L'Arte della Felicità Riassunto
 |  | 

L'arte della felicità - Riassunto e recensione - Il Dalai Lama

Un manuale per vivere

La vita si dà da fare. Ha L'arte della felicità ha preso polvere sul vostro scaffale? Invece, imparate ora alcune delle idee chiave.

Qui stiamo grattando la superficie. Se non avete già il libro, ordinate il libro o ottenere il audiolibro gratis su Amazon per conoscere i dettagli succosi.

Disclaimer: questo è un riassunto e un'analisi non ufficiale.

La prospettiva del Dalai Lama

Il Dalai Lama è la 14a reincarnazione del Dalai Lama. Si descrive come un monaco buddista ed è attualmente il leader spirituale del Tibet. Prima si chiamava Lhamo Dhondup ed è nato da una famiglia di contadini in una piccola area del Tibet nord-orientale. 

Introduzione

L'arte della felicità è una guida alle tradizioni spirituali orientali per un pubblico occidentale. Questo libro copre tutte le sfaccettature dell'esperienza umana, compreso come risolvere i problemi quotidiani in modo da poter vivere una vita felice. Inoltre, come si può rimanere in pace durante tempi altamente stressanti e impegnativi. L'arte della felicità è una collaborazione con uno psichiatra, il dottor Howard C. Cutler. Utilizza i principi del buddismo tibetano per aiutare le persone occidentali impegnate ad ottenere un maggiore equilibrio e libertà spirituale nella loro vita.

Lo scopo della tua vita è cercare la felicità

"Quindi riflettiamo su ciò che ha veramente valore nella vita, su ciò che dà senso alla nostra vita, e stabiliamo le nostre priorità sulla base di questo. Lo scopo della nostra vita deve essere positivo. Non siamo nati con lo scopo di causare problemi, di danneggiare gli altri. Affinché la nostra vita abbia un valore, penso che dobbiamo sviluppare buone qualità umane di base - calore, gentilezza, compassione. Allora la nostra vita diventa significativa e più pacifica, più felice".

- Il Dalai Lama

Il Dalai Lama spiega che abbiamo tutti lo stesso scopo nella vita. Il tuo scopo è cercare la felicità, indipendentemente dal tuo background religioso, culturale o sociale. Ci sono differenze, però, nelle convinzioni delle singole culture che la felicità sia raggiungibile. In Occidente, c'è una convinzione generale che la felicità non possa essere sviluppata e sostenuta allenando la mente. Il buddismo sfida questa visione e suggerisce che la felicità è un obiettivo raggiungibile.

Il successo non vi porterà una felicità duratura, né il fallimento vi porterà una depressione duratura. Prima o poi, tutti torniamo alla nostra felicità di base. Il Dalai Lama spiega che gli psicologi chiamano questo effetto adattamento edonico. Non importa cosa sta succedendo nei tuoi eventi esterni, perché alla fine tornerai alla tua linea di base. Quindi, il beneficio del buddismo è che ti mostra come impostare questa linea di base ad un livello più alto di felicità.

Non mettere la gioia nella sofferenza degli altri

Può essere facile cadere nella trappola di volere il peggio per i nostri nemici. Tuttavia, l'infelicità dei vostri nemici non vi aiuterà a sostenere la felicità a lungo termine. I buddisti passano una quantità considerevole del loro tempo a prestare attenzione agli individui che non necessariamente amano. Passano questo tempo a combattere questi sentimenti, poiché l'odio è un ostacolo alla felicità. Pertanto, il Dalai Lama raccomanda di praticare la pazienza e la tolleranza quando si incontrano individui che non piacciono. Inoltre, si dovrebbe essere grati per i momenti che si hanno con i nemici. Questi momenti sono quelli in cui si può effettivamente praticare la pazienza.

La compassione universale coltiva la felicità

"Se vuoi che gli altri siano felici, pratica la compassione. Se vuoi essere felice, pratica la compassione".

- Dalai Lama

La compassione è una caratteristica comune in questo libro e nei più ampi insegnamenti del Dalai Lama. La compassione è un fondamento dei principi buddisti, e il Dalai Lama crede che dobbiamo essere universalmente compassionevoli per essere veramente felici. 

Il Dalai Lama definisce la compassione come uno stato d'animo non aggressivo. Si basa sul desiderio di vedere tutte le altre persone libere dalla sofferenza. Questo sentimento non dovrebbe essere attaccato a come ci si sente riguardo a particolari individui o circostanze. Invece, la compassione universale significa compassione per tutte le creature viventi in tutte le situazioni. 

L'importanza della compassione è che un individuo che è compassionevole porta a più compassione negli altri. Vivere una vita senza rabbia e rancore è automaticamente una vita più felice. I vostri pensieri saranno più positivi. 

Il Dalai Lama suggerisce di sfruttare la vostra empatia verso gli altri cercando di capire meglio il background altrui. Una volta che avete imparato questo, potete identificare e concentrarvi sulle cose che avete in comune. Per esempio, se un cameriere sbaglia una delle voci del tuo ordine, puoi cercare di capire perché questo potrebbe essere il caso. Il cameriere, come te, potrebbe lavorare per fornire soldi alla sua famiglia. Tuttavia, lo stress e la stanchezza per il duro lavoro potrebbero aver interferito momentaneamente e averlo spinto a commettere un errore.

Dobbiamo fare collegamenti diversi dall'amore occidentale

"Penso che se si cerca di costruire una relazione veramente soddisfacente, il modo migliore per ottenerla è conoscere la natura più profonda della persona e relazionarsi con lei o con lui a quel livello, invece che sulla base di caratteristiche superficiali".

- Dalai Lama

Il Dalai Lama ritiene che le relazioni intime siano essenziali per il nostro benessere fisico e mentale. Tuttavia, questo non significa che la visione occidentale delle relazioni sia ideale. Il Dalai Lama considera problematica l'enfasi eccessiva dell'Occidente sulle relazioni romantiche. Questo approccio fa sentire emarginati coloro che lottano per trovare un partner romantico o che non desiderano avere un partner problematico. Inoltre, le relazioni romantiche spesso non durano perché hanno i principi sbagliati. Sono costruite sulle idee sociali delle relazioni piuttosto che sul rispetto e l'apprezzamento per l'altra persona. 

Il Dalai Lama afferma di avere molteplici relazioni intime con persone vicine a lui, compresi i tutori e i cuochi. Cerca di connettersi con quante più persone possibile, piuttosto che vedere le relazioni romantiche come la relazione definitiva. Crede che la sua vita sia diventata molto più soddisfacente collegandosi ad un livello profondo con una vasta gamma di persone.

 

La religione non è necessaria per la spiritualità

"Quindi riflettiamo su ciò che ha veramente valore nella vita, su ciò che dà senso alla nostra vita, e stabiliamo le nostre priorità sulla base di questo. Lo scopo della nostra vita deve essere positivo. Non siamo nati con lo scopo di causare problemi, di danneggiare gli altri. Affinché la nostra vita abbia un valore, penso che dobbiamo sviluppare buone qualità umane di base - calore, gentilezza, compassione. Allora la nostra vita diventa significativa e più pacifica, più felice".

- Dalai Lama

La spiritualità non è una religione

Una delle convinzioni più importanti del Dalai Lama è che la spiritualità è parte integrante del vivere una vita felice. Tuttavia, il Dalai Lama non afferma che la spiritualità deve provenire da una particolare religione. Egli afferma che la spiritualità non deve essere associata alla religione. 

Il Dalai Lama etichetta questa spiritualità non religiosa come spiritualità di base. La spiritualità di base include qualità umane come la bontà e la compassione. Queste qualità sono preziose per tutti gli esseri umani e aiuteranno tutte le società a vivere una vita più felice e pacifica. 

Spiritualità di base

Il Dalai Lama passa quattro ore ogni giorno a meditare. Tuttavia, la spiritualità di base non è legata a rituali religiosi. Invece, la spiritualità di base può essere praticata ogni giorno e in ogni momento. Possiamo mostrare compassione in tutte le azioni pensando agli interessi degli altri. Per esempio, considera uno scenario in cui un altro guidatore ti ha tagliato la strada. Senza compassione universale, potresti reagire con rabbia e odio. Questa risposta vi farà solo sentire meno felici e pacifici, e in più avrà un impatto negativo sull'altro guidatore. Cercate invece di adottare la spiritualità di base rimanendo calmi e accettando che la persona possa aver commesso un errore e non avervi visto. Prova a pensare alle volte in cui hai fatto degli errori di guida e considera come avresti voluto che gli altri guidatori rispondessero. Adottare questo approccio vi aiuterà a ottenere i benefici della spiritualità ma senza la religione.

La sofferenza è naturale, ma noi la amplifichiamo

La sofferenza fa parte della vita. È naturale e qualcosa che non si può sempre evitare. È interessante notare che le culture orientali accettano la sofferenza più degli occidentali. Gli occidentali tendono a percepirsi come vittime quando soffrono. Al contrario, gli orientali accettano che la sofferenza faccia parte della vita finché sono vivi. 

Cercare di evitare la sofferenza è solo una soluzione temporanea. Tutti noi alla fine soffriamo, anche se prendiamo tutte le misure appropriate per prevenire la sofferenza. La cosa più importante è il nostro atteggiamento mentale quando incontriamo la sofferenza. Invece di temere la sofferenza e vederla come ingiusta, è meglio semplicemente accettarla. 

Oltre a non accettare la sofferenza, abbiamo la tendenza a ingigantire il grado di sofferenza che sperimentiamo. Per esempio, gli occidentali tendono a dare troppa importanza ai beni. Invece, dobbiamo accettare che il cambiamento è costante e che resistere al cambiamento porterà solo alla sofferenza quando si verifica. Allo stesso modo, gli occidentali tendono ad aggrapparsi agli eventi negativi. Ripensare a precedenti eventi negativi farà solo riaffiorare la sofferenza che avete avuto la prima volta. 

Pertanto, il Dalai Lama suggerisce che dobbiamo accettare che la sofferenza e il cambiamento sono entrambi naturali. Meno ci preoccupiamo quando entrambi arrivano, meno grave sarà la sofferenza. Inoltre, incontreremo meno angoscia perché non fermeremo la sofferenza/cambiamento.

Atteggiamenti, sentimenti e abitudini positivi possono essere incoraggiati da uno sforzo sostenuto

Il Dalai Lama crede che i nostri stati d'animo abbiano un impatto sul nostro stato emotivo. Per esempio, la rabbia e la paura ci impediscono di essere veramente felici. D'altra parte, l'amore, la compassione, la pazienza e la generosità possono essere antidoti a questi stati mentali negativi. Questi sono gli stati d'animo positivi di cui abbiamo bisogno per essere veramente felici. 

Questo processo di sostituzione degli stati d'animo negativi con quelli positivi richiede tempo. Il Dalai Lama ammette persino che gli ci sono voluti 40 anni per imparare a praticare e apprezzare i principi buddisti. Imparare i principi buddisti è un processo graduale di instillare buone abitudini. Attraverso uno sforzo sostenuto di impegnarsi con stati d'animo positivi, si verificherà un vero cambiamento.

Cerca di trovare il buono in ogni situazione

La maggior parte delle situazioni avrà aspetti positivi e negativi. Generalmente, tendiamo a concentrarci sugli aspetti negativi. Usate i momenti difficili come opportunità positive per praticare virtù come la pazienza e la compassione. Questo è un altro modo per affrontare l'inevitabile sofferenza che sperimenteremo. Questi momenti di sofferenza possono essere resi positivi quando li consideriamo come opportunità per praticare la nostra spiritualità di base. 

Il Dalai Lama descrive coloro che possono vedere il positivo in situazioni tradizionalmente negative come aventi una mente flessibile. Chiunque può sviluppare questa mente flessibile puntando costantemente a identificare il positivo nelle situazioni spiacevoli. 

Il Dalai Lama raccomanda ai lettori di iniziare a praticare a vedere il bene negli eventi avversi il più presto possibile. Non sarà possibile immediatamente, ma con il tempo chiunque può imparare ad avere questa mentalità. 

Sostituire rabbia e odio con pazienza e tolleranza

Il Dalai Lama sostiene che la rabbia e l'odio sono gli ostacoli più significativi alla felicità degli esseri umani. Entrambe queste emozioni distruggono la nostra pace mentale. Inoltre, interferiscono enormemente con il nostro processo decisionale. Le cattive decisioni che ne conseguono ci rendono solo più arrabbiati e odiosi. 

Non possiamo superare queste emozioni sopprimendole. Tuttavia, esprimerle ha anche il potenziale di aumentare queste emozioni. Pertanto, la risposta corretta è quella di adottare pazienza e tolleranza piuttosto che rabbia. Se riesci a coltivare questa mentalità attraverso la meditazione, allora presto la rabbia non sarà la risposta naturale. Inoltre, cerca di sfruttare la contentezza interiore. La contentezza interiore dovrebbe ridurre lo stress che sperimentate, il che ridurrà al minimo i vostri sentimenti di rabbia. 

Concedersi del tempo lontano dalla situazione per pensare logicamente vi aiuterà a sostituire questi sentimenti negativi con la pazienza e la tolleranza.

Combatti le tue ansie analizzando i tuoi pensieri e le tue motivazioni

"Più sei onesto, più sei aperto, meno paura avrai, perché non c'è ansia di essere esposto o rivelato agli altri".

- Dalai Lama

Ansie e preoccupazioni sono risposte naturali. Tuttavia, avere continuamente queste risposte non è sano. Il Dalai Lama raccomanda di sfidare i pensieri associati alle nostre ansie. Poi, sostituire questi pensieri con altri positivi. 

L'Arte della Felicità suggerisce che l'ansia eccessiva è quasi sempre associata a una bassa fiducia in se stessi. Un modo per affrontare questo problema è essere onesti con se stessi e con gli altri sulle proprie capacità e limiti. Le vostre ansie di fallire saranno molto meno un problema se siete disposti ad accettare che avete dei limiti che potrebbero portare a dei fallimenti. 

A volte la bassa autostima può raggiungere l'estremo dell'odio verso se stessi. Una persona può sentirsi completamente indegna e persino contemplare il suicidio. L'antidoto a questo stato mentale estremo è ricordare a se stessi il meraviglioso intelletto e il potenziale di sviluppo di ogni essere umano. I tibetani lo contemplano abitualmente nelle loro meditazioni quotidiane, ed è forse per questo che l'odio di sé è un concetto praticamente sconosciuto nella loro società.

Valutazione

Valutiamo questo libro 4.4/5.

Il nostro punteggio

PDF, audiolibro gratuito, infografica e riassunto animato del libro L'arte della felicità

Commentate qui sotto e fate sapere agli altri cosa avete imparato o se avete altri pensieri.

Nuovo su StoryShots? Ottieni le versioni audio e animate di questo riassunto e centinaia di altri libri di saggistica bestseller nel nostro app gratuita di alto livello. È stato descritto da Apple, The Guardian, The UN, e Google come una delle migliori app di lettura e apprendimento al mondo.

Per immergersi nei dettagli, ordinate il libro o ottenere l'audiolibro gratis.

L'autobiografia di Martin Luther King da Martin Luther King

Comunicazione nonviolenta da Marshall Rosenberg

Lungo cammino verso la libertà da Nelson Mandela

L'autobiografia di Malcolm X da Malcolm X

Io sono Malala da Malala Yousafzai

Come essere un antirazzista da Ibram X. Kendi

Nato da un crimine da Trevor Noah

La ricerca di significato dell'uomo da Victor Frankl

Quello che so per certo da Oprah Winfrey

Non può farmi male da David Goggins

Diventare da Michelle Obama

Ingegneria interna da Sadhguru

Candore radicale di Kim Scott

L'arte della felicità: riassunto
  • Risparmiare

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.