Riassunto della rielaborazione
 |  |  | 

Riassunto e recensione di Rework | Jason Fried e David Heinemeier Hansson

La vita si dà da fare. Rework ha preso polvere sulla tua libreria? Raccogliete invece le idee chiave adesso.

Qui stiamo grattando la superficie. Se non hai ancora il libro, ordina il libro o ottieni l'audiolibro gratis per imparare i dettagli succosi.

Avete mai pensato a un'idea imprenditoriale ma non avete mai lavorato per realizzarla? 

Se è così, non siete soli. 92% di persone che vivono negli Stati Uniti d'America hanno fatto la stessa cosa.

Se siete alla ricerca della scintilla che vi sollevi e metta in moto la vostra idea, Rework di David Heinemeier Hansson e Jason Fried potrebbe essere quello che fa per voi.

Per saperne di più su come trasformare la vostra idea imprenditoriale in un successo, date un'occhiata ai punti chiave del libro.

Prospettive di David Heinemeier Hansson e Jason Fried

Prima di addentrarci nei contenuti di Rework, dobbiamo considerare la provenienza degli autori e il motivo per cui sono qualificati a parlarci del successo aziendale.

David Heinemeier Hansson è un programmatore danese. Ha creato il framework di sviluppo web Ruby on Rails e ha realizzato il wiki Instiki.

Di recente Hansson è diventato partner di Basecamp, una società di sviluppo software basata sul web. 

Jason Fried è il fondatore di 37Signals, una società di sviluppo software basata sul web. È anche il CEO di Basecamp.

Entrambe le persone hanno una vasta conoscenza del mondo dell'imprenditoria. Hanno affrontato l'argomento nel loro lavoro e ne hanno scritto più volte. 

Data la loro esperienza personale nel settore, entrambi gli autori sono ben noti per la loro competenza. Sono noti soprattutto per il loro motto: "È semplice finché non lo rendi complicato".

La critica ha venerato il loro romanzo, Rework, per il suo approccio diretto al successo aziendale. Grazie al loro approccio rigoroso ma utile, gli imprenditori di tutto il mondo stanno imparando di più sugli affari.

StoryShot #1: Ignorare il mondo reale

Se avete mai provato ad avviare un'attività, sapete quanto le cose possano diventare rumorose. Sentite i consigli delle persone migliori del vostro settore e pensate di doverli seguire per avere successo.

Il rumore diventa ancora più forte quando si annuncia che la propria attività sta per diventare operativa.

In Rework impariamo che dobbiamo escludere questo rumore. Non dobbiamo seguire ciò che gli altri sanno. Non sono loro a creare le regole su ciò che funziona e ciò che non funziona.

Hanno commesso i loro errori quando hanno lanciato la loro attività. I loro errori e le loro soluzioni non sono i nostri errori e le nostre soluzioni. Le nostre esperienze sono diverse.

Quando commettiamo un errore, impariamo cosa è andato storto. Forse non conosceremo la risposta corretta, ma lo scopriremo da soli con il tempo.

D'altra parte, i nostri successi ci insegneranno cose nuove e ci daranno un'idea di cosa fare dopo. Tenendo presente questo, possiamo capire che il fallimento non è necessariamente un precursore del successo.

Impareremo dalle nostre esperienze, non da quelle di qualcun altro. Possiamo ascoltare tutti i podcast che vogliamo e seguire tutte le persone migliori del settore, ma non riusciamo comunque ad arrivare da nessuna parte.

In fin dei conti, tutto ciò che si conosce è la propria esperienza. È da questa che si deve imparare e crescere.

Smettete di affidarvi ad altre persone per parlare della vostra attività. È la vostra attività. Sta a voi capirlo da soli.

StoryShot #2: Concentrarsi sul qui e ora

Gli imprenditori si preoccupano del passato o si concentrano sul futuro. Entrambi gli estremi non sono il modo per far crescere la propria azienda.

Se volete farcela, dovete concentrarvi su ciò che sta accadendo in questo momento.

Se permettete che i problemi del passato prendano il sopravvento sulla vostra vita, lascerete che questi problemi guidino il futuro della vostra azienda. Non sarete in grado di improvvisare quando sorgeranno nuovi problemi e vi ritroverete ripetutamente bloccati nella stessa vecchia routine.

Le soluzioni del passato non funzionano per i problemi del futuro.

In futuro, la vostra attività sarà diversa. Se si utilizzano le stesse vecchie soluzioni, non è detto che le cose vadano bene.

Poiché state cercando di trovare soluzioni nel presente, non dovreste lavorare con più di una settimana di anticipo. Se lo fate, potreste affrontare troppe cose in una volta sola. Lavorare a piccoli passi renderà i risultati più gestibili.

Sarebbe utile se non vi riferiste a ogni soluzione come a un piano. È più probabile che stiate facendo delle ipotesi strategiche che potrebbero funzionare o meno per risolvere il problema. 

D'altro canto, pensare troppo al futuro può spingere l'azienda a una crescita prematura. La proliferazione può sembrare vantaggiosa, ma può rovinare un'azienda, soprattutto all'inizio.

Far crescere l'azienda quando non è ancora pronta può complicare l'infrastruttura. A sua volta, l'azienda produrrà più problemi. Potreste finire con l'assumere persone per risolvere questi problemi e poi averne assunte troppe per sostenere la vostra attività nel lungo periodo.

StoryShot #3: Non essere un maniaco del lavoro

Molti imprenditori diventano maniaci del lavoro quando cercano di far crescere la propria azienda. Pensano di risolvere più problemi lavorando più spesso.

Tuttavia, questa è una fallacia logica. Voi creare ulteriori problemi lavorando di più.

Molte persone che lavorano troppo, continuano a lavorare perché li fa sentire bene. Non finiscono per risolvere i problemi. In generale, gli piace la sensazione di lavorare.

Alcuni stacanovisti lavorano così tanto perché sentono di dover compensare la mancanza di intelligenza. Questo fenomeno può spiegare perché i neofiti sono quelli che fanno più ore di lavoro. Sentono di avere qualcosa da dimostrare.

Questi dipendenti cercano di compensare la scarsa intelligenza con la pura forza di volontà.

I dipendenti più anziani possono ricorrere al workaholism perché consente di sminuire gli altri che non lavorano altrettanto. 

Dobbiamo lavorare sodo quando è necessario e renderci conto che il lavoro duro non è sempre necessario. Se ci impegniamo troppo, ci bruciamo. Allora le nostre attività non andranno da nessuna parte.

Inoltre, sarebbe meglio che i vostri clienti sentissero la vostra mancanza di tanto in tanto. Create la sensazione che manchi qualcosa se non ci siete.

I clienti sono più propensi a rimanere fedeli se sentono che avete qualcosa di imperdibile. Prendersi delle pause di tanto in tanto li porterà a chiedersi dove siete andati e cosa succederà in seguito all'azienda.

Tenere tutti sulle spine e fare una pausa. È un bene per l'azienda.

StoryShot #4: L'interruzione è il nemico della produttività

Quando lavorate, riducete le distrazioni al minimo indispensabile. Le interruzioni sono nemiche della produttività.

Non siamo destinati a fare molto se pensiamo alle cose che ci circondano.

Mettete via il telefono, spegnete la televisione e trovate un posto tranquillo. Abbiamo bisogno di concentrarci su un lavoro profondo.

Se manteniamo tutte queste distrazioni, è improbabile che riusciamo a portare a termine le cose di cui abbiamo bisogno. In tal caso, ci troveremo a dover rimescolare e a lavorare più ore per cercare di compensare la mancanza di concentrazione che avevamo prima.

Un altro fattore di distrazione che non viene preso in considerazione sono le riunioni. Le riunioni sembrano essere uno dei metodi di comunicazione preferiti dalle aziende di tutto il mondo.

Saltateli se potete.

Le riunioni che si tengono devono essere brevi e orientate alla soluzione. Cercate di limitarle a un'ora al massimo.

Se la durata è superiore, non si sta facendo molto.

Utilizzate invece uno strumento di comunicazione. Possiamo usare piattaforme di messaggistica, team organizer o altri mezzi di comunicazione.

Come per le riunioni, mantenete la comunicazione semplice e breve. Non complicate troppo le cose.

Tendiamo a complicare eccessivamente le cose, soprattutto quando ci teniamo così tanto. Invece di rendere tutto troppo complicato, dovremmo mantenerlo semplice.

Va bene anche un "abbastanza". Non c'è niente di male nel portare a termine il lavoro e nel rivedere l'argomento per un'ulteriore discussione in un secondo momento.

Non possiamo farci prendere dai perché e dai percome. Sta a noi portare le soluzioni e far muovere l'azienda.

La prossima volta che vi sentite distratti, considerate la quantità di produttività che state perdendo.

StoryShot #5: Apprezzare le cose che si hanno

L'attività di ogni imprenditore inizia come una startup. Quando siamo in questa fase, possiamo pensare di non avere abbastanza.

Tuttavia, trovarsi in questa fase può essere vantaggioso.

I vincoli della fase di startup ci insegnano a essere creativi. Dobbiamo accontentarci di ciò che abbiamo.

In questa fase della nostra attività dovremmo concentrarci sulle basi. Per capire le basi, dovremmo chiederci: "Il mio prodotto esisterebbe ancora se togliessi questa cosa?".

Se il prodotto non esiste con la cosa a cui stiamo pensando, dobbiamo prestare maggiore attenzione a quella cosa. Dopo tutto, il nostro prodotto dipende da esso.

Ignorate i dettagli che non hanno nulla a che vedere con il vostro prodotto. Queste cose non hanno importanza quando si sta iniziando.

La pratica di questo approccio minimale vi aiuterà a concentrarvi sul necessario e ad apprezzare ciò che avete. Capire cosa è sufficiente ora vi aiuterà a sostenere la vostra attività nel lungo periodo.

Non dobbiamo accontentarci di questo tipo di imprenditorialità per sempre. Possiamo migliorare il "abbastanza buono" in "ottimo". Tuttavia, è difficile cambiare il "fallimento" in "successo".

Rework ci invita ad applicare questo approccio minimalista anche ai problemi aziendali. Non dovremmo cercare di affrontare l'intero problema tutto in una volta.

Invece, dovremmo ridurre il problema e lavorare su ciò che rimane. Questa tecnica aiuta gli imprenditori a guardare al cuore della loro attività.

Se creiamo un nucleo aziendale che vogliamo mantenere per sempre, è più probabile che le nostre aziende abbiano successo.

lista delle cose da fare:
  1. La cosa a cui state lavorando ora
  2. La cosa che dovete fare dopo

Questo formato più breve rende più facile concentrarsi sull'adesso piuttosto che sul passato o sul presente (come abbiamo detto prima).

Avere elenchi di cose da fare più brevi vi dà anche il tempo di celebrare le vostre vittorie.

Tutti noi dovremmo dedicare del tempo a riconoscere le piccole vittorie che otteniamo lungo il cammino. Se non ci prendiamo il tempo di soffermarci su di essi, potremmo esaurirci più velocemente.

StoryShot #7: Dormire a sufficienza

In Rework, Hansson e Fried danno grande importanza al sonno. Tutti abbiamo sentito dire quanto sia importante dormire bene, e questi guru non vi diranno nulla di diverso.

La privazione del sonno uccide la creatività e le imprese. Se non dormite a sufficienza ogni notte, la situazione deve cambiare questa notte.

Fate tutto ciò che è necessario per ottenere il sonno di cui avete bisogno.

Allontanate il telefono dal letto. Spegnete le luci prima. Create una routine notturna elaborata con tutte le vostre cose preferite.

Il sonno è troppo importante per rimandarlo. Fate in modo che il tempo dedicato al sonno non sia negoziabile.

Investire in uno sleep tracker è il modo migliore per verificare se si dorme a sufficienza. Molte persone usano gli smartwatch per ottenere dati precisi sulle loro abitudini di sonno.

Indossando l'orologio intelligente durante la notte, è possibile conoscere ogni tipo di informazione sul sonno, tra cui la frequenza cardiaca, il sonno profondo e la qualità del sonno. Ciascuna metrica può fornire indicazioni importanti su ciò che è necessario fare per migliorare il sonno ogni notte. 

Se siete orientati ai dati, rivedere queste metriche può esservi utile per migliorare il vostro sonno. In base alle nostre metriche di riferimento, possiamo apportare modifiche alle nostre abitudini di sonno.

Molti di questi programmi di monitoraggio possono fornire un feedback specifico sulle abitudini del sonno. Possono consigliare di andare a dormire prima, di andare a dormire più tardi, di iniziare una routine per andare a letto o di completare qualche altra attività.

Migliore è il sonno, migliore è la produttività e la creatività durante il giorno. Dormire bene la notte vale la pena di perdere qualche ora durante il giorno. Dopotutto, si può recuperare il tempo in termini di produttività dormendo meglio.

StoryShot #8: Non dare retta a tutto ciò che si sente dire

Mentre sviluppate e fate crescere la vostra attività, probabilmente raccoglierete alcune opinioni in merito. Altri condivideranno consigli e trucchi per rendere la vostra attività la migliore possibile.

Quando ciò accade, siamo tentati di accettare il consiglio e di seguirlo. Tuttavia, questa potrebbe non essere l'idea migliore.

Rework ci dice che non dovremmo seguire i consigli di tutti. Hansson e Fried ci dicono di non annotare i consigli e di non preoccuparci.

È probabile che riceviate gli stessi consigli più volte. Inoltre, sarebbe meglio se non vi preoccupaste di mettere in pratica contemporaneamente diversi consigli.

Dobbiamo iniziare su piccola scala. Iniziare in piccolo può aiutarci a capire se l'idea è realizzabile. È sempre meglio iniziare con 100 persone piuttosto che con 10.000. 

Quando si avvia un nuovo progetto, è necessario considerare un altro aspetto: i clienti. Ad ogni cambiamento apportato, è necessario avvisare i clienti.

Twittare, scrivere sul blog, postare o fare qualsiasi altra cosa sia necessaria per comunicare con loro. In ogni caso, dovete continuare a condividere informazioni. Se del caso, dovreste anche informare la vostra base di fan sui cambiamenti e sul motivo per cui li state apportando.

Potremmo sconvolgere la nostra base di fan se apportiamo modifiche senza avvertirli. Anche i piccoli cambiamenti meritano di essere comunicati.

Non c'è bisogno di una presentazione elegante. È sufficiente pubblicare un piccolo annuncio sul tentativo di adottare una nuova politica. 

Finché si cerca di raggiungere il proprio pubblico, la comunicazione è sufficiente.

StoryShot #9: fallire gloriosamente

Il fallimento è una parte naturale dell'imprenditorialità. Senza fallimenti, non possiamo imparare molto su noi stessi o sulle nostre imprese.

Non si vuole fallire in nulla, ma è essenziale coltivare la conoscenza e l'esperienza.

Nessuno su questo pianeta non ha mai fallito prima o poi. Perché voi dovreste essere diversi?

Quando iniziamo il nostro percorso imprenditoriale, pensiamo che tutto debba andare alla perfezione. Crediamo di non poter commettere errori.

Anche se sarebbe fantastico in un mondo perfetto, non sarà mai perfetto.

Non importa quanta energia e quanti sforzi si facciano per la propria attività, non sarà mai perfetta. È una pillola difficile da ingoiare.

Non dovremmo essere turbati dalla prospettiva di fallire. Dovremmo essere entusiasti di riprovare.

Il fallimento non segna la fine di un'impresa. Ci sono molti fallimenti di aziende che si sono trasformati in successi. Tutto sta nel modo in cui si affronta la situazione e si passa a una nuova direzione.

Rework ci insegna anche che dovremmo condividere i nostri fallimenti. Se siamo disposti ad ammettere le nostre perdite, è più probabile che il nostro pubblico si fidi di noi. Questo concetto è particolarmente vero se condividiamo ciò che abbiamo imparato dalla situazione.

La comunicazione è fondamentale, che si abbia successo o meno.

A volte, le aziende in difficoltà pubblicano il problema online. Il loro pubblico può intervenire per aiutarle a risolvere il problema. La loro base di fan potrebbe avere tutte le risposte di cui hanno bisogno per avere successo.

Non abbiate paura di ammettere i vostri difetti. Siamo tutti esseri umani e la vostra azienda è gestita da esseri umani, quindi non sarà perfetta.

StoryShot #10: Lo slancio alimenta la motivazione

Quando si avvia un'attività, il compito è quello di correre il più velocemente possibile. Rework ci dice che questa strategia ci permette di imparare di più sulla nostra azienda e sul suo funzionamento.

Se valutiamo le nostre aziende da più punti di vista, è più probabile che comprendiamo il lavoro svolto dai nostri dipendenti. Inoltre, il processo di assunzione sarà più semplice. Se abbiamo svolto il lavoro, capiremo cosa cercare.

Tuttavia, non si dovrebbe assumere se non è necessario.

Spesso i proprietari di aziende assumono inutilmente perché pensano di doversi espandere. Tuttavia, non hanno bisogno di queste persone in più. Alla fine si ritrovano con un team che non svolge il lavoro per cui è stato assunto.

È possibile che le persone non lavorino a tempo pieno o che ricevano un compenso eccessivo per il lavoro che sono in grado di svolgere. Senza un numero sufficiente di mansioni, la vostra azienda si troverà a pagare delle persone per il fatto di esistere nel vostro staff.

L'overhiring è un problema comune con le aziende, soprattutto con le nuove aziende e i nuovi imprenditori. Non è sostenibile.

Per evitare ciò, dobbiamo assumere solo quando è necessario.

Quando sappiamo se dobbiamo assumere? Beh, se non possiamo più correre senza qualcuno, dobbiamo passare la palla, giusto? Quello è il momento di assumere.

Inoltre, Rework ci dice che dobbiamo esaminare le lettere di presentazione dei nostri candidati per trovare somiglianze linguistiche e tonali. Non dovremmo preoccuparci delle qualifiche accademiche, purché il candidato soddisfi le altre esigenze della posizione.

Infine, Rework ci dice di creare una cultura della fiducia. Non dovremmo stabilire politiche generali per i nostri dipendenti se una persona fa qualcosa di discutibile. Allo stesso modo, non dovremmo mettere clausole di esclusione della responsabilità su tutto, perché insinuano che non ci fidiamo del nostro personale.

La legalità è importante, ma non vale la pena di compromettere il personale. Considerate di inserire le norme sulla privacy nei contratti, non nella sala relax.

Vi sono piaciuti questi punti chiave? Raccogliete Rework per voi!

Rework di David Heinemeier Hansson e Jason Fried è un ottimo manuale per chiunque voglia realizzare i propri sogni imprenditoriali. Se avete un'idea imprenditoriale in sospeso, è il momento di mettere a punto i vostri piani.

Questi punti chiave di Rework possono aiutarvi a trarre il massimo dal libro. Dai punti motivazionali alle regole ferree di Hansson e Fried, ci sono molte cose da imparare.

Ma dovreste leggerlo voi stessi. Prendete una copia di Rework oggi stesso e realizzate i vostri sogni.

Valutazione

Come giudica Rework?

Clicca per valutare questo libro!
[Totale: 0 Media: 0]

Riassunti di libri correlati

La Compagnia dell'Uno

Essenzialismo

L'e-mito rivisitato

L'MBA personale

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.