Riassunto di Give and Take
 | 

Dare e avere Riassunto e recensione del libro di Adam Grant

Perché aiutare gli altri è alla base del nostro successo

Riassunto di Give and Take

La vita si dà da fare. Ha Dare e prendere è stato nella vostra lista di lettura? Scoprite subito le intuizioni chiave.

Stiamo grattando la superficie. Se non avete già il famoso libro di Adam Grant sull'auto-aiuto e le relazioni, ordinalo qui o ottenere l'audiolibro gratuitamente per conoscere i dettagli succosi.

Introduzione

 Dare e prendere è stato pubblicato nel 2013 e approfondisce il tema di come il dare e l'aiutare gli altri possa portare al successo nella propria carriera. 

Il libro è diviso in tre parti: nella prima si spiega perché aiutare gli altri è alla base del nostro successo. La seconda parte esplora il concetto di "taker" e l'ultima parte spiega i "giver" e come hanno successo a lungo termine. 

Il libro sostiene che, essendo generosi e aiutando gli altri, gli individui possono creare una rete forte, costruire fiducia e crearsi una reputazione positiva. Fornisce inoltre strategie e consigli su come gestire le relazioni con chi prende e chi corrisponde. 

Informazioni su Adam Grant

Adam Grant è uno psicologo delle organizzazioni e professore alla Wharton School dell'Università della Pennsylvania. È autore di numerosi libri sul tema del comportamento organizzativo, tra cui "Dare e ricevere: perché aiutare gli altri è alla base del nostro successo", "Originali: Come gli anticonformisti muovono il mondo", e "Opzione B: Affrontare le avversità, costruire la resilienza e trovare la gioia". 

 Adam Grant collabora regolarmente con il New York Times ed è stato riconosciuto come uno dei migliori pensatori di management al mondo da Thinkers50. Nelle sue ricerche e nei suoi scritti, Grant esplora temi quali la leadership, la creatività e il ruolo del dare e ricevere aiuto sul posto di lavoro.

StoryShot #1: Perché aiutare gli altri guida il nostro successo

Adam Grant approfondisce l'idea che, aiutando attivamente gli altri, si può guidare il proprio successo. Presenta una serie di ricerche ed esempi reali per illustrare come i "donatori" - coloro che danno priorità all'aiuto degli altri - tendono a ottenere più successo nella loro carriera rispetto a coloro che si concentrano esclusivamente sul proprio successo, noti come "prenditori".

  • Uno studio sui venditori ha rilevato che quelli che si sono concentrati sulla costruzione di relazioni e sull'aiuto ai clienti hanno avuto più successo di quelli che si sono concentrati esclusivamente sulla vendita.
  • Uno studio sugli avvocati ha rilevato che coloro che dedicavano più tempo al tutoraggio e all'aiuto dei colleghi più giovani avevano carriere di maggior successo rispetto a quelli che non lo facevano.
  • Da un'analisi dei venture capitalist è emerso che quelli più propensi ad aiutare gli imprenditori nelle loro società in portafoglio avevano maggiori probabilità di ottenere uscite di successo.
  • Uno studio sui chirurghi ha rilevato che coloro che aiutavano e insegnavano ai colleghi avevano risultati chirurgici migliori e avevano maggiori probabilità di essere promossi.

Inoltre, l'autore fornisce diversi esempi di vita reale per illustrare i principi trattati, come ad esempio:

  • La storia di Adam Rifkin, che è diventato una delle persone più connesse della Silicon Valley grazie alla sua disponibilità ad aiutare gli altri.
  • L'esempio di Keith Ferrazzi, consulente e autore di successo, che attribuisce il suo successo all'abitudine di costruire relazioni forti aiutando gli altri.
  • L'esperienza del professore della Wharton Business School Adam Grant, che ha scoperto che i suoi studenti di maggior successo erano spesso quelli che dedicavano più tempo ad aiutare i loro compagni.

StoryShot #2: i pro e i contro dell'essere un Matcher

Adam Grant introduce l'idea dei "corrispondenti", che aiutano gli altri con l'aspettativa di ricevere aiuto in cambio. Egli sostiene che chi dà ha spesso più successo di chi corrisponde. I matcher operano secondo il principio del "tit-for-tat" e credono che se aiutano qualcuno, questa persona sarà più propensa ad aiutarli quando ne avranno bisogno. Chi si impegna a dare una mano, invece, crede di costruire una rete di persone che saranno disposte ad aiutarlo in futuro.

Anche se i "matcher" possono avere successo nella loro carriera, spesso non ottengono lo stesso successo dei "giver", che aiutano gli altri senza aspettarsi nulla in cambio. I matcher tendono inoltre a concentrarsi maggiormente sul mantenimento dell'equilibrio nelle loro relazioni. Potrebbero essere meno propensi a formare relazioni profonde e di fiducia.

I matcher sono anche meno propensi ad assumersi dei rischi e ad essere più cauti nel dare, poiché si aspettano sempre qualcosa in cambio, il che potrebbe limitare la loro capacità di formare relazioni profonde e significative. Inoltre, tendono a non essere considerati degni di fiducia e affidabili dagli altri, poiché le loro azioni sono spesso percepite come auto-motivate.

Anche se i matcher possono avere successo, i giver hanno spesso più successo nella loro carriera, in quanto costruiscono relazioni più solide e si fanno una reputazione di persone disponibili e degne di fiducia.

StoryShot #3: Il potere dello stile di reciprocità

L'autore introduce anche il concetto di "stile di reciprocità" e il modo in cui può influenzare il vostro successo come donatori. Lo stile di reciprocità si riferisce al modo in cui i donatori scelgono di aiutare gli altri e al modo in cui gestiscono la dinamica del dare e ricevere nelle loro relazioni. Esistono tre tipi di stili di reciprocità:

  1. "Passivo": I donatori che danno senza aspettarsi un ritorno, non tengono traccia di chi hanno aiutato o di chi hanno ricevuto aiuto. Sono quelli che spesso si approfittano.
  2. "Equilibrato": Datori che danno e ricevono in misura approssimativamente uguale. Tengono traccia di chi hanno aiutato e di chi hanno ricevuto aiuto. Credono che, donando, creino una rete di persone che saranno disposte ad aiutarli quando ne avranno bisogno.
  3. "Attivi": Donatori che sono strategici su come e quando donano. Tengono traccia di chi hanno aiutato e di chi hanno ricevuto aiuto, e donano con una chiara idea di come l'altra persona possa aiutarli in futuro.

I donatori attivi sono quelli che hanno più successo perché danno in modo strategico e non si lasciano sfruttare. Il libro fornisce esempi di come utilizzare uno stile di reciprocità attiva, come ad esempio:

  • Quando vi viene chiesto di fare qualcosa, valutate se è in linea con i vostri obiettivi e se avete le risorse per aiutare. Se è così, accettate. In caso contrario, rifiutate con garbo.
  • Quando siete voi a chiedere, rendete facile per l'altra persona dire di sì fornendo istruzioni specifiche e chiare e dimostrando che apprezzate il suo tempo e la sua competenza.

I donatori attivi possono creare una rete potente, costruire fiducia e creare una reputazione positiva, essendo utili in modo strategico.

Valutazione

Valutiamo questo libro 4.1/5.

Come giudica Give and Take?

Clicca per valutare questo libro!
[Totale: 1 Media: 5]

PDF, audiolibro gratuito, infografica e riassunto animato del libro 

Questa era la punta dell'iceberg. Per entrare nei dettagli e sostenere Adam Grant, ordinalo qui o ottenere l'audiolibro gratuitamente.

Vi è piaciuto quello che avete imparato qui? Condividete per dimostrare che vi interessa e fatecelo sapere contattando il nostro supporto.

Nuovo su StoryShots? Ottenete le versioni PDF, audiolibro e animate di questo riassunto di Dare e ricevere: perché aiutare gli altri è alla base del nostro successo e centinaia di altri libri di saggistica bestseller nel nostro app gratuita di alto livello. È stata segnalata da Apple, The Guardian, The UN e Google come una delle migliori app di lettura e apprendimento al mondo.

Riassunti di libri correlati

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.