Riassunto di Think Again
 |  |  |  | 

Riassunto e infografica di Think Again | Adam Grant

Il potere di sapere ciò che non si sa

Riassunto di Think Again

La vita si dà da fare. Ha Ripensaci è stato nella vostra lista di lettura? Scoprite subito le intuizioni chiave.

Stiamo grattando la superficie in questo Ripensaci riassunto. Se non avete già il famoso libro di Adam Grant sulla crescita personale, la psicologia e il pensiero critico, ordinalo qui o ottenere l'audiolibro gratuitamente per conoscere i dettagli succosi.

Introduzione

Vi è mai capitato di essere così sicuri delle vostre convinzioni da non essere aperti a considerare altre possibilità? Se è così, non siete i soli. È nella natura umana aggrapparsi alle proprie convinzioni, ma questo può portarci a perdere nuove idee e opportunità di crescita.

Ripensaci esplora l'importanza di ripensare le nostre convinzioni e opinioni. Il libro si addentra nel territorio degli errori cognitivi, dei pregiudizi e dei punti ciechi della mente. Esplora la nostra incapacità di cambiare le nostre idee una volta che le abbiamo stabilite. Indipendentemente dalle conoscenze e dall'esperienza, gli individui non possono evitare gli errori logici nel loro processo di pensiero. Questi includono opinioni infondate, influenze esterne, supposizioni e altre percezioni soggettive. La nostra tendenza naturale ad affidarci a queste risorse cognitive distraenti ci porta a prendere decisioni sbagliate, all'inflessibilità, all'incapacità di ascoltare gli altri e di essere ascoltati e ad avere atteggiamenti di chiusura mentale.

Grazie alla conoscenza della psicologia e alla disamina di numerosi esempi, Grant propone un approccio nuovo per migliorare il nostro modo di pensare. Il suo approccio si basa sul dubitare di ciò che sappiamo. Allo stesso tempo, spinge le persone a sviluppare un interesse per l'apprendimento di cose nuove e a vedere le prospettive degli altri. Grant chiama questo approccio "ripensare". Adottare questa mentalità consente a voi e al vostro team di migliorare. Inoltre, vi offre l'opportunità di cambiare la mente degli altri senza dividerli in gruppi binari. 

Scoprite come funziona il ripensamento dal nostro Ripensaci sommario.

"Adam Grant crede che mantenere una mente aperta sia un'abilità che si può insegnare. E nessuno potrebbe insegnare questa abilità enormemente preziosa meglio di lui in questa meravigliosa lettura. Le sorprendenti intuizioni di questo libro brillante vi faranno riconsiderare le vostre opinioni e le vostre decisioni più importanti."

- Daniel Kahneman, premio Nobel per l'economia e autore di #1 New York Times bestseller di Pensare, veloce e lento

Ascolta il riassunto dell'audiolibro di Think Again

Informazioni su Adam Grant

Adam Grant è uno psicologo americano, autore e professore alla Wharton School dell'Università della Pennsylvania. Ha ottenuto la cattedra accademica all'età di 28 anni, diventando così il più giovane professore di ruolo della Wharton School. Adam Grant è stato il miglior professore della Wharton per sette anni consecutivi. È stato riconosciuto come uno dei dieci pensatori di management più influenti al mondo ed è stato inserito tra i 40 under 40 di Fortune. 

Grant è autore di quattro bestseller del New York Times, tra cui Originali: Come gli anticonformisti muovono il mondo, Dare e ricevere: un approccio rivoluzionario al successo, e Opzione B: Affrontare le avversità, costruire la resilienza e trovare la gioia. Sono stati tradotti in 35 lingue. Adam è anche il conduttore di WorkLife, un podcast originale TED in cima alle classifiche. I suoi discorsi TED sui pensatori originali, i donatori e i beneficiari hanno ottenuto oltre 20 milioni di visualizzazioni. 

StoryShot #1: Adattarsi e prosperare con la flessibilità cognitiva 

Grant inizia il suo libro con una storia che ha avuto luogo nel 1949. Una squadra di smoke jumpers stava combattendo un enorme incendio selvaggio. La maggior parte dei membri della squadra teneva l'attrezzatura come da istruzioni, anche se questo li rallentava. Solo una persona disobbedì alle istruzioni. Grazie alla sua capacità di reagire al volo, trovò una soluzione diversa. Alla fine, l'ha aiutato a sopravvivere. 

Utilizzando questa storia, Grant contrappone un approccio convenzionale alla percezione dell'intelligenza a uno alternativo. Siamo abituati a considerare l'intelligenza come un'abilità di pensare e conoscere cose nuove. Tuttavia, dovremmo considerarla come una capacità di ripensare e dimenticare ciò che abbiamo imparato in precedenza. Flessibilità cognitiva è l'arte di ignorare il nostro istinto, anche se ci fidiamo delle nostre sensazioni. Ripensare e mettere in discussione noi stessi ci aiuta a rimanere rilevanti in un mondo che non conosce stabilità.

Grant nota giustamente che anche le costituzioni accettano emendamenti, quindi perché dovremmo negare gli emendamenti nel nostro processo di pensiero? Se un pensiero o un'idea non ci serve più, la risposta migliore è lasciarla andare. Questo è il senso del ripensamento. 

Per prepararsi al ripensamento, ancoratevi alla flessibilità piuttosto che alla coerenza. Gli esseri umani hanno forti convinzioni e sono orgogliosi di mantenerle. Questo funziona in un mondo statico e affidabile. Il problema è che viviamo in un ambiente in continua evoluzione. Per eccellere, quindi, dobbiamo concentrarci sul ripensamento piuttosto che sul semplice pensiero.


Il ripensamento è una competenza, ma può anche essere descritto come una mentalità. Le persone hanno la tendenza ad aggrapparsi a vecchi punti di vista piuttosto che accettarne di nuovi. Cediamo al conforto della convinzione piuttosto che all'ansia del dubbio. Ascoltiamo le idee che ci fanno sentire bene invece di quelle che ci fanno pensare intensamente. Una mentalità di ripensamento implica la volontà di accettare la realtà che i fatti possono cambiare e che ciò che era vero una volta non lo è più.

StoryShot # 2: Superare i ruoli di predicatore, procuratore e politico

Grant utilizza il sistema di mentalità proposto da Phil Tedlock per descrivere le nostre inclinazioni quando parliamo con gli altri o abbiamo un dialogo interno. Ogni volta che pensiamo o parliamo, ci caliamo nel ruolo di uno di questi personaggi: un predicatore, un procuratore o un politico. 

I predicatori sono interessati solo a promuovere le proprie idee. Impongono le loro convinzioni agli altri per proteggerle o renderle popolari. 

I procuratori sono ansiosi di vincere ogni discussione. Si scagliano senza tregua contro chiunque le cui opinioni non sono in linea con le loro. 

I politici, al contrario, vogliono essere dei compiacenti. Desiderano l'approvazione, ma non vedono l'utilità di trovare una verità oggettiva. 

Quando assumete uno di questi ruoli, negate l'importanza di trovare la verità attraverso l'impegno con gli altri. Ciò che vi interessa veramente è attaccare le opinioni dissenzienti, difendere la vostra opinione, fare la pace o semplicemente vincere una discussione.

C'è un altro ruolo che può aiutarci a realizzare il nostro potenziale cognitivo. Gli scienziati vivono per comprendere i limiti della loro conoscenza e noi possiamo imparare da loro per migliorare il nostro processo di pensiero. Essere uno scienziato significa condurre esperimenti, verificare ipotesi, abbandonare vecchie convinzioni e abbracciare nuove verità. Cambiare idea e ripensarci non è una debolezza. È una conferma del proprio sviluppo intellettuale.  

StoryShot #3: Trovare il punto di forza della fiducia in se stessi

È impossibile evitare i punti ciechi, o bias cognitivi nelle nostre credenze o conoscenze, anche se li riconosciamo negli altri. Questi punti ciechi possono influenzare la nostra capacità di ripensare e darci troppa fiducia nel nostro giudizio. Tuttavia, è possibile sviluppare una fiducia che ci permette di vedere i difetti nel nostro processo di pensiero. Questo giusto tipo di fiducia ci permette di mantenere aggiornate le nostre convinzioni. Oltre a questo, ci aiuta a riconoscere i nostri punti ciechi e a regolare la nostra mentalità in modo appropriato. 

Né l'eccesso di fiducia né la mancanza di fiducia sono positive. L'eccesso di fiducia è un tratto tipico delle persone con la sindrome del quarterback da poltrona. Credono di sapere più di quanto non sappiano. L'opposto è la sindrome dell'impostore, riscontrabile nelle persone che, pur avendo le competenze e le capacità per avere successo, dubitano comunque di se stesse. Hanno la sensazione di prendere il posto di qualcun altro e questo impedisce il loro successo.

Grant fa anche l'esempio di un sondaggio che chiedeva agli intervistati di valutare le loro conoscenze rispetto ad altre persone. Inoltre, è stato chiesto loro di sottoporsi a un test che valutava il loro effettivo livello di conoscenza. L'indagine ha mostrato che le persone che ritenevano le proprie conoscenze migliori di quelle degli altri si sopravvalutavano in modo significativo. Il risultato di questa eccessiva fiducia è l'incapacità di imparare cose nuove e di cambiare le proprie opinioni. Alla fine, questo porta all'ignoranza e all'arroganza. 

L'eccessiva sicurezza di sé non ci permette di vedere i nostri difetti. Dovremmo insegnarci a essere modesti, ma in modo sicuro di noi stessi. La modestia sicura non solo ci permette di riconoscere i nostri difetti, ma ci consente anche di lavorare per superarli.

StoryShot #4: Prova la gioia di sbagliare

Le persone odiano avere torto. Quando qualcuno mostra errori nelle nostre convinzioni o nei nostri modi di pensare, molti di noi reagiscono con rabbia. Siamo in grado di capire facilmente quando qualcun altro si sbaglia, ma non vogliamo ammettere che non sempre abbiamo ragione. Difendiamo senza paura ciò in cui crediamo. La psicologia chiama la nostra riluttanza a cambiare le nostre opinioni "ego totalitario". 

Con il tempo, sviluppiamo un attaccamento così forte alle nostre convinzioni che non vogliamo lasciarle andare. Adam Grant distingue due tipi di attaccamento dannoso.

Staccare il presente dal passato

Il primo descrive il nostro affetto per il passato. Dovremmo imparare a distaccare il nostro io attuale dalle versioni più vecchie. Se lo facciamo, possiamo evitare la depressione. Saremo in grado di vedere chiaramente la direzione in cui ci stiamo muovendo e questo ci porterà più gioia.

Separare le opinioni dalla propria identità

Insieme a questo rinnovamento nel tempo, dovremmo separare la nostra identità dalle nostre convinzioni. Altrimenti, quando sperimentiamo un cambiamento importante nella nostra visione del mondo, la nostra identità si frantuma semplicemente perché scopriamo di aver sbagliato. Dobbiamo invece sviluppare un sistema di valori. Questo ci permetterà di cambiare le nostre convinzioni rimanendo fedeli ai nostri valori. In questo caso, sbagliare non causerà una crisi d'identità. 

I valori sono i principi fondamentali della vostra vita. Identificandovi con questi principi, rimanete aperti a nuovi modi per raggiungerli. 

Si vuole un medico la cui identità è proteggere la salute, un insegnante la cui identità è promuovere l'apprendimento e un capo della polizia che sostiene la sicurezza e la giustizia. Perché quando le persone si definiscono in base ai valori invece che alle opinioni, possono rivedere le loro pratiche in base a nuove prove.

StoryShot #5: abbracciare i conflitti costruttivi per trovare soluzioni creative 

Poiché non possiamo evitare i conflitti, dobbiamo imparare a gestirli. Grant spiega due tipi di conflitti:

  1. Conflitti di compiti. Si verificano quando i membri di un team specifico decidono chi deve affrontare un problema, cosa deve essere fatto e come, ecc. Questo tipo di conflitto è costruttivo perché stimola la ricerca di soluzioni creative.
  2. Conflitti di relazione. Si verificano tra le persone. Spesso questi conflitti sono dannosi perché influenzano negativamente le relazioni interpersonali. Tuttavia, se le parti coinvolte in una discussione mostrano rispetto reciproco, possono finire con un maggior grado di compassione e cooperazione.

La nostra società considera la duttilità, o la tendenza a evitare i conflitti, come una caratteristica positiva. Adam Grant non è d'accordo con questa percezione. Ritiene che le persone che non hanno paura di mostrare disaccordo con le nostre opinioni ci spingano ad andare avanti. Ci aiutano a valutare le nostre capacità e a trovare modi per migliorare.

StoryShot #6: favorire la comprensione attraverso l'approccio collaborativo 

Grant presenta come esempio Harish Natarajan, un campione internazionale di dibattito. In un dibattito, ha sostenuto l'impopolare opinione che il governo non dovrebbe sovvenzionare le scuole materne. All'inizio, quasi tutti i presenti erano già convinti che le scuole materne dovessero essere sovvenzionate. Tuttavia, Natarajan ha convinto il pubblico utilizzando queste semplici tecniche:

  1. Comprensione comune
  2. Domande non giudicanti
  3. Pensiero flessibile

Grant descrive questa efficace strategia come approccio collaborativo. Utilizza l'umiltà e la curiosità per portare il pubblico a pensare come gli scienziati. Tuttavia, nei dibattiti si adotta spesso l'approccio Avversario, che si basa sulle modalità di comunicazione del predicatore e del pubblico ministero. 

Per aiutare gli altri a rivedere le loro convinzioni, evitate di usare argomenti razionali e schiaccianti come farebbe un bullo della logica. Anche se si ha ragione, l'interlocutore si sentirà amareggiato. Un approccio più efficace consiste nel trovare un terreno comune e nell'esprimere curiosità ponendo domande. Queste domande permettono all'interlocutore di trarre le proprie conclusioni e questo è più potente che schiacciarlo con la logica o la ragione.

Valutazione

Valutiamo Ripensaci 4.2/5. 

Come giudica il libro di Adam Grant in base a questo riassunto?

Clicca per valutare questo libro!
[Totale: 9 Media: 4.4]

Infografica

Ottenete la versione in alta qualità di questa infografica di sintesi di Ripensaci sull'applicazione StoryShots.

Infografica Think Again
  • Risparmiare
Pensaci ancora Infografica

Pensaci ancora PDF, audiolibro gratuito e riassunto animato del libro 

Questa era la punta dell'iceberg. Per entrare nei dettagli e sostenere Adam Grant, ordinalo qui o ottenere l'audiolibro gratuitamente.

Commenta qui sotto e fai sapere agli altri cosa hai imparato o condividi i tuoi pensieri correlati.

Nuovo a StoryShots? Ottieni il PDF, l'audio e l'animazione versioni di questa analisi e sintesi di Ripensaci e centinaia di altri libri di saggistica bestseller nel nostro app gratuita di alto livello. È stato descritto da Apple, Google, The Guardian e l'ONU come una delle migliori app di lettura e apprendimento al mondo.

Pensare velocemente e lentamente da Daniel Kahneman

La ricerca di significato dell'uomo da Viktor Frankl

Rumore da Daniel Kahneman

L'ego è il nemico da Ryan Holiday

Potenziale nascosto da Adam Grant

Mindset da Carol Dweck

L'arte di imparare da Josh Waitzkin

Ultralearning da Scott Young

Conversazioni difficili da Bruce Patton, Sheila Heen e Douglas Stone

12 regole per la vita da Jordan Peterson

Conversazioni cruciali di Kelly Patterson

Guida da Daniel Pink

Oltre l'ordine da Jordan Peterson

Ingegneria interna da Sadhguru

Il cigno nero da Nassim Nicholas Taleb

Pensaci ancora Adam Grant riassunto
  • Risparmiare

Articoli simili

4 Commenti

  1. Grant ribalta il tavolo sull'"incompetenza inconscia", il non sapere ciò che non sappiamo con pratiche tangibili per diventare consapevoli di ciò che non sappiamo e come usare questa consapevolezza per accelerare l'apprendimento. Un set di abilità/mente vitale nel nostro mondo che cambia.

  2. Voglio solo dire che "mi dispiace di dover leggere questo capolavoro gratuitamente" perché non posso permettermelo. Ma non appena guadagnerò dei soldi nel mio college sottoscriverò questo straordinario servizio. Grazie per averlo mantenuto gratuito.

    1. Non c'è nulla di cui dispiacersi! La missione di StoryShots è quella di rendere accessibili a tutti, indipendentemente dalla loro età, le intuizioni chiave dei migliori libri del mondo. bilancio, il tempo o le preferenze di apprendimento. Siete invitati a investire nel nostro livello premium ogni volta che potete per sostenere la nostra crescita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.