Il corpo tiene il punteggio riassunto per capitoli in note a margine
 |  |  |  | 

Il corpo tiene il punteggio Riassunto e infografica - Bessel van der Kolk

Cervello, mente e corpo nella guarigione dal trauma

Il corpo tiene il punteggio riassunto per capitoli in note a margine

La vita si dà da fare. Ha Il corpo tiene il punteggio è stato nella vostra lista di lettura? Scoprite subito le intuizioni chiave.

Stiamo grattando la superficie in Il corpo tiene il punteggio riassunto. Se non avete ancora il libro, ordinatelo. qui o ottenere il audiolibro gratis per conoscere i dettagli succosi.

La prospettiva di Bessel Van der Kolk

Bessell Van der Kolk, MD, è uno psichiatra qualificato. È specializzato nel campo dello stress post-traumatico, che lo ha portato a scrivere su 150 articoli scientifici rivisti da esperti, la maggior parte dei quali sullo stress post-traumatico. Van der Kolk, originario dei Paesi Bassi, è stato anche presidente della Società internazionale per gli studi sullo stress traumatico. Attualmente è professore di psichiatria alla Boston University School of Medicine. 

Ascolta il riassunto dell'audiolibro di "Il corpo tiene il conto".

Introduzione

Il corpo tiene il punteggio è un libro innovativo dello psichiatra ed esperto di traumi Van der Kolk. Tutti noi comprendiamo l'effetto che il trauma psicologico può avere sugli individui. Il trauma può avere un impatto sul modo in cui le persone percepiscono se stesse e il mondo che le circonda. Il trauma psicologico può avere un impatto duraturo anche sui cari dell'individuo. In questo libro, Van der Kolk copre la complessità di come il trauma produce questi effetti considerando le neuroscienze coinvolte. Van der Kolk presenta anche i modi in cui le neuroscienze ci permettono di produrre nuovi ed efficaci trattamenti per i sopravvissuti al trauma psicologico. Esempi di questi approcci includono la desensibilizzazione e rielaborazione dei movimenti oculari, lo yoga e la terapia del sistema limbico. Van der Kolk ci guida attraverso queste terapie moderne ricordando la sua carriera e i pazienti che ha visto. Così questo libro serve anche come una storia del campo della salute mentale degli ultimi 30 anni. 

Dopo aver appreso queste storie, capirete meglio come il nostro cervello reagisce e affronta il trauma psicologico. Ciò che Van der Kolk raccomanda è aiutare i sopravvissuti ai traumi psicologici a recuperare.

StoryShot #1: Gli antidepressivi hanno rovinato il sostegno alla salute mentale 

Van der Kolk descrive come lui e altri ricercatori/terapisti erano così eccitati quando gli antidepressivi furono introdotti per la prima volta. Ora crede che il nostro uso eccessivo di questi farmaci ci ha portato a trattare la malattia mentale come una malattia. Sfortunatamente, questo approccio significa che le seguenti cose sono state rimosse dal supporto della salute mentale:

  1. La convinzione che possiamo curarci a vicenda nello stesso modo in cui possiamo distruggere l'un l'altro
  2. Un linguaggio che è fondamentale per darci il potere di cambiare le circostanze
  3. Controllare la nostra fisiologia usando tecniche di respirazione, movimento e contatto, piuttosto che ricorrere ai farmaci
  4. Un'inclinazione a cambiare le condizioni sociali in modo che le persone si sentano più sicure e siano quindi in grado di prosperare

StoryShot #2: Lo sviluppo della nostra comprensione del trauma

Le prime ricerche di Van der Kolk hanno avuto un ruolo importante nel riaccendere le idee sul trauma. 

Il trauma e la sua associazione con la salute mentale sono stati presumibilmente scoperti da Pierre Janet alla fine del 1800. Janet è uno dei padri fondatori della psicologia. È stato anche uno dei primi a identificare come gli eventi precedenti nella vita di una persona possono portare al trauma attuale. Ha definito i termini dissociazione e subconscioentrambi i quali sono usati ancora oggi nelle conversazioni sul trauma. 

Van der Kolk descrive le sue prime ricerche sui veterani. I test di Rorschach hanno scoperto che il trauma può distorcere la percezione della realtà da parte del cervello. Questi test sono stati parte integrante del modo in cui Van der Kolk ha poi affrontato le sue sessioni di terapia con i sopravvissuti all'incesto. Fu allora che iniziò a trattare i pazienti attraverso una "lente del trauma". Lavorare con i veterani gli ha permesso di capire il notevole coraggio che ci vuole per le vittime di traumi per ricordare il loro trauma. 

Van der Kolk ha anche applicato questa lente del trauma a una gamma più ampia di individui, rivelando che il trauma era molto più diffuso. Il trauma può derivare da qualsiasi esperienza di stress estremo o dolore che lascia l'individuo con sentimenti di impotenza. 

StoryShot #3: Il trauma influenza le relazioni

Van der Kolk ha anche riconosciuto che il trauma ha un impatto significativo sulle persone intorno al sopravvissuto. Gli individui traumatizzati hanno spesso un disordine da stress post-traumatico (PTSD), che porta alla depressione e all'abuso di sostanze. Gli individui traumatizzati possono fare fatica a fidarsi degli altri. Danno per scontato che nessuno possa capire cosa gli è successo e perché continuano a riviverlo. 

Van der Kolk ha dato un esempio di questo fenomeno scrivendo di una sessione di terapia di gruppo che ha fornito ai veterani di guerra. Il gruppo aiutava anche i veterani a trovare nuovi amici con cui condividere le loro esperienze. Detto questo, coloro che non erano traumatizzati erano considerati outsider da quelli che lo erano. Questo pregiudizio significava che Van der Kolk era anche un estraneo agli occhi del gruppo traumatizzato. Per superare questo ostacolo, Van der Kolk ha dovuto fornire settimane di ascolto, empatizzare e costruire la fiducia. Questa storia dimostra che dobbiamo costruire un rapporto con i traumatizzati prima di poterci aspettare una qualsiasi fiducia da loro. Spesso il trauma è causato da persone fidate in primo luogo. Quindi è essenziale capire che riconquistare la fiducia è difficile per le persone traumatizzate.

StoryShot #4: La terapia può curare il trauma

Van der Kolk ha descritto come la salute del cervello e le risposte adattative ai fattori di stress sono la chiave per produrre l'azione. Pensate alle risposte "lotta o fuga". Entrambe richiedono un'azione per porre fine allo stress. I problemi sorgono quando lo stress è travolgente, come con un evento traumatico che può bloccare la risposta adattativa del corpo e impedire l'azione richiesta. Questo suggerisce perché la desensibilizzazione e rielaborazione dei movimenti oculari (EMDR) è vitale. Questa terapia aiuta la persona traumatizzata ad elaborare le informazioni in modo adattivo.  

StoryShot #5: la scansione del cervello ti suggerisce di agire

Trattare la mancanza di speranza o l'inerzia è estremamente importante. La mancanza di speranza è stata descritta come la caratteristica più impattante del trauma. L'azione è la chiave per la guarigione perché spegne il lotta o fuga meccanismo di sopravvivenza, segnalando la sicurezza. Poiché questa risposta di sopravvivenza può essere bloccata da un trauma, il nostro cervello continua a secernere ormoni dello stress. Van der Kolk lo paragona a un rilevatore di fumo che si spegne sempre. Così, anche quando non si sta vivendo questo fattore di stress, il corpo sta ancora reagendo come se lo fosse. Gli ormoni dello stress hanno un impatto particolare perché limitano l'attività del cervello in un'area chiamata corteccia prefrontale. La corteccia prefrontale è probabilmente la parte più cruciale del cervello, poiché è coinvolta in tutti i processi decisionali. Mentre si rivive il trauma, l'amigdala e il sistema limbico funzionano alla massima velocità. Questo overdrive significa che la parte del cervello e il sistema associato alle emozioni sono sempre iperattivati. 

Questa reazione può essere descritta come elaborazione 'bottom-up'. Van der Kolk spiega che dovremmo sviluppare terapie che incoraggino la ricalibrazione sia dell'elaborazione 'top-down' che 'bottom-up'. La torre di guardia del cervello (corteccia prefrontale) dovrebbe quindi essere meglio in grado di monitorare le reazioni del nostro corpo. 

I modi per rafforzare la regolazione mentale top-down sono:

  1. Meditazione di consapevolezza
  2. Yoga

I modi per ricalibrare la regolazione mentale dal basso sono:

  1. Respirazione
  2. Movimento
  3. Toccare

StoryShot #6: Come i terapeuti dovrebbero approcciare il trattamento del trauma

La terapia per gli individui traumatizzati ha bisogno di far leva su tecniche di regolazione mentale sia top-down che bottom-up, tra cui la mindfulness, lo yoga, la respirazione, il movimento e il tocco. . Dissociazione è l'essenza del trauma, poiché le esperienze avverse frammentano la nostra vita quotidiana. Ecco una sintesi di come i terapeuti dovrebbero affrontare il trattamento del trauma:

  1. Aiutare i clienti a riattivare un senso di sé nel corpo fisico. Mindfulness aiuta a fare esattamente questo.
  2. Estrarre informazioni sensoriali bloccate e aiutare il cliente a fare amicizia, non a sopprimere le risposte corporee.
  3. Completa il azioni fisiche di autoconservazione che sono stati contrastati quando il sopravvissuto è stato trattenuto o immobilizzato dal terrore.
  4. Assistere i clienti attraverso immaginazione. Il nostro cervello non conosce la differenza tra la vita reale e l'immaginazione, come dimostrano i sogni. Questo significa che l'immaginazione è fondamentale per aiutare il traumatizzato a guarire.

StoryShot #7: Il trauma precoce cambia la neuroanatomia

L'autoregolazione viene appresa dai primi caregiver attraverso i neuroni specchio, l'empatia e l'imitazione. I traumi precoci cambiano il modo in cui il cervello è cablato, e né i farmaci né la terapia convenzionale possono cancellare questi cambiamenti nel cervello. Van der Kolk cita la sua ricerca per dimostrare che la stragrande maggioranza dei problemi di salute mentale dei bambini sono dovuti al trauma.  

Purtroppo, nonostante questo fatto, Van der Kolk ha perso la sua battaglia per far aggiungere al DSM-5 (Manuale Diagnostico Statistico dei Disturbi Mentali) la diagnosi di Disturbo da Trauma dello Sviluppo infantile. Voleva che fosse inclusa come un sostituto per la maggior parte delle diagnosi infantili. Van der Kolk attribuisce il rifiuto al sostanziale valore monetario derivato dal DSM.

Le diagnosi dovrebbero condurci agli interventi. Van der Kolk afferma che le nostre attuali diagnosi infantili descrivono sintomi comportamentali ed emotivi derivanti da un trauma. 

StoryShot #8: I ricordi traumatici sono disorganizzati

Il cervello sano e quello traumatico immagazzinano entrambi le percezioni dell'esperienza nelle reti neurali. Detto questo, la differenza critica tra loro è il loro livello di eccitazione. Charcot e Pierre Janet furono i primi a parlare del PTSD come caratterizzato da un'intensa eccitazione emotiva. Freud ha anche fornito cure parlanti che si concentravano su una reazione energetica collegata al ricordo, e la risoluzione è quella di rilasciare o interrompere questa connessione. Van der Kolk ha spiegato che questa dissociazione comporta l'isolamento con questo ricordo e la sua connessione emotiva.

Van der Kolk spiega che la ricerca mostra che i ricordi positivi e traumatici differiscono nella struttura. I ricordi positivi hanno un inizio, una metà e una fine. I ricordi traumatici sono disorganizzati, frammentati e appaiono come immagini, sensazioni fisiche ed emozioni intense. 

La psicologa americana Francine Shapiro credeva che le memorie non elaborate sono la base delle patologie. Questi ricordi impediscono al nostro cervello di aggiornare in modo adattivo i nostri percorsi neurali. Ma il nostro cervello è neuroplastico, quindi gli sviluppi nelle neuroscienze e la conoscenza di come il nostro cervello può essere cambiato forniscono una grande speranza per la nostra capacità di assistere gli altri verso la salute mentale e il benessere. 

StoryShot #9: Ripristinare l'equilibrio tra il tuo cervello emotivo e razionale

La direttiva di Van der Kolk per un'efficace terapia del trauma include i seguenti consigli:

  1. Trova un modo per essere calmo in tutti i momenti. Imparare a mantenere la calma e la concentrazione anche quando si è scatenati da pensieri o emozioni passate.
  2. Imparate ad essere pienamente vivi nel presente. Rimanere impegnati con gli altri e con il momento presente.
  3. Cerca di rimanere sincero con te stesso. Rimanere sinceri include come siete riusciti a sopravvivere al trauma.

In sintesi, superare il trauma significa ripristinare l'equilibrio tra le parti razionali (corteccia prefrontale) ed emotive (amigdala) del cervello. Dovresti usare tecniche di respirazione (conosciute anche come breathwork) per gestire l'iperarousal, mindfulness per rafforzare la tua autoconsapevolezza, e forti relazioni e reti di supporto sviluppate per aiutarti a muoverti verso il recupero. 

Oltre a questo fondamento di base, Van der Kolk fornisce molti suggerimenti per le opzioni terapeutiche, tra cui:

  • Yoga
  • EMDR
  • Sistemi familiari interni di Schwartz
  • Terapia psicomotoria Pesso PBSP
  • Neurofeedback
  • Movimento 
  • Teatro
  • Danza

Yoga

Una delle terapie più efficaci per il trauma è lo yoga. Van der Kolk spiega che il corpo e la mente hanno una stretta relazione. Quindi una vita equilibrata dipende dalla comprensione di come funzionano le tue emozioni e di come queste emozioni hanno un impatto sul tuo corpo. Il trauma può rendere questa relazione tra corpo e mente particolarmente difficile da capire. Per esempio, gli individui traumatizzati hanno un sistema di allarme ipersensibile.

Per affrontare questo scollamento tra corpo e mente, le persone post-traumatiche si rivolgono a cose che intorpidiscono i loro sentimenti. Ma questo tende a fare più male che bene. Un'alternativa che mira ad aiutare ad entrare in contatto con le proprie emozioni è lo yoga. Van der Kolk spiega che ha avuto molti pazienti che incoraggiano con successo i segnali sul loro stato emotivo usando lo yoga. Lo yoga permette agli individui traumatizzati di adottare posizioni stereotipate e vulnerabili in un ambiente sicuro. 

Mindfulness

La Mindfulness ha un potenziale simile per permettere agli individui traumatizzati di entrare in contatto con le loro emozioni. L'obiettivo primario della Mindfulness è quello di aiutare le persone a mantenere una consapevolezza consapevole dei loro corpi e delle loro emozioni piuttosto che negarli. Il trauma è spesso associato alla negazione delle emozioni come un modo per reprimere i ricordi difficili. Questa negazione impedisce agli individui traumatizzati di iniziare il processo di guarigione. 

La mindfulness è stata costantemente in grado di alleviare alcuni degli effetti psicologici e fisiologici del trauma. La ricerca suggerisce anche che la mindfulness può migliorare le risposte immunitarie biologiche e attivare le regioni del cervello che regolano le emozioni.

StoryShot #10: Cerca di elaborare le esperienze traumatiche come altre esperienze

Ci sono chiare differenze tra i modi in cui ricordiamo i ricordi traumatici e quelli non traumatici. I ricordi traumatici sono fortemente basati su frammenti sensoriali ed emotivi. Questo perché il nostro cervello è sopraffatto dallo shock degli eventi traumatici e quindi facciamo fatica ad elaborare tutte le informazioni. Una parte vitale del superamento del trauma è cercare di ricordare i dettagli di queste esperienze. Se una persona può elaborare queste informazioni, sarà meglio attrezzata per mettere in atto le strutture per iniziare a superare il trauma.

Riassunto finale e recensione di The Body Keeps The Score

Il corpo tiene il punteggio è una panoramica della relazione tra i nostri corpi e le nostre menti. Van Der Kolk usa i suoi anni di esperienza nella ricerca, diagnosi e trattamento del PTSD per offrire una guida sulla forte relazione tra il trauma e il nostro corpo. Egli sfida l'opinione comune che i farmaci siano la cura per le esperienze traumatiche. L'alternativa è capire meglio come il trauma colpisce la nostra mente e il nostro corpo, e come possiamo cambiare il modo in cui elaboriamo queste informazioni. 

Valutazione

Il nostro giudizio su The Body Keeps the Score è di 4,6/5.

Il nostro punteggio

Il corpo tiene il punteggio PDF, infografica, audiolibro gratuito e riassunto animato del libro

Questa era la punta dell'iceberg. Per immergersi nei dettagli e sostenere l'autore, ordinate il libro qui o ottenere l'audiolibro gratis su Amazon.

Ti sono piaciute le lezioni che hai imparato qui? Commenta qui sotto o condividi per mostrare che ti interessa.

Nuovo a StoryShots? Ottieni il PDF, l'audio gratuito e le versioni animate di questa analisi e riassunto di The Body Keeps the Score e centinaia di altri libri di saggistica bestseller nel nostro app gratuita di alto livello. È stato descritto da Apple, The Guardian, The UN, e Google come una delle migliori app di lettura e apprendimento al mondo.

Nota dell'editore

Pubblicato per la prima volta nel marzo 2021. Aggiornato nel marzo 2022.

Disclaimer

Questo è un riassunto e un'analisi non ufficiale.

Riassunti di libri correlati

Cosa ti è successo? da Bruce Perry e Oprah Winfrey

Rompere l'abitudine di essere se stessi del Dr. Joe Dispenza

Respiro da James Nestor

Il potere di adesso da Eckhart Tolle

Fregatene di te stesso da Gary John Bishop

Rompere l'abitudine di essere se stessi del Dr. Joe Dispenza

Libro aperto da Jessica Simpson

Opzione B da Sheryl Sandberg

Sentirsi bene da David D. Burns

13 cose che le persone mentalmente forti non fanno da Amy Morin

Il monaco che vendette la sua Ferrari da Robin Sharma

L'immobilità è la chiave da Ryan Holiday

Come smettere di preoccuparsi e iniziare a vivere da Dale Carnegie

I quattro accordi da Don Miguel Ruiz

L'immobilità è la chiave da Ryan Holiday

Pensare come un monaco da Jay Shetty

Tao Te Ching da Lao Tzu

Ikigai da Albert Liebermann e Hector Garcia

Il corpo tiene la partitura Riassunto PDF Bessel Van der Kolk
  • Risparmiare

Articoli simili

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.