Sintesi di Radical Candor
 |  |  | 

Radical Candor Riassunto, recensione e PDF | Kim Scott

Sii un capo di prim'ordine senza perdere la tua umanità o Come ottenere ciò che vuoi dicendo ciò che pensi

La vita si dà da fare. Ha Candore radicale è stato nella vostra lista di lettura? Scoprite subito le intuizioni chiave.

Stiamo grattando la superficie. Se non avete ancora il libro bestseller di Kim Scott sulla leadership empatica, ordinatelo. qui o ottenere l'audiolibro gratis per conoscere i dettagli succosi.

Informazioni su Kim Scott

Kim Scott si è laureata all'Università di Princeton e ha conseguito un MBA alla Harvard Business School. Dopo aver completato la sua formazione, Scott ha iniziato la sua carriera in una fabbrica di diamanti a Mosca. In seguito, ha ricoperto posizioni di team leader presso AdSense, DoubleClick e YouTube ed è stata membro di facoltà presso la Apple University. Scott è stata anche coach dei CEO di importanti aziende tecnologiche, tra cui Dropbox, Qualtrics e Twitter.   

Scott è a favore di uno stile di gestione diretta in Candore radicale. L'autrice esorta i dirigenti ad affrontare le sfide in modo diretto, anziché fare il passo più lungo della gamba. Questo stile di leadership contribuisce a migliorare le capacità di gestione e a incrementare la produttività sul posto di lavoro. Inoltre Candore radicale, Scott è autore di tre romanzi. Questi sono Amore virtuale, Il problema della misurazione, e Il marito di casa

Introduzione

"Penso che questo sia un libro incredibile per tutti coloro che sperano di creare relazioni migliori sul posto di lavoro. Che tu gestisca una persona o un'intera azienda, questo è per TE".

- Rachel Hollis, autrice di bestseller del New York Times

Candore radicale insegna un approccio di gestione diretta per i leader sul posto di lavoro. Il libro sostiene la necessità di due attributi chiave da parte dei manager:

  1. Cura dei propri subordinati a livello personale
  2. Sfidare le persone faccia a faccia

I manager devono conoscere i loro subordinati a livello personale e umano. Dovrebbero inoltre creare una cultura dell'onestà e del feedback diretto.

La premessa del libro è che il feedback non deve necessariamente comportare ostilità. Portare l'umanità nello spazio di lavoro aiuta a costruire relazioni professionali forti.

Le sfide dirette sono uno dei modi migliori per dimostrare che i manager hanno a cuore il benessere dei lavoratori. L'attenzione per il benessere della forza lavoro finisce per migliorare le prestazioni. Il libro è un quadro di riferimento per conversazioni sincere e per una gestione corretta.

"Kim Scott ha la meritata reputazione di essere un capo in gamba e una voce che gli amministratori delegati prendono sul serio. In questo libro straordinario, attinge alla sua vasta esperienza per fornire una guida chiara e onesta sui fondamenti della leadership: come dare (e ricevere) feedback, come prendere decisioni intelligenti, come continuare ad andare avanti e molto altro ancora. Se gestite delle persone, che siano 1 o 1.000, avete bisogno di RADICAL CANDOR. Subito".

- Daniel Pink, autore di DRIVE

Ecco i punti chiave di The Radical Candor. Fateci sapere con quale siete d'accordo o in disaccordo taggandoci sui social media.

StoryShot #1: Cura personale e sfida diretta

Scott definisce il candore radicale in base a due caratteristiche fondamentali

  • Cura personale per i vostri colleghi e dipendenti
  • Affrontare le sfide e i conflitti faccia a faccia

Non è sufficiente che solo le prestazioni lavorative vi alimentino. Imparate a conoscere i vostri colleghi a livello personale. 

Conoscere i colleghi a livello personale contraddice il concetto di professionalità. Per questo motivo, una sfida diretta aiuta a trovare un equilibrio. Il "candore radicale" è l'arte di prendersi cura e di sfidare di persona. Questo concetto aiuta i manager a coltivare un ambiente di lavoro e relazioni professionali stimolanti.

La combinazione di cura personale e sfida diretta contestualizza la critica. Questa combinazione consente di prendersi cura del destinatario a livello umano. Il candore radicale incoraggia una comunicazione trasparente, che aiuta l'azienda a raggiungere più rapidamente i propri obiettivi.

Il quadro di riferimento del Radical Candor mostra anche tre categorie di comportamento:

  1. Aggressività odiosa

L'aggressività spocchiosa è un atto non necessario di sfidare qualcuno di persona senza alcuna empatia. Scott si riferisce a questa categoria anche come pugnalata frontale o brutale onestà. L'aggressività odiosa non ha il sapore di un feedback sincero. Coltiva relazioni impersonali. 

  1. Insincerità manipolativa

Conosciuta anche come pugnalata alle spalle politica, insincerità manipolativa è un comportamento passivo-aggressivo. Si riflette quando non ci si preoccupa di sfidare il destinatario faccia a faccia. Questo è il peggior tipo di fallimento del feedback. L'insincerità manipolativa è una reazione autoprotettiva a un'aggressività odiosa. Si tratta di un comportamento che lusinga qualcuno in faccia e lo critica aspramente alle spalle.

  1. Empatia rovinosa

L'attenzione personale per il destinatario senza critiche oneste favorisce empatia rovinosa. Una caratteristica comune di questo comportamento è la critica edulcorata. L'altra è dare feedback poco chiari per evitare di ferire chi li riceve. 

L'empatia rovinosa risparmia anche la felicità a breve termine del destinatario, a causa della mancanza di una sfida diretta. Gli effetti a lungo termine dell'empatia rovinosa sono negativi. La sdolcinatezza non porta a nessun miglioramento da parte del destinatario, ostacolando la sua crescita. Il falso feedback o il silenzio sono un fallimento del feedback. L'empatia rovinosa è inutile e dannosa per il destinatario. In definitiva, danneggia la relazione professionale.

StoryShot #2: I grandi leader guidano attraverso l'orientamento

Dare un feedback significativo motiva tutte le parti interessate a dare il meglio di sé. Tutti devono essere empatici con i colleghi quando li mettono alla prova. L'empatia alimenta la condivisione di feedback costruttivi e di risposte adeguate.

Il feedback è fondamentale anche per le corrette relazioni professionali, in quanto incoraggia la libera comunicazione. Il feedback positivo mantiene i dipendenti motivati anche quando le cose non vanno benissimo. Le critiche ricordano a tutti di verificare le proprie prestazioni e di fare meglio. Un atteggiamento positivo nei confronti delle critiche spinge tutti a migliorare i propri punti deboli. In definitiva, migliora la produttività dell'intero team.

Un leader dà l'esempio. Iniziate a chiedere un feedback a ogni giocatore di ruolo prima di dare il vostro. L'attenzione per tutti vi dà la grazia sufficiente per controllare il feedback. Inoltre, vi aiuta a capire ogni attore e la sua situazione. Con il feedback di tutte le parti, i leader sono meglio attrezzati per prendere decisioni informate per il loro team o la loro azienda.

Chiedere critiche crea fiducia. Mostra la vostra vulnerabilità ai colleghi o ai dipendenti. Essere vulnerabili dimostra che si è avvicinabili. Rafforza il rapporto con i colleghi. Le critiche aiutano a capire come ci si sente a ricevere un feedback. Vi rende più bravi ed empatici nel mettere in discussione gli altri faccia a faccia.

"In definitiva, però, i capi sono responsabili dei risultati. Essi ottengono questi risultati non svolgendo tutto il lavoro in prima persona, ma guidando le persone che fanno parte dei loro team. I capi guidano un team per raggiungere i risultati". - Kim Scott 

StoryShot #3: La presenza emotiva è essenziale per una buona leadership

Costruire la fiducia con una comunicazione trasparente è la chiave del successo in tutte le relazioni. Questo vale sia per le relazioni professionali che per quelle personali. Una buona leadership richiede presenza emotiva, guida chiara, lavoro di squadra e risultati. Una profonda attenzione personale e una buona leadership sono una solida base per relazioni di fiducia.

In passato Scott ha diretto un'azienda di taglio di diamanti a Mosca. Utilizza un esempio tratto da questa esperienza. Nell'esempio, ha attirato i tagliatori di diamanti nella sua azienda offrendo loro un'offerta migliore. I tagliatori di diamanti erano disposti a cambiare datore di lavoro perché si sentivano apprezzati. Scott ha mostrato empatia e interesse personale per il loro benessere.

La cura di una persona non avviene senza il suo impegno. Gli ostacoli all'assistenza personale includono:

  • Arroganza perché si detiene una posizione di potere o ci si sente superiori ai propri colleghi
  • Incapacità o rifiuto di mostrare vulnerabilità
  • Ossessione per la convinzione che la professionalità non implichi l'interazione personale
Team di dipendenti che si conoscono in un ambiente d'ufficio - Radical Candor
  • Risparmiare
Costruire relazioni di fiducia con i propri dipendenti e colleghi

L'assistenza personale va al di là di semplici attività, come il riconoscimento del compleanno di un collega. Richiede dedizione e un investimento di tempo consapevole per comprendere tutte le parti coinvolte. Conoscere tutti i fattori che possono influenzare la relazione rafforza il team nel suo complesso.

"La prima dimensione riguarda l'essere più che "solo professionisti". Si tratta di fregarsene, di condividere qualcosa di più del proprio lavoro e di incoraggiare tutti coloro che dipendono da voi a fare lo stesso. Non è sufficiente preoccuparsi solo della capacità delle persone di svolgere un lavoro. Per avere una buona relazione, dovete essere voi stessi nella loro interezza e preoccuparvi di ogni persona che lavora per voi come essere umano. Non si tratta solo di affari; è una questione personale, e profondamente personale. Io chiamo questa dimensione "Cura personale"".

- Kim Scott

 

StoryShot #4: Impegnarsi deliberatamente per comprendere i propri colleghi

Nessuna relazione prospera se i protagonisti fanno il minimo indispensabile. Per capire i vostri colleghi, dovete capire come il loro lavoro si inserisce nei loro obiettivi di vita. Le persone traggono ispirazione da cose diverse, a seconda dei loro interessi.

Ogni azienda ha due grandi gruppi di dipendenti: le superstar e le rockstar. Le superstar sono dipendenti con ambizioni e obiettivi elevati. Le rockstar sono soddisfatte di ciò che hanno e non cercano ulteriori promozioni.

"Il modo migliore per rendere felici le superstar è sfidarle e assicurarsi che imparino costantemente". - Kim Scott

Un concetto di candore radicale: il manager celebra i risultati ottenuti con il suo team.
  • Risparmiare
Impegnarsi deliberatamente per comprendere i propri dipendenti e colleghi

Le rockstar non sono inclini alla gratificazione immediata. Sono anche il punto di forza del team. Le rock star sono stabili e hanno una traiettoria di crescita graduale. La maggior parte di loro si è avventurata al di fuori del proprio ruolo all'interno dell'azienda e si accontenta di ciò che ha.

Se una rockstar ricopre una posizione particolare, non forzatela a crescere. Lasciateli prosperare nella loro comodità, purché raggiungano gli obiettivi dell'azienda. Ciascun ruolo ha un percorso personale. Ogni passo di crescita deve essere il prodotto di un loro sforzo deliberato. Forzare la crescita potrebbe danneggiare la relazione o perdere il dipendente.

Cosa potete fare come leader

Come leader, non concentratevi solo sulle superstar, ma anche sulle rockstar. Cercate di conoscere i desideri di ogni giocatore di ruolo. Per soddisfare tutti, è importante spostare gli sforzi di gestione dei talenti verso la gestione della crescita. Le conversazioni sincere non devono far sentire le rockstar inferiori o troppo semplici. Le conversazioni non devono essere prepotenti, ma nemmeno noiose per le rockstar.

"Se si dirige una grande organizzazione, non si può avere un rapporto con tutti. Ma i rapporti che avete con i vostri diretti collaboratori avranno un impatto sui rapporti che questi hanno con i loro diretti collaboratori. L'effetto a catena contribuirà a creare - o a distruggere - una cultura positiva. Le relazioni possono non scalare, ma la cultura sì". - Kim Scott

Cercate di capire il percorso e gli obiettivi di crescita personale di ciascun dipendente. Poi si possono incorporare strumenti di valutazione per aiutare ogni dipendente a tenere il passo con i propri obiettivi. Strumenti come i check-in trimestrali aiuteranno i dipendenti a fare quanto segue:

  • Valutare i propri obiettivi
  • Conoscere i loro progressi
  • Progettare i propri obiettivi futuri e come raggiungerli

I manager devono fare attenzione ad assegnare etichette ai dipendenti. Titoli come "top performer" mettono inutilmente sotto pressione il destinatario. Utilizzate invece i termini di classificazione di Jared Smith, come ad esempio:

  • "Quartiere spento"
  • "Trimestre solido"
  • "Trimestre eccezionale"

Una persona può probabilmente oscillare tra i due quarti con il tempo.

StoryShot #5: Essere aperti alle critiche

I buoni leader sfidano i loro seguaci. Sono anche aperto alle critiche per coltivare la collaborazione e le relazioni forti. È normale commettere errori. Tuttavia, la disponibilità ad accettare critiche e correzioni è la chiave per guadagnarsi il rispetto.

In effetti, una comunicazione aperta è essenziale per relazioni sane. La sfida diretta crea una cultura collaborativa sul posto di lavoro. Con una critica aperta, si può coltivare un lavoro di squadra armonico. Sfidare qualcuno faccia a faccia dimostra che si ha a cuore il suo benessere. La critica permette a chi la riceve di crescere nei rispettivi ambiti.

"Quando i capi si preoccupano troppo che tutti vadano d'accordo, non incoraggiano le persone del loro team a criticarsi a vicenda per paura di seminare zizzania. Creano un ambiente di lavoro in cui l'essere "gentili" è prioritario a scapito della critica e quindi del miglioramento delle prestazioni effettive". - Kim Scott 

Accettare le critiche con grazia dimostra responsabilità. Una persona responsabile non ha paura di ammettere i propri errori. L'accettazione aiuta chi è disposto a lavorare con gli altri a crescere all'interno del team. La maggior parte delle persone è riluttante a sfidare gli altri perché teme un potenziale conflitto. Tuttavia, è necessario riconoscere che a volte il conflitto può verificarsi per il miglioramento dell'organizzazione.

La cura personale consiste nel riconoscere tutte le emozioni che possono derivare da una conversazione sincera. La comprensione è necessaria per dare e ricevere critiche e aiuta a costruire la fiducia. Infatti, il modo migliore per alleviare le critiche è affrontare il problema faccia a faccia. Risolvere i problemi aiuta a costruire una relazione basata sulla fiducia e sul rispetto.

"Il modo in cui si chiedono le critiche e si reagisce quando le si ricevono è molto importante per costruire la fiducia o per distruggerla". - Kim Scott

StoryShot #6: Imparare l'autocompassione

L'autocompassione è la stessa cosa dell'amore per se stessi. È un atto di estendere a noi stessi la stessa grazia e compassione che daremmo a qualcuno a cui teniamo. Non confondete l'autocompassione con l'autocommiserazione e l'autoindulgenza. L'autocompassione e l'autoindulgenza spesso portano a risultati negativi.

Dovreste guardare ai vostri errori con comprensione, piuttosto che con dubbi e critiche. Fare qualche errore non significa essere pessimi nel proprio lavoro. Riconoscete invece i vostri errori e rendetevi conto che avete spazio per crescere. Imparare dai propri errori è meglio che abbattersi. Dovreste invece incolpare le azioni per gli effetti negativi e non abbattervi.

Per rendere l'amore per se stessi un viaggio agevole, aumentate la vostra fiducia in voi stessi attraverso il diario. Il diario facilita anche la gestione delle situazioni difficili. Scrivere di esperienze traumatizzanti e delle emozioni ad esse associate aiuta ad affrontarle:

  • Ansia
  • Rabbia
  • Instabilità emotiva
  • Qualsiasi altro esito negativo dell'esperienza

Contare il proprio contributo alle relazioni di lavoro aumenta la fiducia in se stessi.

StoryShot #7: Usare in modo efficace la ruota di Get Stuff Done (GSD)

Guidare le prestazioni e i risultati con il Ruota GSD per una comunicazione fluida ed efficace. I dipendenti potrebbero stancarsi di ricevere istruzioni come fossero comandamenti. La ruota GSD aiuta a classificare le istruzioni come una successione.

Utilizzando la ruota GSD, i dipendenti compiono ogni passo dopo aver completato quello precedente. Il ciclo si svolge ad anello attraverso le seguenti fasi:

  • Ascolto
  • Chiarire
  • Discutere
  • Decidere
  • Persuadere
  • Esecuzione
  • Imparare e tornare ad ascoltare

La ruota GSD aiuta a formare una cultura del lavoro in cui i membri si ascoltano attivamente. Prenderanno in considerazione le opinioni delle loro controparti senza sentirsi sopraffatti. Il ciclo aiuta anche a formare un team forte, in quanto ogni membro si sente visto e ascoltato. Un membro riconosciuto si sente prezioso nei processi decisionali e di esecuzione. È più propenso a dare il meglio di sé.

StoryShot #8: Si può guarire da esperienze traumatiche

È possibile sperimentare la gioia e vivere al meglio, anche dopo esperienze traumatiche. Gli effetti delle esperienze traumatiche vissute non devono sopraffarvi. Al contrario, è bene uscire dallo stato di trance e godersi le cose che si amano.

È giusto che siate felici dopo un evento traumatico, anche se per poco tempo. Approfittate delle cose che vi danno gioia e sforzatevi di perseguirle. La gioia aiuta a costruire la forza personale e la capacità di recupero nei confronti di traumi futuri.

La crescita post-traumatica fa parte del processo di guarigione. La guarigione può manifestarsi in cinque modi diversi:

  • Trovare la forza personale
  • Creare relazioni più profonde
  • Ottenere apprezzamento
  • Alla ricerca del senso della vita
  • Vedere possibilità uniche

Potreste attraversare più di un elemento di crescita post-traumatica. Tuttavia, non dovreste opporvi alla crescita. Esprimete gratitudine per le cose che avete, piuttosto che addolorarvi per quelle che avete perso. È più facile perseguire ciò che si ha ed esserne felici che passare il tempo a soffrire per ciò che non si ha.

StoryShot #9: La resilienza prepara ad affrontare le difficoltà più avanti nella vita

La resilienza porta successo, felicità e una salute migliore. I leader, i dirigenti e i genitori hanno lo stesso ruolo di leadership nelle rispettive comunità. Ogni leader deve guidare i propri seguaci sulla percorso di resilienza. I genitori preparano i figli ad affrontare le difficoltà future costruendo la loro resilienza.

I quattro pilastri fondamentali che aiutano a costruire la resilienza comprendono:

Controllo

Le persone resilienti controllano la loro capacità di plasmare la propria vita in base ai loro desideri. Hanno una visione di dove andare e di cosa vogliono ottenere. Di conseguenza, adottano misure proattive per orientarsi verso il raggiungimento di tali obiettivi. 

Punti di forza

Le persone di potere devono responsabilizzare i loro giovani allo stesso modo. I genitori hanno la responsabilità di aiutare i figli a identificare e coltivare i loro punti di forza. Chi detiene il potere ha la stessa responsabilità nei confronti dei propri subordinati come i genitori nei confronti dei figli. L'ambiente di apprendimento deve anche permettere agli individui di provare emozioni senza sensi di colpa. 

Valore

Relazioni forti e sane rendono gli attori consapevoli del loro valore. I bambini diventano più resilienti quando sanno di essere importanti, di essere curati e di avere bisogno di loro. I bravi genitori ascoltano i loro figli e apprezzano il loro feedback. I leader o i dirigenti eccellenti riconoscono e rispettano il feedback dei loro sottoposti.

Fallimento 

Una mentalità di crescita aiuta a imparare dai fallimenti. Infatti, sostituire una mentalità fissa con una mentalità di crescita aiuta tutti ad affrontare le difficoltà. Una mentalità fissa crede che si sia nati con determinate caratteristiche immutabili. Una mentalità di crescita apprezza ogni piccola mossa e loda gli sforzi compiuti per raggiungere i propri obiettivi.

StoryShot #10: Prendere tanto quanto dare

Tutte le relazioni prosperano quando tutte le parti sono attive e partecipi. Le relazioni professionali sane devono incoraggiare i feedback positivi e negativi. Infatti, il feedback è uno dei modi migliori per identificare i punti deboli e quelli forti.

Per avere un rapporto sincero sul lavoro, il manager deve essere aperto alle critiche. Ricevere critiche dai colleghi e viceversa rafforza il rapporto. Criticare il proprio capo può essere scomodo, ma l'attenzione personale può alleviare la questione. 

In qualità di manager, incoraggiate i vostri colleghi a fornire un feedback. Potete sollecitarli usando frasi come: "C'è qualcosa che potrei fare o smettere di fare riguardo all'argomento in questione?". La vulnerabilità faciliterà una comunicazione trasparente tra tutte le parti coinvolte.

Riassunto finale e revisione

Candore radicale sottolinea la qualità della comunicazione onesta. Ciò significa bilanciare l'attenzione personale e una comunicazione trasparente e sincera. Nel lavoro e nella gestione, la comunicazione aperta favorisce la crescita del team. Inoltre, aiuta tutti a migliorare se stessi. 

Rivediamo ancora una volta i punti chiave. Taggateci sui social media e fateci sapere con quali siete d'accordo o in disaccordo.

  1. Cura personale e sfida diretta
  2. I grandi leader guidano attraverso la guida
  3. La presenza emotiva è essenziale per una buona leadership
  4. Impegnarsi deliberatamente per comprendere i propri colleghi
  5. Essere aperti alle critiche
  6. Imparare l'autocompassione
  7. Usare efficacemente la Ruota delle cose da fare
  8. Si può guarire dalle esperienze traumatiche
  9. La resilienza prepara ad affrontare le difficoltà più avanti nella vita
  10. Prendere quanto si dà

La sincerità radicale aiuta i membri del team a creare legami legittimi. Il legame autentico aiuta tutti a dare il meglio di sé sul lavoro. All'inizio queste pratiche possono risultare difficili. Tuttavia, diventa più facile implementarle:

  • Ascoltare le idee dei diversi attori
  • Revisione sistematica dei processi
  • Conversazioni oneste

Le buone intenzioni e l'attenzione personale possono far crescere l'azienda. Il candore radicale è probabilmente una tecnica di gestione efficace, ma non sempre funziona. Dipende in larga misura dalla gestione dell'ottica e dalla percezione che i leader hanno di loro. Sebbene la gestione dell'ottica sia ottima, a volte può avere l'effetto opposto. I leader devono anche trovare il giusto equilibrio tra mostrare empatia e fornire critiche.

Il "candore radicale" è ciò che accade quando si mettono insieme "curare personalmente" e "sfidare direttamente"". - Kim Scott

Valutazione

Valutiamo questo libro 4.2/5.

Nota dell'editore

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta il 30 luglio 2022.

Riassunti di libri correlati

L'arte della felicità

Appoggiarsi a

Grit

Mindset

Non può farmi male

Proprietà estrema

Conversazioni difficili

Conversazioni cruciali

Comunicazione nonviolenta

12 regole per la vita

Nessuna regola Regole

Cosa serve

Riassunto di Radical Candor
  • Risparmiare

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.