Mel Robbins La regola dei 5 secondi riassunto
 | 

La regola dei 5 secondi - Riassunto del libro di Mel Robbins

Trasformare la vita, il lavoro e la fiducia in se stessi con il coraggio quotidiano

Mel Robbins La regola dei 5 secondi riassunto

La vita si dà da fare. Ha La regola dei 5 secondi è stato nella vostra lista di lettura? Scoprite subito le intuizioni chiave.

Stiamo grattando la superficie in La regola dei 5 secondi riassunto. Se non avete già il famoso libro di Mel Robbins sull'auto-aiuto, lo sviluppo personale e gli affari, ordinalo qui o ottenere l'audiolibro gratuitamente per conoscere i dettagli succosi.

Ascolta il riassunto dell'audiolibro di La regola dei 5 secondi

Introduzione

La regola dei 5 secondi è un libro di auto-aiuto scritto da Mel Robbins, pubblicato nel 2017. Il libro si concentra sull'idea di utilizzare una semplice tecnica, la "regola dei 5 secondi", per superare la procrastinazione e agire verso i propri obiettivi.

L'autrice spiega che stava attraversando un momento difficile della sua vita, si sentiva sopraffatta e bloccata in una spirale di procrastinazione. Si è imbattuta in un discorso TED sulla scienza della forza di volontà e ha appreso il concetto di "ciclo spunto-routine-ricompensa". Si rese conto che la chiave per superare la procrastinazione era agire entro 5 secondi dall'impulso di fare qualcosa, prima che lo "spunto" (l'impulso) avesse la possibilità di svanire.

 Mel Robbins inizia a metterlo in pratica e vede risultati immediati. È riuscita a superare la procrastinazione, a riprendere il controllo della sua vita e a raggiungere i suoi obiettivi. Condivide che la Regola dei 5 secondi è uno strumento semplice ma potente che chiunque può utilizzare.

La Regola dei 5 secondi è un conto alla rovescia per passare all'azione. Aiuta a prendere il controllo della propria mente e a rompere lo schema dei pensieri eccessivi e dei dubbi su se stessi. Aiuta inoltre a trasformare le cattive abitudini in buone abitudini e a riprendere il controllo della propria vita.

Informazioni su Mel Robbins

Mel Robbins è un'oratrice motivazionale, personaggio televisivo e autrice. È nota soprattutto per il suo discorso TEDx "How to Stop Screwing Yourself Over", che è stato visto oltre 30 milioni di volte. 

Robbins ha scritto diversi libri, tra cui "La regola dei 5 secondi" e "Smettete di dire che state bene." Conduce anche un talk show quotidiano, "The Mel Robbins Show", ed è apparsa come commentatrice sulla CNN. 

Nel suo lavoro, la Robbins utilizza aneddoti personali e ricerche per trattare argomenti come la crescita personale, la motivazione e il superamento degli ostacoli. 

StoryShot #1: La scienza della regola dei 5 secondi

La regola dei 5 secondi si basa sull'idea che l'impulso ad agire su un obiettivo o una decisione può svanire in pochi secondi se non si agisce. Il nostro cervello è predisposto a resistere ai cambiamenti e ad aggrapparsi a ciò che ci è familiare. La regola dei 5 secondi aiuta a superare questa tendenza sfruttando lo slancio dell'impulso iniziale ad agire.

La regola dei 5 secondi funziona con un conto alla rovescia di 5-4-3-2-1, creando un senso di urgenza che aiuta a superare la procrastinazione e ad agire.

Cue-Routine-Reward

Il concetto di "ciclo spunto-routine-ricompensa" descrive il modo in cui il nostro cervello elabora le abitudini, ed è importante comprenderlo per far funzionare la regola dei 5 secondi. È importante capire questo concetto perché la regola dei 5 secondi funzioni. Le tre parti del ciclo sono: 

  1.  Spunto: è il fattore scatenante o lo stimolo che dà inizio a un comportamento o a un'azione. Può essere un innesco interno o esterno, come una sensazione, un evento, un momento della giornata o un luogo specifico.
  2. Routine: È il comportamento o l'azione che viene eseguita in risposta allo spunto. Può essere un'azione fisica, un pensiero o una risposta emotiva.
  3. Ricompensa: È il risultato positivo o il beneficio che rafforza il comportamento o l'azione. Può essere qualcosa di tangibile, come un premio, o qualcosa di più astratto, come una sensazione di realizzazione o di piacere.

Il ciclo spunto-routine-ricompensa crea un meccanismo di feedback che il cervello utilizza per apprendere e rafforzare le abitudini. Ogni volta che il cervello riconosce uno spunto ed esegue la routine associata, viene ricompensato con un risultato positivo. Più questo ciclo si ripete, più l'abitudine diventa forte.

StoryShot #2: Usare la metacognizione per superare paura, dubbi e procrastinazione

Nel momento in cui avete l'istinto di agire su un obiettivo, dovete contare 5-4-3-2-1 e muovervi fisicamente o il vostro cervello vi fermerà.

  • Usare la Regola è semplice. Ogni volta che sentite l'istinto di agire per un obiettivo o un impegno, o nel momento in cui sentite che esitate a fare qualcosa che sapete di dover fare, usate la Regola.
  • Inizia contando all'indietro fino a te stesso: 5-4-3-2-1. Il conteggio vi aiuterà a concentrarvi sull'obiettivo o sull'impegno e vi distrarrà dalle preoccupazioni, dai pensieri e dalle paure nella vostra mente. Non appena raggiungi "1", muoviti. Questo è quanto.
  • La regola funzionerà ogni volta che la userete. Ma dovete usarla. È uno strumento. Se smetti di usarla, la paura e l'incertezza si insinueranno di nuovo e prenderanno il controllo delle tue decisioni. Se ciò accade, ricomincia ad usare la Regola.
  • Anche il movimento fisico è la parte più importante della mia Regola, perché quando ti muovi la tua fisiologia cambia e la tua mente la segue.

La Regola è uno strumento di metacognizione semplice e supportato dalla ricerca che crea un cambiamento di comportamento immediato e duraturo.

Metacognizione, a proposito, è solo una parola di fantasia per qualsiasi tecnica che ti permette di battere il tuo cervello al fine di realizzare i tuoi obiettivi più grandi.

Man mano che usi la Regola nel tempo, sperimenterai un cambiamento dentro di te che è molto più profondo, una trasformazione che ha un impatto sulla fiducia e sulla forza interiore.

Vi troverete faccia a faccia con le scuse, le abitudini, i sentimenti, le insicurezze e le paure che vi hanno perseguitato per anni.

Idee di applicazione

  • Parlare in una riunione
  • Rimanere positivi
  • Prendere una decisione
  • Trovare il tempo per se stessi
  • Chiedere un feedback
  • Alzare la mano
  • Chiedere un aumento
  • Mettere fine ai dubbi su se stessi
  • Lavorare sul tuo curriculum
  • Attenersi al proprio piano
  • Uscire di casa
  • Volontariato per andare per primo
  • Parlare con qualcuno che trovi attraente
  • Passi su una pista da ballo
  • Pubblicare il tuo lavoro
  • Andare in palestra
  • Mangiare con moderazione
  • Dire "no"
  • Chiedere aiuto
  • Abbassare la guardia
  • Ammettere di aver sbagliato
  • Ascolto

Con il tempo, ripetendo la regola, si distrugge completamente quel sistema.

Una cosa di cui la maggior parte di noi non si rende conto è che gli schemi di pensiero come la preoccupazione, il dubbio su se stessi e la paura sono tutte abitudini e si ripetono questi schemi di pensiero senza nemmeno rendersene conto.

StoryShot #3: Contare alla rovescia da cinque e interrompere una cattiva abitudine

Quando contate in silenzio da cinque, il vostro cervello sa che qualcosa deve accadere dopo l'uno; è il segnale universale per agire.

E quando si compie un'azione deliberata subito dopo il conto alla rovescia si genera la gioia di sentirsi in controllo.

Secondo gli psicologi, la "regola d'oro delle abitudini" dice che per cambiare una cattiva abitudine bisogna sostituirla con una diversa. Ogni abitudine ha tre parti: spunto, routine e ricompensa. Quando fai in silenzio il conto alla rovescia da cinque (spunto), intraprendi una piccola azione positiva (routine) e ottieni una piacevole sensazione di controllo (ricompensa), hai creato un nuovo ciclo di abitudini.

Ecco alcuni modi in cui potete usare un'abitudine all'azione di cinque secondi per sovrascrivere una cattiva abitudine:

  • Se volete interrompere la cattiva abitudine di bere vino prima di andare a letto, notate che la sera prendete la bottiglia di vino e poi dite silenziosamente a voi stessi "cinque, quattro, tre, due, uno" e rimettete la bottiglia nella credenza.
  • Se avete l'abitudine di arrabbiarvi con le persone, notate la rabbia e poi dite in silenzio "cinque, quattro, tre, due, uno" e pensate a tre persone per cui siete grati.
  • Se avete l'abitudine di innervosirvi prima di uno spettacolo, notate la vostra ansia e dite silenziosamente a voi stessi "cinque, quattro, tre, due, uno... sono emozionato!".

StoryShot #4: Coraggio

Va bene avere paura. Avere paura significa che stai per fare qualcosa di molto, molto coraggioso.

La vita quotidiana è piena di momenti che fanno paura, sono incerti e difficili.

Affrontare questi momenti e sbloccare l'opportunità, la magia e la gioia nella tua vita richiede un enorme coraggio.

Il coraggio insegna a tutti noi che non sono le grandi mosse a cambiare tutto - sono le più piccole nella vita quotidiana che lo fanno

Sprechiamo così tanto della nostra vita aspettando il momento giusto per avere la conversazione, chiedere l'aumento, tirarlo fuori, o iniziare le cose.

Mi ricorda la famosa citazione di Wayne Gretzky: "Manchi il 100% dei tiri che non fai". Ecco il punto: non ti penti mai dei tiri che fai, ma ti penti sempre di esserti trattenuto.

Il leggendario psicologo Mihaly Csikszentmihalyi ha applicato questo concetto al comportamento umano, incolpando l'energia di attivazione come una delle ragioni per cui fare un cambiamento è così difficile.

Definisce l'energia di attivazione come quella "enorme spinta iniziale di energia che è necessaria per cambiare", sia che si tratti di far andare avanti una macchina in stallo o di uscire da un letto caldo al mattino.

Fiducia

  • Un grande errore che le persone fanno è pensare che la fiducia sia una questione di personalità. La fiducia significa semplicemente che si crede in se stessi, nelle proprie idee e nelle proprie capacità. Chiunque può imparare a diventare più sicuro di sé. Non è un tratto della personalità. È un'abilità.
  • La fiducia in se stessi si costruisce attraverso atti di coraggio quotidiano.

Una buona vita è fatta di piccoli passi - "prendere decisioni difficili", "saper dire di no", anche "alzarsi dal letto e portare fuori i cani" solo perché hai detto che l'avresti fatto - possono essere piccoli passi per "imparare a fidarsi" di te stesso, ma sono le mosse più "esaltanti" che puoi fare per la tua fiducia.

A volte non c'è una prossima volta, una seconda possibilità o un time out. Smettila di aspettare. Ora o mai più. Quando aspetti, non stai procrastinando.

State facendo qualcosa di più pericoloso. State deliberatamente convincendo voi stessi che "ora non è il momento". Stai lavorando attivamente contro i tuoi sogni.

StoryShot #5: Due tipi di procrastinazione

Procrastinazione produttiva

Se state lavorando a un progetto creativo o a un'idea innovativa, la ricerca dimostra che la procrastinazione non solo è buona, ma è anche importante. Il processo creativo richiede tempo, quindi quando si mette da parte un progetto per alcuni giorni o settimane, la mente può vagare.

Quel tempo extra speso nel vagabondaggio mentale ti dà la possibilità di venire con idee più creative e "divergenti" che migliorano il tuo progetto.

Procrastinazione distruttiva

La procrastinazione distruttiva è un animale completamente diverso. È quando evitiamo il lavoro che dobbiamo fare e sappiamo che ci saranno conseguenze negative. Questa abitudine torna davvero a mordere alla fine.

StoryShot #6: 5, 4, 3, 2, 1... progredire

"Quando si fissa un obiettivo, il cervello apre un elenco di attività. Ogni volta che vi trovate in prossimità di cose che possono aiutarvi a raggiungere l'obiettivo, il vostro cervello attiva il vostro istinto per segnalare di portare a termine l'obiettivo. Vi faccio un esempio. Supponiamo che abbiate l'obiettivo di diventare più sani. Se entrate in un salotto, non succede nulla. Se invece passate davanti a una palestra, la corteccia prefrontale (la parte anteriore del cervello) si accende perché siete vicini a qualcosa che ha a che fare con la salute. Quando passate davanti alla palestra, sentite che dovreste fare esercizio. È un istinto che vi ricorda l'obiettivo. È la vostra saggezza interiore ed è importante prestarle attenzione, per quanto piccolo o sciocco possa sembrare quell'istinto".

- Mel Robbins

Ecco alcuni modi in cui puoi iniziare immediatamente ad agire sulla tua saggezza interiore:

  • Quando sei a letto la mattina e sai che dovresti alzarti e lavorare alla tua idea di business, agisci sulla tua saggezza interiore e inizia a contare alla rovescia, "cinque, quattro, tre, due, uno", e poi scendi dal letto e cammina verso la tua scrivania.
  • Quando sei in ufficio e hai la sensazione che dovresti smettere di controllare la posta elettronica e iniziare a scrivere quella proposta o presentazione, agisci secondo la tua saggezza interiore e inizia il conto alla rovescia, "cinque, quattro, tre, due, uno". Poi chiudi l'applicazione di posta elettronica e inizia a scrivere.
  • La sera, quando state per guardare i nuovi episodi su Netflix e avete la sensazione di dover spegnere la TV per poter dormire bene ed essere più produttivi domani, ascoltate la saggezza interiore. "Cinque, quattro, tre, due, uno" e poi mettetevi a letto.

Riassunto finale e revisione

La regola dei 5 secondi di Mel Robbins, è un libro di auto-aiuto che si propone di aiutare i lettori a superare la procrastinazione e ad agire per raggiungere i propri obiettivi. Il libro si basa sull'idea che l'impulso ad agire su un obiettivo o una decisione può svanire in pochi secondi se non si agisce. Il nostro cervello è predisposto a resistere ai cambiamenti e ad aggrapparsi a ciò che ci è familiare.

Il concetto principale del libro è la regola dei 5 secondi, che funziona con un conto alla rovescia di 5-4-3-2-1 e crea un senso di urgenza che aiuta a superare la procrastinazione e ad agire. Il libro spiega il concetto di "ciclo spunto-routine-ricompensa", che descrive come il nostro cervello elabora le abitudini, affinché la regola dei 5 secondi funzioni. 

Mel Robbins spiega anche come la metacognizione, ovvero le tecniche che permettono di battere il cervello per raggiungere gli obiettivi più importanti, possa essere applicata utilizzando la regola dei 5 secondi. Il movimento fisico è un elemento chiave della regola dei 5 secondi. Il movimento aiuta a modificare la fisiologia del cervello e a seguire la mente.

Il libro presenta diversi scenari e situazioni in cui la regola dei 5 secondi può essere applicata, come ad esempio: parlare in una riunione, prendere una decisione, chiedere aiuto, uscire di casa e molti altri. Fornisce un programma completo che aiuta le persone a capire come cambiare le cattive abitudini, utilizzando ripetutamente la regola dei 5 secondi.

La regola dei 5 secondi offre strumenti pratici e semplici, ma potenti, che possono aiutare le persone a superare la procrastinazione. 

Valutazione

Valutiamo il libro di Mel Robbins 3,9/5.

Come giudica La regola dei 5 secondi in base a questo riassunto?

Clicca per valutare questo libro!
[Totale: 15 Media: 4.7]

La regola dei 5 secondi PDF, audiolibro gratuito, infografica e riassunto animato del libro 

Questa era la punta dell'iceberg de La regola dei 5 secondi. Per approfondire i dettagli e il supporto di Mel Robbins, ordinalo qui o ottenere l'audiolibro gratuitamente.

Vi è piaciuto quello che avete imparato qui? Condividete per dimostrare che vi interessa e fatecelo sapere contattando il nostro supporto.

Nuovo su StoryShots? Scarica il nostro app gratuita di alto livello per accedere alle versioni PDF, audiolibro e animate di questo riassunto di La regola dei 5 secondi: Trasformare la vita, il lavoro e la fiducia in se stessi con il coraggio quotidiano e centinaia di altri bestseller di saggistica. È stata segnalata da Apple, The Guardian, The UN e Google come una delle migliori app di lettura e apprendimento al mondo.

Riassunti di libri correlati

Articoli simili

8 Commenti

  1. Bel riassunto e approccio molto bello e veloce e semplice da Mel Robbins per guadagnare il successo grazie scatti storia buon Natale e spero dal prossimo anno di avere più buoni libri sintesi....

  2. Mentre leggevo l'inquadratura della storia mi è venuta la voglia di inviare un articolo per una rivista, visto che sto cercando di diventare una scrittrice freelance. Ho fatto il conto alla rovescia e, come dire, ho aperto la mia e-mail e ho inviato il lancio! Ed eccomi qui a sentirmi benissimo! Beh, questo e un paio di margarita alla fragola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.