soldati israeliani non controllerebbero circa due milioni e mezzo di palestinesi. Questo è un esempio di big data che facilita il processo decisionale umano.

Capitolo Quattro - Uguaglianza

I dati sono molto più accessibili dei nostri attuali esempi di risorse. Terreni, macchine e altre risorse rendono facile per le persone acquisire ricchezze non disponibili ad altri. Ma i dati sono ovunque e possono muoversi alla velocità della luce. Puoi fare tutte le copie che vuoi. Quindi, un problema futuro è capire come regolare al meglio la proprietà dei dati. Questo problema è già emerso con le grandi aziende tecnologiche che lottano per prendere le giuste decisioni sui dati personali.

Capitolo cinque - Comunità

La dipendenza dalla tecnologia ha un impatto significativo sulla connessione umana e sulla comunità. Internet ha aiutato le persone che vivono lontano a tenersi in contatto. Per esempio, l'autore spiega che può facilmente parlare con suo cugino in Svizzera. Senza la tecnologia, potrebbe facilmente perdere la connessione con questo parente. Detto questo, la tecnologia ha avuto un impatto negativo sulle nostre connessioni e comunità più immediate. L'autore spiega che la tecnologia ha reso più difficile per lui parlare con suo marito a colazione, dato che guardano costantemente i loro smartphone.

 

Capitolo Sei - Civiltà

Storicamente, il genere umano è stato diviso in innumerevoli civiltà isolate. Migliaia di anni fa, queste civiltà sarebbero state composte solo da una manciata di persone. Anche se il numero di civiltà indipendenti si è ridotto nel tempo, Harari sostiene che il futuro ha in serbo un'unica civiltà globale. Siamo già in una fase in cui possiamo contattare quasi chiunque nel mondo. Il risultato di questo tipo di civiltà è che le persone si preoccuperanno più dei loro nemici che dei loro partner a causa dell'aumento della concorrenza.

Capitolo Sette - Nazionalismo

Harari sottolinea che c'è una differenza tra patriottismo benigno e nazionalismo. Il patriottismo dovrebbe essere costruito sull'idea che la tua nazione è unica (il che è vero per tutti i paesi). È quando le persone iniziano a credere che la loro nazione sia superiore che sorgono i problemi. Il problema con il nazionalismo è che queste convinzioni ristrette sanguinano nelle altre visioni del mondo. Harari usa l'esempio dello scetticismo sul cambiamento climatico. Un socialista di sinistra raramente twitterà sostenendo che il cambiamento climatico è una bufala cinese. Questi tipi di tweet sono quasi esclusivamente prodotti dalla destra nazionalista. Questi nazionalisti preferirebbero negare una verità piuttosto che dover lavorare a livello internazionale per risolvere un problema globale.

Harari crede che la tecnologia abbia il potenziale per risolvere i problemi che ha incoraggiato. Usa l'esempio della carne coltivata in laboratorio. La ricerca suggerisce che l'agricoltura animale crea più emissioni di carbonio di tutte le forme di trasporto messe insieme. Quindi, per affrontare il cambiamento climatico, ci deve essere un'alternativa. La carne coltivata in laboratorio potrebbe offrire questa alternativa. Anche se costosa all'inizio, Harari spiega che la carne pulita dovrebbe essere più economica della carne macellata entro un decennio. 

Harari sostiene anche che il modo in cui affrontiamo la politica deve cambiare se vogliamo contrastare il nazionalismo. La politica nazionale non affronterà mai il problema dell'identità nazionale. Quindi, dobbiamo globalizzare la politica, la scienza e l'economia attraverso una governance globale.

 

Capitolo Otto - Religione

Per aiutarci a capire il problema della religione nella società moderna, Harari delinea i tre tipi di problemi che dobbiamo affrontare:

  • Problemi tecnici
  • Problemi politici
  • Problemi di identità

Harari sottolinea che Karl Marx aveva precedentemente sostenuto che la religione non ha molto da contribuire ai dibattiti politici. L'autore è d'accordo e successivamente ritiene che la guerra tra le religioni non sia basata sulla politica. Invece, sembra essere una combinazione di problemi tecnici e di identità. Detto questo, la religione permette alle più piccole differenze di avere un impatto significativo. Per esempio, i cristiani orientali ortodossi e occidentali si sono divisi a causa dell'inclusione/esclusione delle parole "e il figlio" in un credo. Quindi, Harari ritiene che Freud fosse potenzialmente corretto quando sosteneva che la religione comporta un'ossessione per le piccole differenze.

Capitolo Nove - Immigrazione

Harari inizia specificando le condizioni di base necessarie per l'immigrazione. Ce ne sono tre e sono:

  1. Il paese ospitante permette agli immigrati di entrare nel loro paese
  2. Ci si aspetta che gli immigrati abbraccino le norme e i valori del paese ospitante
  3. Se gli immigrati si integrano, alla fine diventeranno membri uguali del paese ospitante

Harari ritiene che gran parte delle persone che non amano l'immigrazione non sono razzisti. Sono in realtà culturisti. La maggior parte delle persone che sono anti-immigrazione lo sono perché vogliono mantenere la cultura attuale della loro nazione. Per esempio, ci saranno numerose minoranze liberali che possono emigrare in una società intollerante considerata accettabile dalla società ospitante. Ma ci sarà una soglia in cui il numero di minoranze liberali contrasterà la società intollerante del paese. Per capire meglio le persone anti-immigrazione, dobbiamo accettare che potrebbero essere culturisti piuttosto che razzisti. 

Capitolo Dieci - Terrorismo

Harari ritiene che la reazione eccessiva al terrorismo rappresenti una minaccia molto più grande del terrorismo stesso. I terroristi hanno ucciso pochissime persone ma possono terrorizzare miliardi di persone a causa delle risposte politiche. L'autore sottolinea che ogni anno dall'11 settembre, solo 50 persone vengono uccise nell'UE, 10 negli USA e 7 in Cina. Globalmente, 25 mila persone muoiono per il terrorismo e 7 milioni per l'inquinamento atmosferico. Nonostante questa differenza, il terrorismo produce molta più paura e guadagna molta più attenzione.

Così, invece di incoraggiare la paura nella società, Harari crede che un efficace antiterrorismo dovrebbe includere le seguenti tre cose:

  1. Il governo dovrebbe assicurarsi che le sue azioni contro le reti del terrore siano relativamente nascoste
  2. I media devono essere costretti a evitare l'isteria e l'eccesso di notizie su tutto ciò che riguarda il terrorismo
  3. Lei e tutti gli altri cittadini devono liberare la loro immaginazione dal terrore e ricordare quanto siano rari gli atti terroristici

Capitolo Undici - Guerra 

La prevalenza della guerra è diminuita considerevolmente negli ultimi decenni. Harari ritiene che questo sia in parte dovuto alla nostra transizione dalla lotta per le risorse alla lotta per la conoscenza. Prima si potevano ottenere campi di grano, miniere d'oro e giacimenti di petrolio con la guerra. Non si può conquistare la conoscenza attraverso la guerra. Così, Harari crede che la guerra moderna sarà basata sulla tecnologia dell'informazione e sulla biotecnologia piuttosto che su pistole e bombe.

"Attualmente, le persone sono felici di dare via il loro bene più prezioso - i loro dati personali - in cambio di servizi di posta elettronica gratuiti e divertenti video di gatti. È un po' come le tribù africane e dei nativi americani che hanno involontariamente venduto interi paesi agli imperialisti europei in cambio di perline colorate e gingilli a buon mercato".

- Yuval Noah Harari

Capitolo Dodici - Umiltà

Il punto saliente di questo capitolo è che gli umani mostrano naturalmente umiltà. Le scimmie hanno sviluppato la tendenza ad aiutare i poveri e i bisognosi. Hanno evoluto questi comportamenti milioni di anni prima che la Bibbia istruisse gli antichi israeliti a fare lo stesso. Quindi, non c'è bisogno di fare affidamento su un testo religioso o su qualsiasi altro insegnamento per convincere la società che deve mostrare umiltà. La società mostrerà naturalmente umiltà senza religione.

 

Capitolo Tredici - Dio

"Moralità non significa 'seguire i comandi divini'. Significa 'ridurre la sofferenza'. Quindi, per agire moralmente, non c'è bisogno di credere in nessun mito o storia. Hai solo bisogno di sviluppare un profondo apprezzamento della sofferenza".

- Yuval Noah Harari

Basandosi sul suo punto dal capitolo 12, Harari pensa anche che non c'è bisogno di credere in Dio per essere morali. La moralità riguarda la riduzione della sofferenza e questo non richiede la credenza in un mito o in una storia. Di nuovo, la società non ha bisogno di credere in un Dio potente per essere spaventata e fare la cosa giusta. Il comportamento immorale è sempre controproducente a lungo termine, quindi la società eviterà sempre coloro che si comportano in questo modo. Per esempio, nessuno vuole vivere in una società dove gli stranieri vengono costantemente violentati e uccisi. 

 

Capitolo quattordici - Laicità

"Le domande a cui non puoi rispondere sono di solito molto meglio per te delle risposte che non puoi mettere in discussione".

- Yuval Noah Harari

L'alternativa alla costruzione di una società su Dio è la costruzione di una società sul secolarismo. Harari nota che dobbiamo ricordare il fondamento del codice secolare:

  • Verità
  • Compassione
  • Uguaglianza
  • Libertà
  • Coraggio
  • Responsabilità

Di gran lunga la più importante di queste caratteristiche è la verità. Harari crede che la realtà sociale sia l'ideale a cui dovremmo aspirare. La realtà sociale è costruita su un impegno verso la scienza moderna piuttosto che sulla fede. Una volta scoperte le conquiste scientifiche, dobbiamo anche avere a cuore la responsabilità di queste scoperte. Non accreditare queste scoperte scientifiche a protettori divini e vederle invece come un risultato della conoscenza umana e della compassione. 

L'adozione di questo approccio laico metterà in discussione l'idea di pregare ciecamente per il cambiamento. Invece di sperare in un cambiamento, la società può attivamente far accadere un cambiamento positivo.

 

Capitolo Quindici - Ignoranza

Proprio come gli animali, gli esseri umani prendono la maggior parte delle decisioni basandosi su reazioni emotive e scorciatoie. Ma le emozioni e l'euristica non sono sufficienti nel mondo moderno. La chiave del successo umano nel mondo moderno è la nostra capacità di pensare insieme in grandi gruppi. Questo ci ha permesso di fare affidamento sulle competenze degli altri per quasi tutti i nostri bisogni. Steven Sloman e Philip Fernbach chiamano questo le "illusioni della conoscenza". Con la nostra attuale conoscenza collettiva, trovare la verità attraverso la sperimentazione individuale è una perdita di tempo. È meglio rimanere individualmente ignoranti ma creare una conoscenza collettiva.

Capitoli sedici e diciassette - Post-verità

Il mondo moderno è pieno di fake news. Detto questo, Harari crede che un tipo di fake news sia stato presente per secoli. Descrive le moderne fake news come mille persone che credono a una storia inventata per un mese. Quando un miliardo di persone crede a una storia inventata per mille anni, questo è ciò che Harari chiama religione. Detto questo, possiamo imparare il potere della finzione guardando la religione. La finzione può unire le persone e rendere possibile la cooperazione umana su larga scala. Quindi, dobbiamo iniziare a usare la finzione per spingere la buona scienza alle masse. Per esempio, un buon film di fantascienza vale molto di più di un articolo su Science o Nature.

Capitolo Diciotto - Fantascienza

Partendo dall'ultimo capitolo, Harari passa un po' di tempo a parlare in modo più approfondito della fantascienza. Crede che sia il genere artistico più importante del XXI secolo. Detto questo, la fantascienza più popolare non è necessariamente molto accurata, ad esempio, The Matrix e Westworld. Quindi, la fantascienza deve essere più responsabile nel modo in cui rappresenta le realtà scientifiche. Senza assumersi la responsabilità in questo modo, potremmo ritrovarci con una società in cui la maggior parte delle persone si concentra sui problemi sbagliati.

Harari crede che il peggior difetto della fantascienza sia la sua confusione dell'intelligenza con la coscienza. Non è preoccupato di una guerra tra robot e umani. Crede invece che ci potrebbe essere un conflitto tra un piccolo gruppo di élite sovrumane. Quindi, Harari sostiene che Karl Marx è ancora una guida migliore sull'intelligenza artificiale di Steven Spielberg.

 

Capitolo diciannove - Educazione 

"In un mondo sommerso da informazioni irrilevanti, la chiarezza è potere".

- Yuval Noah Harari

Molto di ciò che i bambini imparano oggi sarà irrilevante nel 2050. Quindi, gli insegnanti devono smettere di sovraccaricare i loro studenti di informazioni e sviluppare la loro capacità di dare un senso alle nuove informazioni. I futuri adulti devono identificare le informazioni importanti tra tutti i dati irrilevanti.

Gli esperti di educazione stanno ora spingendo affinché le scuole inizino a insegnare ciò che Harari chiama le quattro C:

  1. Pensiero critico
  2. Comunicazione
  3. Collaborazione
  4. Creatività

Capitolo Venti - Significato

Harari include gli insegnamenti del Buddha per spiegare la fluidità del significato. Il Buddha ha insegnato che ci sono tre realtà universali fondamentali:

  1. Tutto cambia costantemente
  2. Niente ha un'essenza duratura
  3. Niente è completamente soddisfatto

Poiché tutto è in continuo cambiamento, il Buddha crede che la vita non abbia senso. Questo però non è un problema. Non c'è bisogno di cercare di creare un significato; la sofferenza emerge dal tentativo di farlo.  

Capitolo Ventuno - Meditazione

Harari è d'accordo con i filosofi antichi, sostenendo che la fonte più profonda della nostra sofferenza è la nostra mente. Infatti, la sofferenza non esiste oggettivamente al di fuori delle menti. La meditazione ti permette di comprendere meglio questa realtà e di sfidare la tua mente. Ti aiuta a concentrarti sulla tua coscienza, che è il più grande mistero dell'universo. La meditazione ci prepara anche per il futuro, poiché Harari ritiene che dovremmo capire la nostra mente prima che gli algoritmi ci facciano un confronto.

Riassunto finale e revisione di 21 lezioni per il 21° secolo

21 lezioni per il 21° secolo è un libro che guarda al futuro. Harari crede che la tecnologia possa risolvere molti dei problemi che abbiamo incontrato finora nel 21° secolo. Detto questo, alcuni problemi possono emergere dallo sviluppo della tecnologia se non siamo disposti a integrarla nella nostra società. Per esempio, molte persone si preoccupano che l'IA ci rubi il lavoro. Harari invece sostiene che accettare l'IA sul posto di lavoro taglierà i lavori banali che nessuno vuole fare e permetterà agli umani di concentrarsi su compiti più importanti e piacevoli. Questo è il tema di tutto il libro, con ogni lezione che considera un problema che affrontiamo attualmente e guarda al futuro per potenziali soluzioni.

21 lezioni per il 21° secolo PDF, audiolibro gratuito, infografica e riassunto animato del libro

Commentate qui sotto e fate sapere agli altri cosa avete imparato o se avete altri pensieri.

Nuovo a StoryShots? Ottieni il PDF, l'audio e l'animazione versioni di questo riassunto di 21 Lessons for the 21st Century e centinaia di altri libri di saggistica bestseller nel nostro app gratuita di alto livello. È stato descritto da Apple, Google, The Guardian e l'ONU come una delle migliori app di lettura e apprendimento al mondo.

Questa era la punta dell'iceberg. Per conoscere i dettagli e sostenere l'autore, ordinate il libro o ottenere l'audiolibro gratis.

Disclaimer

Questo è un riassunto e un'analisi non ufficiale.

Riassunti e recensioni di libri correlati

Sapiens da Yuval Noah Harari

Homo Deus da Yuval Noah Harari

Dieci lezioni per un mondo post-pandemico da Fareed Zakaria

Factfulness da Hans Rosling, Ola Rosling e Anna Rosling Rönnlund

Vita 3.0 da Max Tegmark

Come creare una mente da Ray Kurzweil

Sulla tirannia da Timothy D. Snyder

Perché le nazioni falliscono da Daron Acemoglu e James Robinson

Luci verdi da Matthew McConaughey

Il progetto della felicità da Gretchen Rubin

12 regole per la vita da Jordan Peterson

21 lezioni per il 21° secolo riassunto
  • Risparmiare

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.